fbpx

Quando la filosofia uccise il mito…

Quando la filosofia uccise il mito…
 di Mario M. Merlino
Dopo una rapida invasione nel campo del ‘quotidiano’, da cui esco poco o nulla soddisfatto (mi rendo conto che non sono in grado di dare il meglio di me in qualità di scrittura – sempre geniale, certo, ma dove la poesia si attarda arranca zoppica, di ardito volo e non starnazzare nel pollaio, forse prigioniero di quei ‘bastoni e barricate’ della mia inquieta giovinezza), me ne torno là dove Platone collocava il vero il giusto il bello e, con felice intuizione, avvertiva che andava protetto con la distanza. Il cielo e la terra non possono non devono non vogliono più avere nulla a che fare fra loro (anche se, qui, Platone ed io dissentiamo perché, se egli faceva il verso al mito di Urano e Gea, io non intendo cadere in alcun rito di fondazione ove vi sia, tramite la castrazione, una riduzione, pur simbolica della carne delle ossa del sangue!).

Meglio, dunque, quel ‘lasciare la presa’ proveniente da orientali dottrine – un cavalcare la tigre, il sapore squisito del cespuglio di fragole selvatiche (immagini di cui ho già scritto e confido, dunque, nella memoria e attenzione dei miei sempre più numerosi lettori ammiratori in trepidante attesa di queste ‘briciole di cultura’). E, ancor più, l’invito del mio Maestro, il solitario viandante dell’Alta Engadina, che si necessitava ‘prendere le distanze’ per avere la visione alta ampia compiuta di questa età del nichilismo – mala e liberatoria al contempo – (“Io ho scelto l’esilio per dire la verità”… un po’ arrogante e un po’ contraddittorio, ma io posso voglio devo perdonargli questo ed altro!).

Torniamo, quindi, all’ambito del filosofare là dove, tra mito e lògos, tutto ebbe inizio. Plotino ci suggerisce anche in che modo debba realizzarsi ‘la fuga’ (così egli definisce l’abbandono dal mondo terreno per andar ‘verso la cara patria’). Dopo averci ammonito che “essa non si compie, certo, con i piedi. I quali, infatti, ci portano qua e là, da una terra ad un’altra. (…) hai solo, per così dire, da chiudere gli occhi e ridestare quella nuova vista mutata che tutti hanno ma ben pochi usano”. E prosegue delineando la via dell’ascesi (forse, in altra occasione tempo e circostanze, indicherò quali siano le tappe di questo cammino. Chi, poi, non intende attendere, ma si fa prendere da bramosa mania d’arrivare primo e per suo conto, gli ricordo il primo libro delle Enneadi, appunto di Plotino).

Facendo riferimento specifico all’insieme delle favole di Esopo, familiari all’uomo greco fin dall’età infantile, il Socrate di Platone fa riferimento nel Teeteto alla vicenda di Talete di Mileto (considerato, al contempo, fra i Sette Sapienti dall’oracolo di Delfi e primo filosofo della storia). Scrive: “…si racconta anche di Talete, il quale mentre stava mirando le stelle e aveva gli occhi rivolti in alto, cadde in un pozzo; e allora una servetta di Tracia, spiritosa e graziosa, lo derise dicendogli che le cose del cielo si dava gran pena di conoscerle, ma quelle che aveva davanti e tra i piedi, non le vedeva affatto” (il filosofo Hans Blumenberg vi ha tratto un saggio, Il riso della donna di Tracia, per sviluppare il discorso intorno al concetto di teoria e alle critiche che le sono state rivolte nel corso dei secoli).

Nel lineare sviluppo del suo pensiero, coerentemente, egli si schiera con il filosofo di Mileto. Infatti chi lo irride è una servetta (Aristotele legittima l’uso della schiavitù quale necessità di tenere a freno coloro che ignorano il dominio dell’anima e si fanno preda delle passioni) e l’essere essa della misteriosa oscura magica terra di Tracia (la medesima provenienza del dio Dioniso, del vino e dell’ebbrezza e della danza) non è casuale in quanto è il luogo ove al regno delle idee padroni sono gli idoli, fantasmi del sapere. Essa ride – risus abundat in ore stultorum, secondo un adagio della Scolastica – e questo essere ‘sciocchina’ viene alimentato nella descrizione d’essere ella ‘graziosa’ (che senso avrebbe se non accentuarne il carattere di ‘bella ochetta’, come noi siamo ancora usi recitare). È riaffermare il contrasto insanabile tra la conoscenza razionale, universale e necessaria, che è di sola competenza dei filosofi e quella legata e limitata all’esperienza sensibile, espressa dai filo-doxòi, coloro che, simili ai dormienti s’accontentano di formulare opinioni, le quali soggiacciono alla contingenza e di natura mutevole e vulnerabile.

