della Essenza

della Essenza

di Gianluca Padovan

della Regalità.

«Il contrario della regalità è la tirannide, perché in quella ogni cosa, in questa nessuna va secondo ragione; dell’aristocrazia l’oligarchia, perché non sono al potere i migliori, ma pochi e scelti tra i peggiori; della timocrazia la democrazia, giacché non gli abbienti, ma il volgo ha in mano ogni cosa» (Sallustio, Sugli Dèi e il Mondo, Adelphi, Milano 2000, p. 147, 11,2).

del Nostro Destino.
L’essenza del pensiero raggiunge gli spiriti immortali e vecchi di tempo che in umane spoglie e su questa Terra albergano. Reincontrarsi è capire che qui ci stiamo un solo attimo, che la morte è in realtà un rientro, la vita è una scelta di progressione. Tutto è fittizio, tranne l’energia che ci anima.
Molti sono desti perché da soli hanno aperto gli occhi o le muse terribili, quelle del pensiero, della poesia, del canto, hanno aperto loro innanzitutto l’involucro che li conteneva segregandoli. E si sono trovati così, consapevolmente, prigionieri nelle spoglie umane. Terribile destino terrestre, quello della consapevolezza: destinata a sanguinare ad ogni sopruso, ad ogni incoerenza, ad ogni perfidia, ad ogni atto teso a svilire l’anima, la mente e il corpo.
dell’Essenza Divina.
Le Essenze Divine rimangono immote e impotenti innanzi allo scempio delle virtù perché incapaci, in quanto divine, di insozzarsi con le bassezze che fanno forti gli individui a loro somiglianti solo nell’involucro esterno e spesso neppure in quello.
Non ci possono essere né filosofia né politica, perché gli spiriti immortali e guerrieri si riconoscono, si rispettano e potrebbero vivere senza regola alcuna perché la loro essenza stessa è la regola. Naturalmente tutto si ordina, gli animi aperti danno luce propria e autonomamente ogni cosa risplende.
del Pensiero Universale.
Occorre, tuttavia, trovare il pensiero da trasmettere, perché se è vero che si è, altrettanto chiaro è, che come tali, se tali, si può trovare la via della vittoria anche sul terreno predisposto dall’avversario. Solo battendosi è possibile conseguire il merito.
Il pensiero universale, che risveglia e compatta gli esseri di luce, sprona gli altri a diventarlo, battendosi anch’essi come cavalieri d’altri tempi. D’altri tempi o semplicemente di questi tempi. Si dimostra così che in ogni tempo si può diventare cavalieri, si può essere cavalieri e in tutti i tempi esistono cavalieri.

Se hai letto fino in fondo hai dimostrato interesse per questo contenuto.
Per piacere esprimi una tua reazione cliccando su una delle emoticon
Grazie!

Loading spinner
Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Padovan, Pensieri

Pubblicato da admin il 3 Maggio 2013

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • NAPOLI 22 OTTOBRE 2022

  • le nostre origini

  • a dominique venner

  • post Popolari

  • Ultimi commenti
    • Tem in Morte di una ideologia – Fabio Calabrese

      Venendo al dunque Dunque digitate su Google " co... Leggi commento »

    • Riccardo Sampaolo in Morte di una ideologia – Fabio Calabrese

      Non mi risulta che Stalin fosse ebreo. Direi di ve... Leggi commento »

    • Roberto in L' eredità degli antenati, ottantanovesima parte – Fabio Calabrese

      Grazie dunque a Lei, che scrive... ed al Nume Tute... Leggi commento »

    • Roberto in La scelta antropologica – Roberto Pecchioli

      Meglio antichi che pansessuali!... Leggi commento »

    • Tem in Morte di una ideologia – Fabio Calabrese

      Putin e'ebreo pure lui altrimenti non avrebbe perm... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    navigando