fbpx

Ma perchè il denaro è delle banche e non degli stati?

Ma perchè il denaro è delle banche e non degli stati?
di Michele Rallo
Storicamente, il denaro è una convenzione. Gli antichi regni attribuivano un valore ad alcuni metalli preziosi (o più raramente ad altre merci) e questi — coniati in “monete” — erano accettati da tutti gli abitanti come mezzo di pagamento. Nell’area mediterranea, fin dagli albori della civiltà ellenica, l’oro è stato la principale unità di misura per la determinazione del valore della moneta, sia come mezzo di pagamento “interno”, sia come strumento per il regolamento degli scambi fra popolazioni diverse. Naturalmente, erano gli Stati a coniare le monete, utilizzando l’oro che detenevano nei loro forzieri. Più oro aveva uno Stato (o il suo Re), più lo Stato era ricco. E, più lo Stato era ricco, più era potente, perché poteva armare eserciti numerosi e ben equipaggiati. Quando, però, l’economia di uno Stato andava male, il Sovrano chiedeva del denaro in prestito a soggetti privati che si erano arricchiti con i commerci o con speculazioni di tipo finanziario. Questi soggetti privati — i “banchieri” — prestavano dunque del danaro agli Stati, che divenivano così debitori dei banchieri, peraltro subendone forme di condizionamento più o meno accentuate. Iniziava da allora — nel Rinascimento — il lungo assedio della finanza agli Stati nazionali ed alle loro economie.


Fino a qualche anno fa mancava ancora un tassello: gli Stati potevano ancora disporre di banche nazionali proprie e del potere di battere moneta. Oggi non più: a seguito di riforme cosiddette “liberali”, le banche nazionali sono diventate “banche centrali” private, e sono loro a battere moneta, che poi prestano agli Stati dietro il pagamento di interessi. Alcuni Stati, poi — e mi riferisco a quelli dell’eurozona non hanno neanche la possibilità di chiedere denaro in prestito alle rispettive banche centrali, che sono state assorbite da un’unica banca centrale europea. Inoltre, l’oro, non è più una unità di misura della ricchezza delle singole nazioni, essendo stato gradualmente sostituito dal dollaro: prima come moneta convertibile in oro, e poi — a partire dal 1971 — senza neanche questo vincolo. Oggi siamo alla svolta finale: gli Stati non possono più disporre di una ricchezza propria, sono costretti a farsi prestare il denaro dalle loro banche centrali — nella più fortunata delle ipotesi — o, più spesso, dalla speculazione internazionale. Questa, peraltro, batte una propria moneta: è il denaro “virtuale” generato dalla cosiddetta “finanza derivata”; denaro inesistente — in altri termini — prodotto in quantità tale da superare di dieci volte il PIL dell’intero globo terraqueo.

Il problema, dunque, non è soltanto nostro, o della Spagna, o della Grecia, o dell’Unione Europea nel suo complesso. Il problema riguarda tutte le nazioni, comprese quelle che in questo momento si sentono ricche e forti. L’assedio della finanza ai popoli e alle nazioni, iniziato in un lontano giorno del XIV secolo, è giunto adesso all’assalto finale. I popoli e le nazioni hanno una sola via di salvezza: nazionalizzare le banche e l’intero settore finanziario. Che il denaro — dalla sua emissione e fino al suo utilizzo come strumento di intermediazione negli scambi internazionali — torni ad essere nella disponibilità degli Stati. E non dei banchieri o, peggio ancora, degli usurai.

Nota di Ereticamente
Ringraziamo l’Autore per l’invio. L’articolo è stato pubblicato in cartaceo sul periodico Social di Trapani

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Attualità, Economia, Moneta, Rallo

Pubblicato da admin il 29 Giugno 2013

Commenti

  1. Anonymous

    Rallo abbiamo ancora una speranza e cioè negoziare il debito con le banche anglo-americane-tedesche e francesi ,ma tutti sicuramente in mano agli gnomi usurai. Basterebbe un 40% ,se no niente. Di questo ne aveva parlato Blondet e ultimamente l’economista Guido Viale .Poi lasciare l’euro perché vive sotto tutela dei ns peggiori nemici rinus

  2. Anonymous

    Purtroppo Michele Rallo NON conosce la STORIA! E nemmeno quella finanziaria ed economica ITALIANA! Adirittura quella del XX secolo!
    Scriva SOLO quando avrà STUDIATO! E scoprirà che la soluzione – a livello mondiale – fu già APPLICATA! Proprio in Italia!
    A DISPOSIZIONE : Antonio Pantano – pantanoantonio@ymail.com

  3. Io partirei, Anonimo, dallo studio dell’ortografia.

Lascia un commento

  • Milano 7 dicembre

  • Fai una donazione


  • roma 14 dicembre

  • siamo su telegram

  • afrodite

  • ekatlos

  • Roma 2 dicembre

  • teatro andromeda

    Pio Filippani Ronconi 1

  • emergenza vaccini

    Vaccini: Cosa non conosciamo? Storia,tabelle e grafici mai visionati – Vacciniinforma

    di Ereticamente

    VACCINI: COSA CI È STATO OMESSO? Nella letteratura medica, si esaltano da sempre le virtù della vaccinazione. Dopo aver letto questi libri, si riman[...]

  • post Popolari

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • Daniele Bettini in L'eredità degli antenati, nona parte – Fabio Calabrese

      Ho molti articoli sul ciclo delle varie Civiltà A... Leggi commento »

    • Cinzia in “La Tradotta” (prima parte – nn. 1/10)

      Buongiorno, grazie per questo accurato lavoro sul ... Leggi commento »

    • Cono in Leonardo da Vinci e Ruspa da Perdi – Gaspare Brambilla

      Premesso che Leonardo da Vinci resta un Mito per q... Leggi commento »

    • umberto bianchi in I boschi sacri e l’albero cosmico secondo la Tradizione Indoeuropea - Fabrizio Bandini

      Complimenti! Ogni tanto qualcuno che ci rammenta l... Leggi commento »

    • Leporello Rinsavito in L’infezione americana: il Regno della Quantità - Roberto Pecchioli

      il male americano come da tempo non veniva ritratt... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    Google Analytics

g. casalino

c. bene

J. Thiriart

m.houellbecq

a. dugin