fbpx

Educazione alla degenerazione

Educazione alla degenerazione
Di Enrico Marino
Capita che persone omosessuali – come tante altre persone – siano picchiate, minacciate o insultate. È giusto punire i responsabili come previsto dalle leggi in vigore. Si dice che è necessaria un’aggravante, per scoraggiare i teppisti che vanno in cerca di omosessuali cui «dare una lezione». Non si sa quanti siano questi teppisti, ma quello che si sa con certezza è che l’aggravante c’è già. Se una persona omosessuale è picchiata in un ristorante non perché non ha pagato il conto ma in odio alla sua condizione di omosessuale i nostri tribunali applicano l’aggravante dei «motivi abietti». Non è un’aggravante riferita specificamente agli omosessuali. Colpisce chi picchia anche un negro non perché non gli ha saldato un debito ma perché è negro, conformemente alle convenzioni internazionali sui cosiddetti «crimini di odio» che anche l’Italia ha sottoscritto.
Dovrebbe essere, dunque, tutto chiaro. Picchiare, insultare, minacciare una persona omosessuale – come chiunque altro – è un crimine che va punito come è già punito e anche l’aggravante – in caso di motivi abietti – c’è già.
Perché, allora, si chiede una legge contro l’omofobia? Che cosa prevederebbe che nelle leggi attuali non ci sia già? Il fatto è che la legge contro l’omofobia (presentata in Italia dal deputato Pd Scalfarotto) introduce un delitto di opinione: chiunque manifesta idee che «istigano alla discriminazione» nei confronti di omosessuali e transessuali è punito con la reclusione fino a un anno e mezzo. Se partecipa ad associazioni che promuovono queste idee, la pena sale fino a quattro anni, mentre chi addirittura fondasse o dirigesse tali associazioni rischia di rimanere in prigione sei anni.
Manifestare idee che «istigano alla discriminazione» è un tipico reato di opinione, una museruola messa alla libertà di espressione. Per esempio, sostenere che il «matrimonio» fra persone dello stesso sesso non va riconosciuto, o che i bambini non vanno consegnati per l’adozione a coppie omosessuali, è certamente una «discriminazione» nel senso letterale del termine, e di fatto è stata considerata tale dalla Corte Suprema degli Stati Uniti. Ecco dunque spiegato a che cosa serve la legge Scalfarotto: a imbavagliare, con lo spauracchio di severissime pene detentive, chi osasse opporsi al «matrimonio» o alle adozioni omosessuali, o peggio continuare a sostenere che omosessualità ed eterosessualità non possono essere poste sul medesimo piano.
Lo stesso Scalfarotto, invitato nel programma televisivo «Le invasioni barbariche», ha spiegato come la legge sull’omofobia sia la prima tappa in un itinerario che porterà al «matrimonio» omosessuale – che all’inizio si chiamerà «unione civile» e poi, ma solo poi, alle adozioni dei bambini da parte delle coppie dello stesso sesso. Questi traguardi, del resto, non sono tanto lontani, ma anzi quotidianamente siamo testimoni di iniziative legislative o giudiziarie che tendono a scardinare gli assetti sociali esistenti su questi temi e a saggiare, di volta in volta, la capacità di resistenza e di reazione di fronte ai tentativi di introdurre modifiche all’attuale ordinamento. Del resto, un modello sociologico – che oggi è citato anche in documenti di organizzazioni internazionali – prevede che le minoranze sgradite a certi «poteri forti» siano vittima di una «spirale dell’intolleranza» che si articola in tre tappe. La prima è appunto l’intolleranza, che è un fatto culturale: chi sostiene certe posizioni è offeso e messo in ridicolo dai media, e presentato come un ostacolo da rimuovere alla pubblica felicità. Segue la discriminazione, che è un fatto giuridico: contro chi osa affermare certe idee scattano le leggi e la prigione. Il terzo stadio è la cultura dell’odio, che va anche oltre le leggi. Senza bisogno di attendere i giudici – anzi, violando la legge – i privati si fanno «giustizia» da soli, escludendo dai posti di lavoro e usando violenza verso i sostenitori di idee considerate «tossiche» e pericolose.
In Italia, almeno per ora, siamo ancora nella prima fase, l’intolleranza. Chi si oppone al «matrimonio» e alle adozioni omosessuali, è offeso e ridicolizzato sui media, escluso dai dibattiti televisivi, minacciato dagli opuscoli dell’UNAR, l’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali. Ma, per ora, non va in prigione.
Con l’approvazione della legge Scalfarotto passeremo anche noi alla seconda fase, la discriminazione. Chi manifesta idee contrarie all’ideologia di genere finirà in prigione. Gli esempi dei Paesi dove le leggi sull’omofobia ci sono già ci mostrano che basta molto poco. In Francia qualcuno è stato arrestato solo perché indossava una maglietta della Manif pour Tous, la manifestazione contro il «matrimonio» omosessuale. In Spagna il cardinale Sebastián è stato iscritto nel registro degli indagati per avere affermato che l’omosessualità è una forma «deficiente» – nel senso di incompleta – di esprimere la propria sessualità.
