Uomo Bianco non avrai il mio scalpo!

Uomo Bianco non avrai il mio scalpo!


di Gianluca Padovan
– «Ci avete invasi e deportati». Ci avete rubato le donne, gli uomini, il petrolio, i diamanti, le terre, i fosfati e pure l’acqua. Avete portato la rovina e la miseria nelle terre che erano dei padri dei nostri padri. Ora ci avete dichiarato una guerra mascherata da «missione di pace», facendoci anche combattere tra di noi e piazzandoci in casa governi-fantoccio al vostro servizio. Ora noi siamo a casa vostra e facciamo quello che chi comanda vuole nella taciuta realtà: non ci integriamo. E facciamo quello che vogliamo. Voi avete minato la nostra società, ora noi miniamo la vostra.

– La Gente Comune è quella che vive e desidera vivere in comune e in armonia. È la gente che costituisce ogni nostro Comune e forma la Nostra Comunità. E desidera vivere in pace e in prosperità, prendendosi cura del nucleo familiare, crescendo i propri figli, accudendo gli anziani e aiutando gli indigenti. Ma potrebbe ribellarsi e fare fronte comune contro coloro i quali desiderano tutto (e questi individui sono «i pochi»), a discapito degli altri (che sono «i molti»). E per fare questo «i pochi» mirano a destabilizzare la base del nucleo familiare dalle plurimillenarie tradizioni sociali e religiose, fomentando le devianze. Oltre a sesso, alcol, droga e televisione imbonitrice, si creano nuove comunità tra la Gente Comune: saranno queste nuove comunità l’elemento determinante nella creazione della tensione che genera il caos. Nel caos la Gente Comune è disorientata, può creare problemi solo a «bassa intensità» e non riesce ad opporsi al generatore del caos. E la Comunità tende a disgregarsi.
– «Uomo Bianco non avrai il mio scalpo e ti sommergerò con la mia onda». Intanto t’impongo le mie religioni, i miei costumi, le mie donne e i miei uomini. Così ti annienterò, così ti cancellerò dalla faccia del Pianeta Terra. Il caos avanza e io lo galoppo. O, almeno, io ho la sensazione appagante di galopparlo. Poco importa se qualcun’altro galoppa me: io non lo vedo. Ma vedo il bianco del tuo volto e l’obiettivo è chiaro: «Uomo Bianco io avrò il tuo posto!».

Se hai letto fino in fondo hai dimostrato interesse per questo contenuto.
Per piacere esprimi una tua reazione cliccando su una delle emoticon
Grazie!

Loading spinner
Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Nativi, Padovan, Società

Pubblicato da admin il 24 Maggio 2013

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • NAPOLI 22 OTTOBRE 2022

  • le nostre origini

  • a dominique venner

  • post Popolari

  • Ultimi commenti
    • Vincenzo Di Maio in Il Filo d’Oro – Michele Perrotta

      https://primordialismovisionario.org/2022/10/06/il... Leggi commento »

    • Vincenzo Di Maio in Il Filo d’oro di Michele Perrotta

      https://primordialismovisionario.org/2022/10/06/il... Leggi commento »

    • Tem in L' eredità degli antenati, novantesima parte – Fabio Calabrese

      In un famoso scritto odiato a morte da tutti gli E... Leggi commento »

    • Tem in L' eredità degli antenati, novantesima parte – Fabio Calabrese

      Lei che parla di origini ha visto " Nosso Lar" il ... Leggi commento »

    • Paola in I valori dell'occidente - Roberto Pecchioli

      Altrettanto, Stefano.... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    navigando