fbpx

Sofferenza e Amore per la…buona battaglia!

Sofferenza e Amore per la…buona battaglia!


di Mario M. Merlino
 Credo di aver già scritto come gradisca poco intromettermi nelle vicende politiche, soprattutto in vista delle elezioni e di un ambiente (mio? nostro? Ormai distante e perduto?) che ha nessun senso del ‘pudore’ proponendosi con tre o quattro sigle alla destra della destra. Prevedo, senza scomodare il mio fantasioso antenato, che potremo utilizzare le varie percentuali di ciascuno quali prefissi telefonici. Non è, però, mia intenzione, nè qui nè altrove,  sostituirmi agli uffici competenti di statistica o alle compagnie rivali delle telecomunicazioni. O, se volete, memore della canzone di Giorgio Gaber, mitico, ‘Al caffè Casablanca’ dove si beve si mangia il gelato e si parla di rivoluzione con i giornali di Lotta continua sotto o sopra i tavolini. Ovviamente senza più intrattenersi su rivolte bastoni e barricate che darebbe il legittimo, pur se auspicabile mi viene a volte la tentazione di pensare, sapore triste dell’amarcord, come intitolava Fellini un suo film e come si dice in dialetto di Romagna dove sono cresciuto.

Sabato pomeriggio sono stato al convegno, organizzato da una giovane comunità locale, su Codreanu e la Guardia di ferro in un agriturismo nei pressi di Fiuggi, di cui ho anticipato l’evento in precedente mio intervento. Fra l’altro erano presenti tre esponenti dell’Asociatia Noua Dreapta, uno dei quali rientrato in Italia dalla Spagna dove, ogni anno, si rinnova il ricordo della morte in combattimento di Ian Motza e Vasile Marin, volontari nella guerra civile, a Majadahonda, nei pressi di Madrid ai primi del 1937. Qui dal 1970 è stato eretto, con gli esclusivi fondi degli esuli, un monumento. Diversi gli interventi, tutti ad alto livello, tutti appassionati, rigorosi, tutti capaci di confermare quanto già aveva rilevato Maurice Bardéche essere, cioè, ‘la più originale e affascinante prova compiuta e più pura della grandezza morale a cui può condurre l’idea fascista’.
Hanno chiesto, i giovani organizzatori, che fossi io a concludere, magari per rispetto ai capelli bianchi più che per l’autorevolezza del sapere. E – modestamente, mai – non li ho delusi… Tutta questa premessa per riportare una affermazione del Capitano, risposta al magistrato che, malevolo e subdolo, gli chiedeva quali fossero i criteri per entrare nella Legione e accedere alle gerarchie e competenze funzionali: ‘E’ la quantità di sofferenza e di amore’. Ed ho voluto sottolineare il termine ‘amore’ perché ciò che colpisce, mi colpisce, è l’assoluta convinzione di Codreanu che non è sufficiente essere predisposti ad affrontare la ‘buona battaglia’, bisogna essere capaci di viverla, renderla azione. Attraverso i campi di lavoro, il commercio legionario, la doppia gerarchia e, va da sé, il sacrificio perché il sangue versato alla terra dei padri dà allo spirito la forza d’affermarsi…
Sappiamo quanto feroce fu la repressione operata ai danni del movimento legionario e quanta forza spirituale seppero dimostrare nella tormenta i suoi aderenti. Sappiamo anche quanto i Fascismi al potere faticarono ad intenderne il valore, diffidarono, preferirono il governo militare del generale Antonescu più che il successore di Codreanu, Horia Sima. Politica e iniziazione spirituale, la tensione mistica del radicalismo romeno apparivano collocarsi ben oltre a quanto, pur presente e significante, vi era nella religiosità del fenomeno fascista…
Sono gli anni ’70 che, nelle realtà giovanili della destra di partito e radicale, scoprono Codreanu e trasformano ‘Il Capo di Cuib’ in una lettura di formazione del militante. Davanti all’invadenza di un mondo giovanile votato alla sinistra, con i cortei di migliaia di partecipanti, con slogan e referenti di un marxismo nei suoi molteplici rivoli, nell’arroganza di uno spirito illuminista e giacobino che si arrogava, come cantava Francesco Guccini, di stare sempre dalla parte della ragione e mai del torto, con la ferocia la brutalità la sicumera d’essere in tanti, rivendicare la superiorità dell’ardua scelta ove tutto donare e donare anche se stessi. Quando Franco Anselmi bagna il proprio passamontagna con il sangue ancora caldo di Stefano Recchioni sull’asfalto, egli compie – consapevole o meno, ben poco importa – un gesto ‘legionario’. Di quei legionari che, dopo aver compiuto l’esecuzione di Calinescu, l’uomo dal ‘monocolo nero’, artefice dell’assassinio del Capitano e dei tanti camerati, si consegnano o danzano e cantano intorno al letto del traditore giustiziato in attesa d’essere arrestati e inviati nelle miniere di sale o direttamente strozzati nelle celle.
‘La quantità di sofferenza e di amore’, appunto…
Poi, poi… per molti, troppi, ‘il tradimento dei chierici’ al lavoro, inteso non come strumento ma finalizzato al guadagno, i miti consumistici macchina sportiva cellulare d’ultima generazione, abito firmato, ostriche e champagne. E la politica come carriera. Che ciò sia avvenuto anche ‘a sinistra’ perché dovrebbe scandalizzarci, lasciare l’amaro in bocca? Non pensammo – e così ci educarono i nostri maestri, ad esempio Julius Evola o Drieu la Rochelle – che americanismo e bolscevismo erano le facce d’un medesimo conio? E, proprio contro di loro, ritenemmo che il Fascismo ‘immenso e rosso’, la ‘guerra del sangue contro l’oro’ aveva combattuto una lotta mortale e noi, eredi di quell’avventura, con lui.
Oggi quei giovani di allora, molti, troppi di loro, sono fra coloro che selezionano o sono candidati alle prossime elezioni e alla ‘quantità di sofferenza e di amore’ hanno sostituito ruffianeria corruzione e denaro… mentre le ali dell’Arcangelo Michele, le sue piume sono state disperse e calpestate…
Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Codreanu, Cuib, Merlino

