fbpx

Ecdisi Fascista. La nostra muta

Ecdisi Fascista. La nostra muta

Coraggiosi e terrificanti, i serpenti emergono come epifanie dalla terra, da un mucchio di foglie, dalle rocce, dalle acque scure del fiume o dal profondo della psiche.

Il regno dei morti abitato dai serpenti è dunque il terreno fecondo dal quale emerge la nuova vita, un luogo di guarigione, iniziazione e rivelazione, dominato dall’antica Grande Dea.

Il serpente è la forma teriomorfa di molti Dei tra i quali Zeus, Apollo, Persefone, Ade, Iside.

Lasciate tutti gli orpelli e i simboli del passato voi ch’intrate nell’ottica neofascista!

Vorrei dedicare due righe a tutti coloro i quali mi contestarono quando presi in giro, con un po’ di malignità, un camerata, diciamo, “pittoresco”, che si faceva il “selfie” a braccio teso brandendo un manganello con su scritto me “ne frego”. Cambiare pelle, ecco quello che noi miseri seguaci di Mussolini dovremmo fare, come splendidi serpenti; il veleno lo abbiamo ma è la pelle vecchia e morta che ci frega.

La mente umana è un computer e la sua cultura, il suo modo di pensare, è come un programma di cui essa segue le tracce. L’uomo nei secoli è sempre uguale a se stesso nel profondo… tuttavia, solo ottant’anni fa era di moda il razzismo e tutti erano razzisti, oggi è di moda il cosmopolitismo e tutti hanno disturbi ossessivo-compulsivi di uguaglianza ad ogni costo! Guai ad essere razzisti oggi, o si rischia di essere trattati come dei virus sociali. Si viene condizionati da alcuni input esterni al nostro modo di pensare i quali ci dicono (ordinano?) quale “concetto umano” seguire (perché in definitiva di questo si tratta, quando si parla di cosa è giusto, sbagliato, buono o crudele) e quale rigettare. Ora, la mente segue schemi molto semplici e riconosce alcuni “codici” che possono essere concettuali o anche solo visivi: braccio teso, camicia nera, alcuni motti legati alla Seconda Guerra, simboli grafici, aquile (e noi oggi dovremmo invece esser cobra), ecc. ecc. sono stati inseriti tra i codici di blocco nelle menti degli uomini, codici da respingere come virus pericolosi. Da chi o cosa? Da quello che noi consideriamo essere non un virus ma la malattia conclamata.

In fin dei conti la gran parte degli uomini è qualunquista, lo sappiamo: si dedica agli affari propri come è normale e forse anche giusto che sia considerando la brevità e l’unicità della vita. Quando parla o pensa di politica lo fan per moda, per darsi il tono più giusto, si abbandona quindi alla corrente che predomina; ed ecco che oggi sono tutti antifascisti convinti senza nemmeno essersi mai presi la briga di sapere cosa quel trascorso periodo italiano abbia rappresentato realmente. Sta a noi essere degli hacker, mutare i codici, essere fascisti senza apparire “fascisti”, appunto cambiare pelle. Solo così si può pensare di giungere ancora ai cuori di tutti gli altri, perché noi abbiamo dalla nostra i valori più lucenti e grandiosi. Gli stessi sciocchi votano un Renzi che è un Berlusconi (il loro più acerrimo nemico, la strega cattiva) solo perché nel suo partito c’è la parola “democratico”. Vedete dunque che seguono dei “codici”? Se io credessi nella politica, non più fiamme nel mio simbolo! Chi crede nella politica partitocratica perché non fonda un PARTITO DEMOCRATICO DEL FASCIO, inserendo il falso codice “democratico” nel nome? O, meglio, senza inserire falsi codici, perché non fondare un partito dal nome SINISTRA FASCISTA? O meglio ancora SINISTRA DEL POPOLO? Ed é poi la strategia che hanno usato recentemente i nostri nemici.

Ecco perché prendevo in giro quel camerata, perché è un virus quel camerata, è pelle morta da abbandonare al suolo.

 
Andres Marzio Molise

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Neofascismo

Pubblicato da Ereticamente il 18 Gennaio 2015

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Commenti

  1. Sottoscrivo a tal punto il pensiero di Molise che vorrei approfittarne per fare qualche mia personale considerazione.
    Non solo condivido pienamente la sua presa in giro del tale (io non lo chiamo nemmeno camerata) che “sfoggiava” saluti romani ed altro. Questi individui, che io li definisco …”i fascisti che piacciono all’antifascismo, oltre a non sapere nulla del Fascismo, non fanno altro che danneggiare l’immagine del vero Fascismo. Ecco perché il “cambiare pelle” è il modo migliore …direi il più intelligente di essere fascisti. Non servono i saluti romani….figuriamoci se servono i manganelli! Essere veri fascisti è ben’altro!
    Mi sembra ovvio che chi pensasse di costituire un partito, consideri normale unirsi all’odierna feccia politica…e questo è lontanissimo dal Fascismo. Perché invece non pensare a un Movimento di Pensiero?
    Abbandoniamo dunque la “pelle morta” al suolo.

  2. A distanza di nove mesi siamo qui a dire le stesse cose….aggiungiamo allora che sarebbe da cominciare l’andare a vietare tali manifestazioni folcloristiche davnti alla tomba del Duce?

    LINK POST

    https://www.facebook.com/photo.php?fbid=445788865612509&set=a.164520250406040.1073741834.100005441977906&type=3&theater

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • afrodite

  • ekatlos

  • misteri - ezio albrile

  • tradizione occidentale

  • teatro andromeda

  • conoscenza segreta

  • siamo su telegram

  • Pio Filippani Ronconi 1

  • emergenza vaccini

    Vaccini: Cosa non conosciamo? Storia,tabelle e grafici mai visionati – Vacciniinforma

    di Ereticamente

    VACCINI: COSA CI È STATO OMESSO? Nella letteratura medica, si esaltano da sempre le virtù della vaccinazione. Dopo aver letto questi libri, si riman[...]

  • post Popolari

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • Luca Valentini in Alcune osservazioni sul concetto di Tradizione – Fabio Calabrese

      Abbiamo pubblicato sulla nostra pagina facebook un... Leggi commento »

    • Walter in La Luna è un'amante meravigliosa - Mirco A. Mannucci

      Buongiorno, vorrei sapere per favore di chi è qu... Leggi commento »

    • Daniele Bettini in Una Ahnenerbe casalinga, centesima parte - Fabio Calabrese

      Comunico che è uscito : Atlantide e altre pagine... Leggi commento »

    • Daniele Bettini in Alcune osservazioni sul concetto di Tradizione – Fabio Calabrese

      Comunico con dispiacere che è morto Vlasis Rassia... Leggi commento »

    • Claudio Giusti in Pearl Harbor: Noi sappiamo che Loro sanno! - Umberto Iacoviello

      7 febbraio 1932, Attacco a Pearl Harbour All... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    Google Analytics

g. casalino

c. bene

J. Thiriart

m.houellbecq

a. dugin