fbpx

Noi ricordiamo Al-Nakba

Noi ricordiamo Al-Nakba

Qualcuno sta ricordando a puro scopo propagandistico, in questi giorni, una presunta Shoah.

Noi preferiamo invece ricordare Al-Nakba.

La “Catastrofe”, una vera e propria “pulizia etnica” che le milizie sioniste guidate da David Ben Gurion effettuarono a danno della inerme popolazione palestinese.

Era il 1948, quando l’ONU, influenzato dagli USA che a loro volta erano condizionati dalla potente Lobby ebraica, concesse ai sionisti metà della Palestina nonostante che costoro in  quel momento ne occupassero solamente il 5,8% del territorio.

Una vigliacca concessione che venne fatta agli occupanti sionisti che già dagli anni ’20 proclamavano la volontà di “dearabizzare” la Palestina.

Ma questa illegale concessione, fatta in totale spregio dei diritti della popolazione palestinese non venne considerata sufficiente da parte dei sionisti, la cui vera intenzione era quella di occupare con la forza almeno l’80% del territorio.

Ebbe allora inizio una vera e propria pulizia etnica che, nel giro di poco più di un anno, tra la colpevole e complice indifferenza dell’Occidente plutocratico e dell’Oriente marxista, segnò la fine della sovranità palestinese e l’inizio dell’occupazione dell’Entità sionista.

Ben 531 villaggi palestinesi vennero distrutti, migliaia di famiglie palestinesi, bambini compresi, furono massacrate dalle milizie terroristiche sioniste – Haganah Irgun Zvai Leumi – e circa l’85% della popolazione araba venne scacciata con la violenza dalla Palestina, creando milioni di profughi che ancora oggi non hanno avuto possibilità di ritorno nella loro terra natale.

La delirante arroganza sionista giunse perfino a sostenere che la Palestina era una terra senza popolo da consegnare ad un popolo senza terra; eppure il popolo palestinese esisteva, viveva, lavorava, in pace con se stesso e con il proprio Dio. Andava quindi scacciato.

«Non esiste qualcosa come un popolo palestinese. Non è che siamo venuti, li abbiamo buttati fuori e abbiamo preso il loro paese» (Golda Meir, al The Sunday Times, 15 giugno 1969)

«Come possiamo restituire i territori occupati? Non c’è più nessuno a cui restituirli» (Golda Meir, al The Sunday Times, 8 marzo 1969)

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Sionismo

Pubblicato da Ereticamente il 26 Gennaio 2015

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • firenze 21 novembre

  • afrodite

  • ekatlos

  • siamo su telegram

  • milano 15 novembre

  • Vie della Tradizione 176

  • teatro andromeda

    Pio Filippani Ronconi 1

  • emergenza vaccini

    Vaccini: Cosa non conosciamo? Storia,tabelle e grafici mai visionati – Vacciniinforma

    di Ereticamente

    VACCINI: COSA CI È STATO OMESSO? Nella letteratura medica, si esaltano da sempre le virtù della vaccinazione. Dopo aver letto questi libri, si riman[...]

  • post Popolari

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • Gallarò in Finis Italiae - Gianfranco De Turris

      Visto che gli italiani hanno sostenuto una classe ... Leggi commento »

    • Carlo Biagioli in Intelligenza artificiale. La valle inquietante (Seconda parte) – Roberto Pecchioli

      E’ un tema senz’altro affascinante, che ho avu... Leggi commento »

    • silvia melloni in Da Bisanzio a Costantinopoli tra mito e storia - Luigi Angelino

      Una ricostruzione storica veramente coinvolge. Una... Leggi commento »

    • stelvio dal piaz in L'ora della verità (e di nuove menzogne) – Fabio Calabrese

      analisi condivisibile anche da uno come me della p... Leggi commento »

    • stefaniashanti in Gustavo Adolfo Rol: Il verde e il cinque - 3^ parte - Piervittorio Formichetti

      Sono riuscita a trovare le prime due parti nel sit... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    Google Analytics

g. casalino

c. bene

J. Thiriart

m.houellbecq

a. dugin