Il burqa che non conosciamo

Il burqa che non conosciamo

Oggi dopo la messa in scena parigina assistiamo ancora ad una volta all’ennesima mistificazione.

È chiaro e palese che il presunto attentato favorisca Israele nella sua campagna di distruzione dell’Oriente con il generoso supporto dell’America e dell’Occidente ormai in mano ai banchieri dal 1945.

In Italia soprattutto è ormai scoppiata l’islamofobia supportata dai partiti della sinistra e della destra terminale che dalla fine della guerra in poi è sempre stato uno strumento in mano ai servizi americani.

Ormai dall’11 settembre del 2001 dobbiamo ascoltare nei tg e nei giornali che l’islam vuole la guerra in Europa e cose di ogni genere, ma chi è sveglio e conosce la verità sa che il vero islam non è quello dell’Isis o di Al Qaeda, formazioni terroriste create dagli Usa che servono a creare i presupposti di guerre contro gli stati liberi e sociali dell’Iran, Siria… e altri ancora.

È chiaro che l’obiettivo è l’eliminazione dei paesi non allineati al giogo americano e sionista, paesi liberi e che hanno scelto democraticamente i loro presidenti.

Assad è stato infatti eletto con l’88 percento  di voti ed è ad oggi un esempio di presidente equo e socialista del mondo orientale, un paese dove l’istruzione è gratuita ed il petrolio è disponibile per tutto il popolo ad un prezzo irrisorio.

Io non sono un musulmano e non voglio l’islam in Europa come non voglio il cristianesimo, vera è propria arma di distruzione di massa della cultura europea e non solo, ma mi sento di affermare la mia solidarietà ai veri musulmani, quelli che rispettano la loro religione e non ai mercenari venduti dello pseudo Stato islamico, organizzazione al soldo del sionismo e dell’imperialismo americano.

Il vero burqa per l’Italia e l’Europa è quello invisibile delle basi nato, i nostri immigrati peggiori e più pericolosi di qualsiasi mercenario musulmano.

Marco Muroni

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Attualità

Pubblicato da Ereticamente il 13 Gennaio 2015

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Commenti

  1. Juan Pablo Vitali

    Il cambiamento antropologico della popolazione europea. è opera delle ideologie moderne: capitalismo e marxismo, e del critianesimo come mentalità più politica che religiosa, che ha fatto possibile tutta questa realtà che oggi viviamo. Penso che i popoli periferici, noi sudamericani ed i russi, -ad esempio- non siamo arrivati ancora a quel punto di mutazione negativa. Ma forse è una mia illusione. In noi abita lo spirito antico, anche quello di Roma, che ci portiamo nella sangue.

  2. Mettere fuorilegge le prostitute dell’immigrazione
    http://xn--identit-fwa.com/blog/2015/01/08/mettere-fuorilegge-le-prostitute-dellimmigrazione/

    STOP AI PARTITI E AI POLITICI FAVOREVOLI AL SUICIDIO ETNICO DELL’EUROPA

    Dopo l’osceno attentato islamico di Parigi, portato avanti da tre immigrati islamici nati in Francia, due dei quali, fratelli, nati nella stessa città, chiunque parli di accoglienza deve essere trattato alla stregua di un collaborazionista.

    Partiti come Sel che lo fa per convinzione ideale – ma anche il PD, che lo fa per mero interesse commerciale – dovrebbero essere messi fuorilegge. Avere in questo frangente un presidente della Camera che si mette il velo e va in moschea, è un’offesa all’intelligenza e alla nostra storia: lo era anche ieri, oggi, col sangue sulle strade di Parigi, lo è ancora di più. Non ce lo possiamo permettere.

