Grillo è contro l’Europa: ecco perché mi piace

Grillo è contro l’Europa: ecco perché mi piace
di Michele Rallo

Non ho votato Grillo alle scorse elezioni, ma solamente per un fatto sentimentale: fino a quando sulla scheda elettorale sarà pre­sente un simbolo che si ricollega al mio mondo (nella fattispecie La Destra di Storace) il mio voto andrà a quel simbolo. Non ho votato Grillo — dicevo — ma lo avrei fatto certamente se, in­vece che al sentimentalismo, avessi obbedito alla mia razionalità. E ancor più lo voterei oggi, quando l’uomo del­lo tsunami viene attaccato a testa bassa dal circo mediatico del miliardario Carlo De Benedetti (tessera n.1 del PD), in sorprendente alleanza con i media vicini al miliardario-rivale Sil­vio Berlusconi (padre-padrone del PDL).
Che cosa si rimprovera a Beppe Grillo?

Ufficialmente, di avere preso tanti voti “di protesta”, ma di non es­sere in grado di trasformare quei voti in una concreta azione di governo. Nella sostanza, invece, quello che i media influenzati dal gruppo De Be­nedetti (e qui Berlusconi non c’entra) imputano all’ex comico, è di non offrire graziosamente i voti che servirebbero a Pierluigi Bersani per coronare il suo sogno proibito: fare il Presidente del Consiglio. Ma per quale caspita di mo­tivo Grillo dovrebbe suicidarsi in que­sto modo? Risposta del gran circo con­formista: perché l’Italia ha bisogno di un governo purchessia, senza il quale l’Unione Europea, il Fondo Monetario Internazionale e i mercati ci amereb­bero di meno o non ci amerebbero af­fatto.
E, a riprova, ecco che lo spread si impenna e che le agenzie di rating ci declassano ulteriormente. Piccolo par­ticolare che sfugge ai padroni dell’in­formazione: Bersani vuol fare un go­verno che “mantenga gli impegni con l’Europa”. Cioè, tradotto dal politichese in italiano corrente: che continui nel solco tracciato da Monti, riducendo di 5 miliardi di euro ogni anno — e per vent’anni — il nostro debito pubblico (Trattato di Stabilità Finanziaria), con­segnando agli organismi europei i 125 miliardi di euro previsti dal Meccani­smo Europeo di Stabilità soltanto per i prossimi cinque anni, e reperendo i sol­di — che non abbiamo — facendoceli prestare dalla speculazione finanziaria e/o aumentando tasse e macelleria so­ciale.
Tutte cose — i fondamentali del Bersani-pensiero — che sono l’esatto opposto del programma dello spari­gliatore ligure: Grillo vuol farci uscire dall’Unione Europea, vuole che l’Italia si riappropri della propria sovranità monetaria, vuole che smettiamo di in­debitarci sempre di più con gli usurai internazionali.
Stando così le cose, per quale arcano motivo dovrebbe dare i suoi voti a chi vuole fare l’esatto opposto? Risposta della sinistra finanziaria: per dare un governo all’Italia e per evitare che si torni alle urne nel giro di sei mesi. Alle urne, forse, si tornerà; ma un governo più o meno provvisorio, più o meno di coalizione — purtroppo — lo faranno co­munque, magari un governo di salute pubblica presieduto da un sinistro illu­minato: chessò… un Prodi, un Amato, un Passera, o un qualsiasi altro tecnico benvoluto dai mercati. Ma, se così non dovesse essere, per l’Italia sarebbe cer­tamente meglio: meglio sei mesi di cri­si che venti anni di progressivo stran­golamento economico e sociale. Me­glio la razionale protesta di Grillo che il tragico europeismo di Monti e dei suoi eredi.

Nota di Ereticamente

Ringraziamo l’Autore e il periodico Social (Settimanale indipendente di Trapani) per la gentile concessione

Se hai letto fino in fondo hai dimostrato interesse per questo contenuto.
Per piacere esprimi una tua reazione cliccando su una delle emoticon
Grazie!

Loading spinner
Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Attualità, Economia, Elezioni, Europa, Finanza, Governo, Grillo, Politica, Rallo

Pubblicato da admin il 15 Marzo 2013

Commenti

  1. Anonymous

    Mi scusi ma non ho capito perchè considera il movimento ‘La Destra’ ricollegarsi al suo mondo? Forse perchè Storace è stato per tanti anni autista di quella macchietta di Gramazio? Forse perché è sempre stato un caloroso sostenire della linea sionista di AN? Mi spiega perchè chi si riconosce in una linea politica nazional-popolare dovrebbe poi riconoscersi parte di una divisione interna al sistema borghese ( Destra et Sinistra)i cui organi fanno ancora di tutto per distruggerci e coprirci di menzogne?

  2. http://www.youtube.com/watch?v=ovHGbm5_4Bo

    fino a quando i politici non saranno tutti smascherati.

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • le nostre origini

  • a dominique venner

  • post Popolari

  • Ultimi commenti
  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    navigando