Le leggi creano clima e costume. Datele qualche mese, e la legge sull’omofobia genererà inesorabilmente anche da noi la terza fase, quella della cultura dell’odio. All’estero è andata così. Perché in Italia dovrebbe essere diverso? Negli Stati Uniti. Brendan Eich, considerato uno dei migliori e più geniali manager del mondo di Internet a.d. di Mozilla (che ha sfidato con successo il colosso Internet Explorer) per aver sostenuto con una donazione la campagna per il referendum che, in California, aveva introdotto nella Costituzione dello Stato la nozione (poi cancellata) che il matrimonio è solo tra un uomo e una donna, è stato attaccato come omofobo impenitente. Non gli è bastato dichiararsi contrario alla discriminazione degli omosessuali. Si voleva che chiedesse scusa e inneggiasse al «matrimonio» fra persone dello stesso sesso. È stato buttato fuori, costretto a dimettersi in quarantotto ore. L’azienda ha emesso un comunicato da cui emerge che chi è contrario al «matrimonio» omosessuale in futuro non sarà più assunto non solo come dirigente, ma neppure come addetto alle pulizie dei gabinetti. Gli altri giganti della Silicon Valley – Google, Microsoft, Apple – hanno fatto sapere che loro queste politiche le applicano già.
In Germania, una regione, il Baden-Württemberg, ha introdotto nelle scuole corsi obbligatori di educazione sessuale che esaltano l’omosessualità. Molti genitori sono scesi in piazza a protestare del tutto pacificamente. Attivisti LGBT li hanno aggrediti, sputando loro addosso, li hanno accecati con gli spray al pepe e picchiati fino a mandarli in ospedale.
Sono i frutti inevitabili delle leggi sull’omofobia. Se chi si oppone al «matrimonio» omosessuale è un criminale che deve andare in prigione, come può un’azienda dargli lavoro? E come si può tollerare che dei criminali commettano il loro delitto – «istigare alla discriminazione», come dice la legge Scalfarotto – addirittura in piazza? Come stupirsi se «buoni» cittadini li riempiono di sputi e di botte, e la polizia e i giudici guardano dall’altra parte? Dopo tutto, se i fascisti manifestano in piazza e i cittadini democratici tentano di impedirlo anche con la violenza, la polizia e i giudici da che parte stanno? Noi ne sappiamo qualcosa… la legge Mancino è già un bello esempio di libertà democratica.
La legge Scalfarotto ne ricalca le tracce, la pena per chi promuove e dirige associazioni che «istigano alla discriminazione» – fino a sei anni di galera – è più alta di quella concretamente inflitta a molti mafiosi. Se la legge sarà approvata, sarà un messaggio chiaro per tutti – media, giudici, poliziotti – su quanto pericolosi lo Stato ritenga questi criminali che osano opporsi al «matrimonio» e alle adozioni omosessuali, o considerano l’omosessualità non una festa o qualcosa da promuovere ma una condizione innaturale. Altro che Cosa Nostra. Nel frattempo il Centro federale per l’educazione alla salute di Colonia (Germania), per conto dell’Ufficio regionale per l’Europa dell’Oms (Organizzazione mondiale della sanità) ha curato un documento che in una cinquantina di pagine presenta in modo dettagliato gli Standard per l’Educazione Sessuale in Europa e il documento comincia ora ad essere diffuso in modo capillare in 53 Paesi. L’edizione italiana è stata promossa, finanziata e curata dalla Federazione italiana di Sessuologia clinica. La finalità è ambiziosa: addirittura contribuire a “sviluppare atteggiamenti rispettosi ed aperti che favoriscono la costruzione di società eque”. In realtà questi sbandierati “standard”, se analizzati con attenzione, soprattutto nella parte dove si elencano i temi che deve concretamente affrontare l’educazione sessuale a seconda dell’età dei destinatari (sei fasce, dalla nascita a oltre 15 anni), si svelano come il più massiccio tentativo di corruzione di minori che sia mai stato concepito.
In pratica si sdoganano, nell’ordine: la concezione di sesso come pura fonte di piacere e benessere fisico e quindi la separazione definitiva non solo tra sessualità e riproduzione, ma tra sessualità e amore; l’autoerotismo e l’esplorazione della nudità; la diminuzione dell’età delle prime esperienze sessuali; la promiscuità sessuale; l’accettazione pacifica della moltiplicazione di orientamenti sessuali, conseguenza del fatto che l’identità sessuale non è più riconosciuta come dato naturale, biologico, quindi diventa normale l’attrazione per il proprio sesso; la contraccezione generalizzata e il diritto di abortire; la crescente autonomia dalla famiglia d’origine e dai genitori, non più considerati primi educatori; e, infine, l’affrancamento da concezioni culturali e religiose che frenano l’emancipazione sessuale. Ovviamente è essenziale incoraggiare i bambini e i giovani ad auto-determinare la propria sessualità con un'”educazione” continua, impartita a scuola da operatori adeguatamente formati, che superi le resistenze basate su concezioni considerate superate della sessualità.
Non c’è più alcuno spazio perciò, in questa sorta di spudorato indottrinamento coatto, di autentico totalitarismo educativo, per tutti gli aspetti più delicati della sessualità umana: scompaiono l’innocenza, l’intimità, il pudore, la discrezione, la scoperta, il mistero dell’incontro con l’altro, la bellezza, il dominio e il dono di sé. Non c’è quasi più spazio neppure per l’amore, diventato un fardello ingombrante.