  3. Senta, il burqa che non conosciamo, ma lei che e’ sveglio piu di noi e che ha capito che l’occidente soffia sul fondamentalismo (minchia che aquila che e’ lei ma come ha fatto?), mi risponda un attimo come mai ad esempio qui nel Sud delle Filippine gli islamici non fanno che spargere sangue in quanto c’e un gran numero di “filippini” mussulmani e dunque pretendono uno stato islamico (con il loro modi alla Bentivegna)? anche qui c’e la mano ebraica? senta guardi che lei segue delle scie chimiche e a sottovalutare l’islam con quel gran numero di beduini che avete in Europa e che vi fa esplodere le carceri piu che sveglio lei e’ un incoscente. Lei afferma la sua solidarietà ai veri musulmani come la Boldrini caro amico dell'”Islam buono”. Per sua informazione l’Islam e’ un corpo infetto, e se lei insiste nelle sua analisi da chi la sa piu lunga di tutti noi e’ infetto pure lei mio caro signore. FUORI DAI COGLIONI IL SINAI DALL’EUROPA! Ma quale islam buono d’Egitto!!!!!! voi pur d voler essere piu svegli di noi le sparate grosse davvero gurdi! Adesso vedremo se a morire cominceranno ad essere veneziani, genovesi o messinesi che cosa diranno questi personaggi alla “progressista di sinistra” che mi vengono a fare le distinzioni tra buoni e cattivi. E’ proprio vero che la gente cambia via via in base a quello che piu gli fa comodo, ed ora ops sono allineati con le ideee della sinistra piu boldriniana. Ora sono antixenofobi. Come chiappa vendola…”i muttulmani sono nostri fratelli!!” E poi il rispetto, per le morti francesi in EUROPA, sarebbe una bella cosa. Io posso rispettare anche chi mi fa schifo. Io non scrivo merdate tipo che sono charlie asolutamente perche mi fanno schifo quei vignettisti, ma nemmeno vado in giro a tutto spiano a dire io non sono charlie io non sono charlie….c’e bisogno di dirlo che non lo sono? Vai, proseguite nelle vostre analisi che nemmeno sapete spiegare, e state bene cosi dove state…nella melma islmaica europea. PUAH!

  4. RIPORTO QUI LE PAROLE DI
    Giambattista Militello (friend in facebook) anche lui e’ sveglio ma vede con altri occhi la questione burqa:

    “Certi camerati sono sviati, per non dire accecati, dal cosiddetto complotto giudaico massonico sionista! Qualche imbecille scrisse ” ogni palestinese è un camerata, stesso nemico stessa barricata “, vorrei vedere quanto si sente Camerata di un cattolico un palestinese di Hamas integralista islamico! Pertanto ti ricordano in continuazione l’alleanza del Fuhrer con il Gran Mufti di Gerusalemme che diede al Fuhrer un paio di divisioni di waffen SS mussulmane, peraltro invise ad Himmler, poco disiplinate ed utilizzate in teatri minori! Coincidenza di interessi in medio oriente, alleanza pragmatica e niente affatto ideale, contro il comune nemico franco-britannico sennò come conciliare i Cattolici e Luterani tedeschi e i neo-pagani tedeschi con l’Islam? Erano circa 150.000 gli islamici che furono dalla parte dell’Asse e ben 3 o 4 milioni i mussulmani alleati e controllati da Francia e Inghilterra! In Italia le porcate e gli stupri e le uccisioni gratuite le hanno fatte proprio i marocchini al seguito dei francesi o non erano mussulmani anche loro? Questo dovrebbero ricordare certi camerati! E Mussolini brandì la spada dell’Islam in un atto simbolico, come un antico imperatore romano che dominava, proteggeva e guidava tutto l’impero, a prescindere da razza e religione! Altro che leccare il culo all’Islam!”

  5. an

    uno come lei dovrebbe leggere haaretz molto piu conforme alla sua ideologia..è scritto chiaramente no all islam in europa..qualcosa di alieno alla cultura europea come il cristianesimo e l altra religione..innominabile..porta pure iella..
    se questo articolo ha fatto qualche vedova sionista..sono problemi vostri..

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • Giuliano Kremmerz

  • Dramma in un atto

    Il motivo – Livio Cadè

    di Livio Cadè

    Dramma in un atto   “Servono ragioni così valide per vivere che non ce ne vuole alcuna per morire.” (Rivarol)   Personaggi: Signore attempa[...]

  • la morte

  • dante celato

  • forte demonte

  • a dominique venner

  • TOMMASO campanella

  • intorno al sacro

    letture bruniane

  • emergenza vaccini

    L’assassinio di Paracelso: intervista al prof. Paolo Lissoni – di Lorenzo Merlo

    di Ereticamente

    Intervista al professor Paolo Lissoni sul Covid-19 e sulla ricomposizione dell’uomo e della scienza. foto ©victoryproject/lorenzo merlo Intervista [...]

  • post Popolari

  • Ultimi commenti
  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter