fbpx

Due parole, prima di cominciare…

Due parole, prima di cominciare…
di Giacinto Reale

Conto di iniziare, subito dopo ferragosto, la mia collaborazione con “Ereticamente”, che seguivo con interesse già da un po’… Lo farò – in un’ottica inevitabilmente “eretica” – con delle notarelle su un argomento che un po’ conosco, che mi appassiona e che credo meriti di essere meglio conosciuto da chiunque di cose di storia, di politica o anche di semplice cronaca/attualità si interessi: la storia del fascismo delle origini, del quadriennio 1919-22, dello squadrismo, per intenderci.

Aldilà del continuo riferimento che – a sproposito – si fa a fatti, personaggi e “clima” dei quali parlerò (il termine “squadrista” continua ad essere forse il più usato nella polemica politica giornaliera), vi è la mia personale convinzione che lì, in quegli anni c’è tutto il fascismo, o, meglio ancora, ciò che il fascismo avrebbe potuto/dovuto essere nelle intenzioni dei suoi iniziatori Lì vi sono poi gli uomini del ventennio successivo (praticamente tutti, e anche qualcuno in più che poi si perderà per strada) e le polemiche che dureranno – magari sottotraccia – per tutto il regime e saranno poi riprese durante la RSI: monarchia/repubblica, ruolo dei sindacati (poi corporazioni), funzione degli intellettuali, valorizzazione della gioventù, destino dell’Italia, e altre ancora.


Ho detto “ottica eretica”, e mi pare basti: evito, pertanto, ogni ulteriore riferimento a “revisione scientifica” (che avrebbe esclusivi fini di conoscenza) e “revisionismo” (che avrebbe, invece, fini politici e di propaganda). Mia convinzione è che il “fascismo” sia stato un fenomeno irripetibile, geograficamente circoscritto all’Italia e cronologicamente compreso nel periodo che va dall’interventismo al 25 aprile del ’45: i riferimenti a movimenti e regimi consimili, spesso accomunati nella tragica fine, non aiutano a capirne la vera natura, e il richiamo a miti e valori preesistenti e tuttora perduranti (le civiltà guerriere, Roma, la Tavola rotonda, i Templari, il Bushido e quant’altro vi pare) può riuscire fuorviante.

Emilio Gentile, che è, se non il migliore, il più prolifico scrittore attuale di “cose” fasciste, ha scritto: “Si può studiare la storia del fascismo dal basso o dall’alto, da destra o da sinistra; si può mettere a fuoco l’aspetto politico, istituzionale, sociale, economico o antropologico; si può dare risalto agli individui, ai gruppi o alle masse; si può scegliere una prospettiva di lungo o breve periodo; si può preferire l’analisi individualizzante o la sintesi comparativa; si può indagare sulle “intenzioni” o sulle “funzioni” degli attori politici. Ciò che conta, alla fine, è la capacità della storiografia di condurci verso una conoscenza sempre più realistica e complessa della natura del fascismo, nei suoi molteplici aspetti, come fenomeno situato nel tempo e nello spazio, e non come la mera denominazione verbale di una entità metastorica che trascende il tempo e lo spazio”.

Sono sostanzialmente d’accordo, e ne traggo spunto per una finale indicazione metodologica: le “notarelle” avranno cadenza settimanale e lunghezza di una cartella (in qualche caso potranno essere sdoppiate e separatamente pubblicate di seguito); la “traccia” sarà dettata dall’ordine cronologico dei “fatti significativi”, che non sono sempre i più “noti” (sarà esclusa, per esempio, l’avventura fiumana).

Inizierò, quindi, dalla contestazione a Bissolati l’11 gennaio del 1919 per arrivare fino alla vigilia della “Marcia”), senza nessuna “astrazione metastorica che trascenda il tempo e lo spazio”, proprio come scrive Gentile
Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Fascismo, Storia

Pubblicato da Giacinto Reale il 14 Agosto 2013

Giacinto Reale

Nato a Bari intorno alla metà del secolo scorso, vive a Roma. Ha sempre coltivato la passione per cose di storia, alla ricerca di una verità che intuiva essere non di rado diversa da quella dei “sacri testi”. Coltiva, ultimamente, uno speciale interesse per vicende e uomini del primo fascismo, convinto che lì c’è tutto: quello che il fascismo fu, e, soprattutto, quello che prometteva di essere……

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • siamo su telegram

  • parthenope

  • bombardano milano

  • studi evoliani

  • emergenza sanitaria

    Nuovo Dpcm in arrivo – Daniele Trabucco

    di Daniele Trabucco

    Il Presidente del Consiglio dei Ministri pro tempore, prof. avv. Giuseppe Conte, sta valutando un nuovo DPCM in ragione dell’aumento dei contagi[...]

  • Teurgia - libreria

  • la dimora del sublime

  • emergenza vaccini

    Vaccini: Cosa non conosciamo? Storia,tabelle e grafici mai visionati – Vacciniinforma

    di Ereticamente

    VACCINI: COSA CI È STATO OMESSO? Nella letteratura medica, si esaltano da sempre le virtù della vaccinazione. Dopo aver letto questi libri, si riman[...]

  • post Popolari

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • Daniele Bettini in L'eredità degli antenati, trentaquattresima parte – Fabio Calabrese

      Per Samonios vi dedico questa ..nuovo studio ri... Leggi commento »

    • Paola in Violenza e nobiltà - Livio Cadè

      Concordo pienamente. Grazie, come sempre . E aggiu... Leggi commento »

    • Gianluca Padovan in Covid-space: dallo spazio profondo con furore – Gianluca Padovan

      Piaccia o meno, solo chi si dà per vinto è veram... Leggi commento »

    • Fra in Dall’Uomo nuovo della Tradizione all’Ultimo uomo dell’era Covid: un secolo di degenerazione antropologica - Federica Francesconi

      Ottimo... Leggi commento »

    • Renato in Covid-space: dallo spazio profondo con furore – Gianluca Padovan

      Bellissima,. Gianluca non si smentisce mai.... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

g. casalino

ELEUSI

J. Thiriart

STODDARD

TRABUCCO