fbpx

Samurai come uomo della tradizione

Samurai come uomo della tradizione

Samurai. L’eternità in un attimo, l’attimo immenso e infinito che ritorna per l’eternità. Quando si parla di tradizione, non si può prescindere da questa grande figura. Il samurai, artista e guerriero, indagatore e profondo conoscitore dell’io. Una delle figure più lontane in assoluto dalla modernità consumistica, dove onore, coraggio, lealtà e azione trovano il loro punto d’incontro più alto. Samurai, la guerra come arte, il combattimento come fine per superare se stessi. Attraverso il combattimento con l’avversario avviene la più potente forma di introspezione e di superamento dei propri limiti. La Katana come anima e prolungamento del proprio corpo, come elemento imprescindibile da sé. Il samurai come guerriero nietzscheano ante litteram, pienamente immerso nell’eterno ritorno dove l’attimo viene vissuto pienamente e ripetutamente nel tempo, trasmutando tutto ciò che è borghese. Egli è il creatore di nuovi valori, di un nuovo modus vivendi. Samurai come forma di antimaterialismo nel solco della tradizioni nipponica. Come spiritualismo puro, come individuo membro e difensore della propria comunità, la cui anima è un tutt’uno con l’universo. Samurai, come esteta ed amante del bello. Nei momenti di pace, il samurai si scaglia contro se stesso attraverso la poesia o la pittura, per poi ritornare in battaglia appena necessario.
Nel solco del Bushido, la via del guerriero. 

Giorgio Mari
Corridonia (MC)

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Bushido

Pubblicato da Ereticamente il 21 Settembre 2014

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • siamo su telegram

  • Teurgia - libreria

  • fosforo e mercurio

  • i siculi

    la dimora del sublime

    Pio Filippani Ronconi 1

  • emergenza vaccini

    Vaccini: Cosa non conosciamo? Storia,tabelle e grafici mai visionati – Vacciniinforma

    di Ereticamente

    VACCINI: COSA CI È STATO OMESSO? Nella letteratura medica, si esaltano da sempre le virtù della vaccinazione. Dopo aver letto questi libri, si riman[...]

  • post Popolari

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • Gian in La Cina si posiziona in un mondo che nemmeno Orwell avrebbe immaginato – Alexandre Aget(*)

      Caro Lupo, purtroppo anche io se da una parte sono... Leggi commento »

    • hirpus66 in Cantami, o diva, del nero Achille l’ira funesta… - Roberto Pecchioli

      Mi pare di ricordare che Atena trattenne Achille c... Leggi commento »

    • Michele in La Cina si posiziona in un mondo che nemmeno Orwell avrebbe immaginato – Alexandre Aget(*)

      Veramente la traduzione "numerico" è corretta ed ... Leggi commento »

    • Cono in Il governo Nitti, il questore Mori e l’eccidio di via Nazionale, (Roma, 24 maggio 1920) – seconda parte – A cura di Giacinto Reale

      La Storia d'Italia, sempre così tragicamente ugua... Leggi commento »

    • Michele Simola in Recovery Found. Quelle promesse da marinaio – Umberto Bianchi

      Il fallimento dell'unione europea, fittizia peralt... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    Google Analytics

g. casalino

c. bene

J. Thiriart

m.houellbecq

g. colli