Di Talete molto scrive il Nietzsche filologo e già tentato dalla filosofia – e, forse, il richiamo a quell’inizio del pensare, svincolato dal mito e dal linguaggio oracolare, è lo specchio di se stesso verso altre terre e confini e orizzonti da travalicare e trascendere. In fondo dove si ha un principio là si nasconde un addio (penso al verso, a me caro, di R. M. Rilke nell’ottava delle Elegie duinesi: “così noi viviamo per dire sempre addio”). Egli riconosce, non sottraendosi così dall’interpretazione classica, come fosse il primo ad aver ‘cominciato a guardare la natura nelle sue profondità, senza ricorrere ad invenzioni fantastiche’(ed è questo che lo rende filosofo). Vi è in ciò qualcosa, io credo, che rende però il Nietzsche che traduce il senso di Talete ancora di più e più a lui simile. Quel cadere nel pozzo ed essere da altri deriso accosta Talete (e Platone, mi sembra di poter dire, pensasse al suo maestro Socrate, trascinato in tribunale e condannato a morte sulla base di malevole e speciose accuse, costretto a bere la cicuta) all’aforisma dell’uomo folle, che se ne va nella piazza del mercato ad annunciare la morte di Dio, ne La Gaia Scienza, e, ancora, alla sconfitta sua medesima nei giorni di Torino.


Su Talete molti sono gli aneddoti che si tramandano – celebre quello del frantoio che egli acquistò, contro il parere degli amici, che sembrava ormai ridotto a piante insecchite e che, al contrario, produsse grande quantità di olio perché egli, solo, osservando i fenomeni della natura, ne aveva colto il prossimo rifiorire. Mi piace rinnovarne uno, un cenno di cui poco o nulla si dà eco, tardo nel tempo e quindi ancor meno attendibile, citato dal Padre della Chiesa Tertulliano,  tra Talete e il re Creso (considerato costui il sovrano più ricco e di cui – prometto – narrerò l’incontro con Solone, il legislatore di Atene). Dice Tertulliano: «Thales Milesius Croeso sciscitanti, quid de deis arbitraretur, post aliquot deliberandi commeatus, “nihil” denuntiavit» (quando Creso gli chiese cosa pensasse degli dei, egli, fattosi ripetutamente pensoso, aveva risposto laconico “nulla”). Eppure ci è stato tramandato il frammento “tutto è pieno di dei”… Contraddizione?… Forse, o, se ci liberiamo di una visione immanente e panteista, antropomorfa della divinità, insomma se abbandoniamo il linguaggio e il senso mitico della realtà, cosa resta del dio se non lo stupore la meraviglia il silenzio e si apre il grandioso scenario, tutto nietzscheano, del nichilismo? La filosofia nasce con questa visione ‘assassina’ – dare alla natura il primato e osservare le stelle non attraverso atti di adorazione ma tramite gli strumenti ‘umani troppo umani’ della scienza (elevata a nuova e laica deità pur se fallace, di certo onnivora e destinata, di volta in volta, ad essere detronizzata). Nella risposta di Talete il Nulla è la sfida altera ed orgogliosa simile al Titano di fronte alla scoperta del cielo ormai resosi orfano e deserto; o, già, in essa il senso tragico di chi avverte in sé il peso immenso dell’impotenza e della finitudine?
Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Filosofia, Logòs, Merlino, Plotino, Talete

Pubblicato da Mario Michele Merlino il 27 Dicembre 2013

Mario Michele Merlino

Nato a Roma 2 giorni prima dell'entrata degli alleati, quindi 'obbligato' per fedeltà ad appartenere ad altra Repubblica. Prima con la spranga sui denti (altrui) poi con la penna irriverente sbruffone parolaio, cioè 'geniale'... con poche idee e tante emozioni in attesa di sapere cosa farà da grande...

Lascia un commento

g. casalino

ELEUSI

J. Thiriart

STODDARD

TRABUCCO