Se pensiamo che nel giro di poche ore abbiamo assistito anche all’adozione in certificazioni ufficiali delle dizioni genitore 1 e 2, alla richiesta del riconoscimento di un matrimonio estero tra gay operata da un Tribunale italiano e della legittimazione della fecondazione eterologa, il quadro è davvero allarmante perché tutto va ricondotto all’interno di una più ampia deregolamentazione delle norme sessuali e delle relazioni fra i sessi. E’ stata recentemente sperimentata in America una vagina artificiale che renderà le variazioni di genere molto più rapide e normali. Stiamo assistendo al tentativo di esaltare culturalmente questa intercambiabilità e destrutturazione dei concetti di maschile e femminile, con tutto il relativismo che tutto questo comporta: non solo si rende più difficile ai giovani diventare adulti maturi, cioè capaci di assumersi la responsabilità di essere madri e padri, ma tendenzialmente si ha come effetto e obiettivo la distruzione della famiglia, della cultura, della società e la creazione – anche genetica – di un individuo promiscuo e indifferenziato che anche sul piano antropologico, oltre che su quello sociale ed economico, risulti quanto più manipolabile e succube della piovra mondialista e del suo progetto egemonico e disumanizzante. 
Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Attualità, Educazione, Giovani, Marino, Politica

Pubblicato da Ereticamente il 16 Aprile 2014

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Commenti

  1. In linea generale articolo senz’altro condivisibile da chi non sia irreversibilmente mass-mediatizzato; su alcuni punti, chi scrive sarebbe però meno drastico e “moralista”, se cosí si può dire. Lo stesso Evola, nella sua Metafisica del Sesso, non disprezzava affatto l’esperienza erotica fine a sé stessa – sebbene non soggiacente al puro principio del piacere di freudiana e disgraziata memoria – quale possibile metodo per aprire squarci di trascendenza nella vita ordinaria, e anzi, metteva in evidenza come per l’uomo comune, vale a dire per la totalità o quasi dell’umanità odierna, essa rappresentasse l’unica effettiva possibilità di conseguire qualcosa che andasse al di là della quotidianità meccanicistica e abitudinaria. Si guardava poi bene dall’associare il sesso in questa sua accezione piú alta al mero scopo riproduttivo, tutt’altro: ne sottolineava infatti come cedimento alla “demonía del bíos”, cioè della cieca brama vitalistica, ogni caduta in tal senso, che giudicava – a modestissimo parere di chi scrive, giustamente – addirittura innaturale per l’uomo “normale”, dove tale aggettivo era ovviamente da leggersi in senso superiore. Ritenere il contrario, cioè quale norma, l’associazione inscindibile tra eros e procreazione pare ricalcare un pregiudizio cattolico-centrico che sarebbe meglio evitare, se ci si vuol porre da una prospettiva veramente “tradizionale”.

