Abbiamo scherzato: larghe intese forever

Abbiamo scherzato: larghe intese forever


di Michele Rallo
Lo confesso: per un momento — quando Berlusconi ha preannunziato la fiducia al governo Letta — ho pensato che il Cavaliere fosse ancora una volta riuscito a cavare il coniglio dal cilindro. E un coniglietto — per la verità — è effettivamente comparso: Berlusconi — infatti — è riuscito ad evitare di essere additato al Paese come il responsabile di tutte le stangate venture, dello sforamento del 3% nel rapporto deficit/PIL e — Dio non voglia — del commissariamento delle nostre finanze a pro della troika euro-americana.

Ma il signor coniglio — quello grosso e bianco che è l’orgoglio di ogni prestigiatore che si rispetti — non si è ancora visto e, forse, non si vedrà mai. Lo si sarebbe visto se Silvio Berlusconi avesse cacciato i frondisti filolettiani e si fosse acconciato a sostenere il governo con molta prudenza, pronto a mollarlo non appena (e non ci vorrà molto) questo si dimostrerà del tutto inadatto a fronteggiare l’aggressione della speculazione finanziaria. Ma così non è stato. Il Cavaliere ha fatto finta di nulla, ha evocato il travaglio (sic) di una decisione difficile, e si è acconciato a prendere ordini nientepopodimeno che… da Angelino Alfano. Incredibile: come se l’esperienza di Fini non ci fosse mai stata, come se Berlusconi avesse dimenticato l’umiliazione di sentirsi impartire lezioni di alta politica da qualcuno dei suoi gregari in cerca di gloria.
E passi per l’umiliazione. Ma l’accettazione della linea Alfano (se così vogliamo chiamarla) comporta ben altro. Comporta la rinunzia — in nome della governabilità — a quel poco di protagonismo antifiscale che, fino a questo momento, ha contraddistinto il ruolo del PDL nella macedonia acida delle larghe intese. Così come comporta l’accettazione pura e semplice della filosofia degli “impegni con l’Europa” prevalenti sull’interesse e sulla sovranità nazionale. Come all’epoca del governo Monti — tanto per non restare nel vago — quando lo zerbinismo larghintesista e il masochismo eurodipendente aveva portato il PDL a guida Angelino ad una previsione elettorale del 15%.
Allora — si ricorderà — Berlusconi era stato costretto a riprendere precipitosamente le redini del partito, ad esautorare di fatto il suo improbabile delfino, a smarcarsi da Monti e ad aggiungere alla politica pidiellina quel pizzico di populismo che ha consentito di sventare la vittoria annunziata del PD di Bersani. Adesso, la ventilata ipotesi di una scissione nel PDL avrebbe potuto determinare uno scenario interessante: una rinata Forza Italia che consente la sopravvivenza del governo ma che conserva una certa libertà di manovra, una pattuglia di transfughi che si costituiscono in gruppo autonomo e si tuffano anima e corpo nel ribollente pentolone governativo, un PD liberato dal fastidio di coabitare con Berlusconi e costretto ad occuparsi di cose serie, e infine un governo obbligato a centellinare i provvedimenti antipopolari per paura di perdere voti in aula. In sostanza, dalle intese “larghe” alle intese soltanto “comode”, con qualche temperamento in più.

 
E invece no. Per Berlusconi non è cambiato nulla. Ma — quel che è peggio — non è cambiato nulla neanche per il Paese, condannato a subire ancora un governo che continuerà a taglieggiarci con il plauso delle due principali forze politiche. Larghe intese forever, insomma. Madame Merkel sarà contenta.

Se hai letto fino in fondo hai dimostrato interesse per questo contenuto.
Per piacere esprimi una tua reazione cliccando su una delle emoticon
Grazie!

Loading spinner
Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Interni, Politica, Rallo

Pubblicato da admin il 17 Ottobre 2013

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • NAPOLI 22 OTTOBRE 2022

  • le nostre origini

  • a dominique venner

  • post Popolari

  • Ultimi commenti
    • Gerardo in Le simbologie esoteriche del cigno e dell’oca - Emanuele Franz

      Posso!?considerare il premio datto a Draghi,un ric... Leggi commento »

    • Tem in Morte di una ideologia – Fabio Calabrese

      Venendo al dunque Dunque digitate su Google " co... Leggi commento »

    • Riccardo Sampaolo in Morte di una ideologia – Fabio Calabrese

      Non mi risulta che Stalin fosse ebreo. Direi di ve... Leggi commento »

    • Roberto in L' eredità degli antenati, ottantanovesima parte – Fabio Calabrese

      Grazie dunque a Lei, che scrive... ed al Nume Tute... Leggi commento »

    • Roberto in La scelta antropologica – Roberto Pecchioli

      Meglio antichi che pansessuali!... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    navigando