fbpx

La chiesa e l’immigrazione: il complesso di Porta Pia

La chiesa e l’immigrazione: il complesso di Porta Pia
di Michele Rallo
La visita a Lampedusa di Papa Francesco mi offre lo spunto per qualche considerazione in merito alla posizione della Chiesa sul problema dell’immigrazione. L’Italia e le altre nazioni europee — si sa — sono assediate da un’ondata migratoria che ne minaccia l’identità, la sicurezza e i già precari equilibri sociali ed occupazionali. È una delle due manovre (l’altra è lo strangolamento economico) con le quali i “poteri forti” perseguono il loro non dissimulato obiettivo: cancellare le nazioni e trasferirne i poteri e le risorse alla finanza internazionale. Quanto alla Chiesa Cattolica, essa si è accodata con entusiasmo all’operazione mondialista. Non con gli stessi obiettivi dei promotori, naturalmente, ma in nome di un egualitarismo utopistico, volutamente dimentico del fatto che, nei secoli, i popoli europei (e non solo europei) si sono organizzati in Stati nazionali; Stati nazionali — aggiungo — sopravvissuti non solamente agli Imperi, ma anche al potere temporale dell’antico Papato che aveva tentato di dominarli.


Il Vaticano si trova oggettivamente — dunque — sulla stessa lunghezza d’onda dei poteri forti. «Occorre scardinare le omogeneità nazionali» tuonava qualche mese fa il potente eurocrate Peter Sutherland, alto esponente del club Bilderberg e della Trilateral, con un passato di manager in banche d’affari e multinazionali petrolifere, nonché — udite udite — consulente per l’amministrazione del patrimonio della Santa Sede. Dunque, la cancellazione delle nazioni è l’obiettivo finale dei poteri forti. Stesso obiettivo — e vedremo dopo perché — di una Chiesa Cattolica che in passato non ha nascosto la sua antipatia per le “nazioni”, considerate come una alternativa scandalosamente laica alla universalità ecumenica o, quanto meno, alla “Cristianità”; cioè a quella porzione di Ecumene coincidente con i popoli che confessavano la religione cristiana e che, proprio per questo, dovevano essere in un modo o nell’altro subordinati alla Santa Sede ed obbedienti alle sue direttive politiche oltre che morali. E, se non ha mai amato le nazioni in genere, la Chiesa Cattolica — intesa come entità politica e non come Autorità religiosa — non ha mai amato, in particolare, la nazione italiana, colpevole di avere assestato il colpo di grazia al potere temporale del Papato. Dopo lo sfortunato tentativo della Repubblica Romana — infatti — furono nel 1870 i bersaglieri del Regno d’Italia ad irrompere, attraverso la breccia di Porta Pia, nella capitale dello Stato Pontificio, costringendo la corte del Papa nel mezzo chilometro quadrato di quello che diventerà lo Stato della Città del Vaticano.

Certo, nessun alto prelato — nemmeno in periodo di glasnost bergogliana — ammetterà mai una nostalgia per il potere temporale. Ma, quando da Oltretevere giungono continui ed assillanti appelli ad accogliere «i disperati che fuggono dalle guerre e dalle dittature», da eretico qual sono non posso fare a meno di pensare che, anche nei palazzi vaticani, qualcuno accarezzi il disegno di cancellare la nazione italiana, affogandola nella multietnicità e nel multiculturalismo. La visita di Papa Francesco a Lampedusa — lo dico con filiale rispetto — mi sembra un altro passo in questa direzione.
Nota di Ereticamente
Ringraziamo l’Autore per l’invio. L’articolo è stato pubblicato in cartaceo sul periodico Social di Trapani

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Attualità, Bergoglio, Immigrazione, Rallo

Pubblicato da admin il 14 Luglio 2013

Commenti

  1. Giuste osservazioni. L’unica differenza è che io non nutro alcun filiale rispetto per l’usurpatore che alligna sulla riva sinistra del Tevere, come ebbe a scrivere Arturo Reghini. Si può aggiungere che nessuno ha rilevato una singolare contraddizione: da una parte Francesco I°, Papa e, non scordiamolo, autocrate dello stato Vaticano, predica di spalancare le porte…. ma la tv ci mostra che in alcune città, come a Mestre, le parrocchie chiedono di mettere i cavalli di Frisia attorno alle chiese, per impedire agli accattoni (alcuni dei quali sono addirittura immigrati “legali”) di disturbare le pecorelle del Buon Pastore. Io stesso ho visto i vigili urbani di un comune vicentino allontanare un africano nero perché “questuava” a lato (si badi), a lato, cioè da un ingresso secondario della chiesa.
    Due pesi e due misure? Penso che la chiesa cattolica arriverà a fare come i Bolscevichi. se hai una stanza “libera” in casa tua, dovrai assegnarla ad un “extraneo”. Se ne hai più di una, a più di loro. Ma in casa dei preti, guai!
    Nessun rispetto, prego.

  2. Anonymous

    Se il XX Settembre a porta pia, invece dei Bersaglieri fossero entrati i Garibaldini,ci saremmo levati finalmente un enorme “peso di dosso”.
    Comunque bravo per il Tuo articolo, TUTTO E’ GIUSTO E PERFETTO.
    Gabriele Pedrini

  3. Anonymous

    Tutta questa gente che si installa a casa nostra e pretende, mi urtano, mi scocciano. Ne ho il diritto! Luis ferdi Celine
    rinus

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • ekatlos

  • afrodite

  • siamo su telegram

  • spazioaref brescia

  • Fascismo e Massoneria

    Fascismo e Massoneria, storia di rapporti complessi – 1^ parte – Luigi Morrone

    di Ereticamente

    1. La massoneria italiana tra ‘800 e ‘900 Le logge massoniche si diffondono nella penisola italiana a macchia di leopardo fin dalla metà del XVII[...]

  • teatro andromeda

    Pio Filippani Ronconi 1

  • emergenza vaccini

    Vaccini: Cosa non conosciamo? Storia,tabelle e grafici mai visionati – Vacciniinforma

    di Ereticamente

    VACCINI: COSA CI È STATO OMESSO? Nella letteratura medica, si esaltano da sempre le virtù della vaccinazione. Dopo aver letto questi libri, si riman[...]

  • post Popolari

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • Federico in Le origini degli indoeuropei, parte seconda: la favola nostratica

      L'articolo è buono dal punto di vista ideologico.... Leggi commento »

    • Nicola Bizzi in Artemide e i segreti della Geografia Sacra del mondo antico – Nicola Bizzi

      No, Antonio, non fraintendermi. Non ho mai sostenu... Leggi commento »

    • Pierluigi Pittoni in Senso dello Stato e sua evanescenza – Enzo Caprioli

      Condivisibile ma disperante ...... Leggi commento »

    • Antonio in Artemide e i segreti della Geografia Sacra del mondo antico – Nicola Bizzi

      Non è questione di astronomia, il rferimento ai p... Leggi commento »

    • Enrico in Lo Squadrismo raccontato dagli squadristi – Giacinto Reale (1^ parte)

      Consiglio la lettura di “essenza dello squadrism... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    Google Analytics

g. casalino

c. bene

J. Thiriart

m.houellbecq

a. dugin