    Quanto alla mortificante contingenza dei tempi odierni mi sembra opportuno illustrare brevemente un servizio giornal(ett)istico trasmesso oggi dall'”inimitabile” Tg3, ineffabile alfiere del protervo fanatismo “politicorretto” a tutti i costi… si è parlato di un amministratore locale che in termini assai civili e pacati spiegava il suo pensiero sull’eventualità di avere un/a figlio/a omosessuale e su quello che cercherebbe di fare per evitare che lo rimanesse; gli è piovuta addosso una valanga di insulti molto “civili, democratici e tolleranti”, ovviamente, e due omosessuali che lo avevano pesantemente e pubblicamente insultato su Facebook sono stati – sacrosantamente – perseguiti e citati in giudizio. Che cosa fa il giornal(ett)ismo militante di squisita marca Tele-Kabul (ma si chiede venia ai Taliban per la deprecabile semplificazione…)? Mette alla berlina colui che è stato pubblicamente già messo alla gogna mediatica e insultato ignominiosamente, ed eleva sugli scudi gli “eroici” omosex che non hanno fatto altro che rispondere a una inammissibile “provocazione”… naturalmente! Ecco la realtà rovesciata a cura della Disinformacija post(?)-marxista-leninista… che il reato penale – ingiurie e diffamazione – sia stato compiuto dagl’intoccabili e “inermi” omosessuali, “vittime” per definizione, e solo da loro, è solamente un dettaglio trascurabile…

    Pare che le forze della sovversione degenerativa stiano davvero portando l’assalto finale.

  2. Enrico Marino

    Condivido in pieno lo spirito della prima parte del commento anche se nel pezzo non c’è a mio avviso un collegamento così marcato tra sessualità e procreazione ma solo un accenno di passaggio che si potrebbe spiegare meglio in quanto la critica è rivolta a un’educazione impartita a giovanissimi incapaci di vivere esperienze evoliane e sicuramente plagiabili in una sessualità vuota e meccanicista non dignificata neppure da un fine (per quanto discutibile) di carattere procreativo. Questo mi pare il vero senso di quel passaggio che non mi pare voglia avallare alcuna associazione inscindibile tra eros e procreazione per ricalcare un pregiudizio cattolico-centrico.

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • afrodite

  • ekatlos

  • misteri - ezio albrile

  • tradizione occidentale

  • teatro andromeda

  • conoscenza segreta

  • siamo su telegram

  • Pio Filippani Ronconi 1

  • emergenza vaccini

    Vaccini: Cosa non conosciamo? Storia,tabelle e grafici mai visionati – Vacciniinforma

    di Ereticamente

    VACCINI: COSA CI È STATO OMESSO? Nella letteratura medica, si esaltano da sempre le virtù della vaccinazione. Dopo aver letto questi libri, si riman[...]

  • post Popolari

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • Luca Valentini in Alcune osservazioni sul concetto di Tradizione – Fabio Calabrese

      Abbiamo pubblicato sulla nostra pagina facebook un... Leggi commento »

    • Walter in La Luna è un'amante meravigliosa - Mirco A. Mannucci

      Buongiorno, vorrei sapere per favore di chi è qu... Leggi commento »

    • Daniele Bettini in Una Ahnenerbe casalinga, centesima parte - Fabio Calabrese

      Comunico che è uscito : Atlantide e altre pagine... Leggi commento »

    • Daniele Bettini in Alcune osservazioni sul concetto di Tradizione – Fabio Calabrese

      Comunico con dispiacere che è morto Vlasis Rassia... Leggi commento »

    • Claudio Giusti in Pearl Harbor: Noi sappiamo che Loro sanno! - Umberto Iacoviello

      7 febbraio 1932, Attacco a Pearl Harbour All... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    Google Analytics

g. casalino

c. bene

J. Thiriart

m.houellbecq

a. dugin