Pubblicato da Mario Michele Merlino il 28 Gennaio 2013

Mario Michele Merlino

Nato a Roma 2 giorni prima dell'entrata degli alleati, quindi 'obbligato' per fedeltà ad appartenere ad altra Repubblica. Prima con la spranga sui denti (altrui) poi con la penna irriverente sbruffone parolaio, cioè 'geniale'... con poche idee e tante emozioni in attesa di sapere cosa farà da grande...

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • ekatlos

  • afrodite

  • siamo su telegram

  • spazioaref brescia

  • Fascismo e Massoneria

    Fascismo e Massoneria, storia di rapporti complessi – 1^ parte – Luigi Morrone

    di Ereticamente

    1. La massoneria italiana tra ‘800 e ‘900 Le logge massoniche si diffondono nella penisola italiana a macchia di leopardo fin dalla metà del XVII[...]

  • teatro andromeda

    Pio Filippani Ronconi 1

  • emergenza vaccini

    Vaccini: Cosa non conosciamo? Storia,tabelle e grafici mai visionati – Vacciniinforma

    di Ereticamente

    VACCINI: COSA CI È STATO OMESSO? Nella letteratura medica, si esaltano da sempre le virtù della vaccinazione. Dopo aver letto questi libri, si riman[...]

  • post Popolari

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • Nicola Bizzi in Artemide e i segreti della Geografia Sacra del mondo antico – Nicola Bizzi

      No, Antonio, non fraintendermi. Non ho mai sostenu... Leggi commento »

    • Pierluigi Pittoni in Senso dello Stato e sua evanescenza – Enzo Caprioli

      Condivisibile ma disperante ...... Leggi commento »

    • Antonio in Artemide e i segreti della Geografia Sacra del mondo antico – Nicola Bizzi

      Non è questione di astronomia, il rferimento ai p... Leggi commento »

    • Enrico in Lo Squadrismo raccontato dagli squadristi – Giacinto Reale (1^ parte)

      Consiglio la lettura di “essenza dello squadrism... Leggi commento »

    • Nicola Bizzi in Artemide e i segreti della Geografia Sacra del mondo antico – Nicola Bizzi

      Ringrazio Antonio per il suo commento, che però i... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    Google Analytics

g. casalino

c. bene

J. Thiriart

m.houellbecq

a. dugin