fbpx

Riapre la “ Villa delle meraviglie”

Riapre la “ Villa delle meraviglie”

Il giorno a lungo atteso è finalmente arrivato: il 4 luglio scorso è stata inaugurata e riaperta definitivamente al pubblico, dopo sei anni di lavori di restauro, la Villa romana del Casale di Piazza Armerina, in provincia di Enna, famosa in tutto il mondo per i suoi splendidi mosaici e per essere stata inserita nel 1997 tra i siti UNESCO Patrimonio dell’Umanità. All’inaugurazione, svoltasi “in notturna” grazie al nuovo sistema d’illuminazione, hanno preso parte varie autorità guidate dall’Alto commissario Vittorio Sgarbi e dall’architetto Guido Meli, direttore del Parco archeologico ed autore del progetto di restauro, messo in opera da 50 restauratori di tutta Europa. Nessun ministro del governo Monti ha avuto la decenza di presenziare all’avvenimento, neanche il responsabile del Turismo. E non ci venga a raccontare “minchiate”, signor ministro Gnudi, sul mancato invito. Per un evento di così grande rilevanza il ministro viene, punto e basta.

Ma non vogliamo polemizzare più di tanto con dei “tecnici” che non capiscono la straordinaria potenzialità di questo sito, unico al mondo, in termini di ricaduta turistica, economica ed occupazionale, per la Sicilia e quindi per l’intera Nazione. La Villa, di età tardo romana, risalente al III-IV secolo d. C., è la più imponente del Mediterraneo. I suoi “numeri” parlano chiaro: un’area di circa 5000 metri quadrati (ma nuovi ritrovamenti archeologici imporranno presto di riconsiderare l’intero sito), 120 milioni di tessere musive che coprono circa 4000 metri quadri di pavimentazione; e poi dipinti murali, sculture, fontane, colonne.

 Questo inestimabile patrimonio archeologico, negli ultimi decenni  era fortemente compromesso da tutta una serie di fattori, per cui si rendeva necessario e urgente un intervento di recupero e conservazione dell’intera struttura. Va dato atto a Fabio Granata, all’epoca assessore regionale ai Beni culturali, di aver avviato l’iter per il restauro della Villa. Sono stati spesi 18 milioni di euro reperiti attraverso i fondi del Por Sicilia 2000/2006, ma almeno altri 5 milioni saranno necessari per recuperare al meglio le Terme, il Triclinio, il giardino antistante la Villa, ed altri servizi come l’area attrezzata di sosta e i cartelli del “percorso museografico”. Rimasta sepolta per secoli, la Villa romana cominciò a rivedere la luce nell’Ottocento e in successive campagne di scavo negli anni Venti e Trenta, fino agli anni Cinquanta con l’archeologo marchigiano Gino Vinicio Gentili, che guidò la più completa operazione di rinvenimento del sito archeologico. Negli anni Sessanta i preziosi mosaici furono coperti con una struttura in ferro, plastica e vetro, ad opera dell’architetto Franco Minissi. Il nuovo progetto di recupero e conservazione ha previsto una nuova copertura in legno e rame scurito con tetto ventilato per garantire un clima ideale ed evitare il terribile “effetto serra” che tanti danni ha arrecato nel tempo ai mosaici. Sono state ridefinite le “gerarchie spaziali” della Villa recuperando l’antica volumetria in base al criterio della proporzione metrica applicata alle colonne sopravvissute. Inoltre, è stata creata una barriera contro l’umidità e le infestazioni biologiche attraverso l’isolamento dei muri esterni con un sistema drenante e traspirante.

 Eccezionale il lavoro di restauro conservativo effettuato sulle decorazioni pavimentali e parietali, usando le tecniche più innovative.“In un primo tempo sono stati rimossi strati di limo di decenni, muffe, alghe, batteri, funghi e sali; ripulite le tessere, danneggiate da materiali aggressivi di precedenti restauri (cere, incrostazioni, resine); distaccate piccole porzioni di mosaico per intervenire sui ferri, ormai arrugginiti, dei massetti di cemento; ripianati i “vulcanelli” e infiltrati nel terreno  prodotti risananti; l’idrossido di bario iniettato con aghi inseriti tra le tessere, attraverso centinaia di flaconi di flebo, ha permesso la bonifica da alcuni sali e, al substrato, di recuperare la propria solidità. Si è passati poi al restauro vero e proprio, con l’uso di tessere in malta incisa per i decori geometrici e base incolore neutra per il figurato, che ha permesso di recuperare la lettura di gran parte dei mosaici originari.

Alla Villa è stata usata, per la prima volta, una preziosa tecnica ricostruttiva delle lacune, realizzata in alcune parti del figurato di piccole dimensioni, con l’uso di malta incisa a scomposizione cromatica, secondo i colori dominati dal contorno, mutuando tale tecnica dalla reintegrazione pittorica dei dipinti e degli affreschi. Il trattamento finale è previsto con ossalato di ammonio, per consolidare e proteggere le superfici, oltre che rinvigorire l’originario cromatismo delle tessere lapidee”. ( Vedi “Il lavoro dei restauratori”- Dossier Villa romana del Casale in KALOS – Arte in Sicilia, Gennaio – Marzo 2011).

I turisti che seguiranno il percorso sulle passerelle, potranno ammirare dall’alto i mosaici nel loro originario splendore. Tra questi, l’Ambulacro della Grande Caccia (un lungo e spettacolare corridoio interamente mosaicato con scene di grande effetto sulla cattura e trasporto delle belve), la sala delle “ragazze in bikini”, la sala di Orfeo, Ercole e i Giganti, Ulisse che offre il vino a Polifemo, l’alcova con la “scena erotica” e centinaia di altre rappresentazioni di elementi naturali, umani, mitologici, allegorici, simbolici, che lasciano il visitatore sbalordito da tanta bellezza e maestria. Non ci resta che augurare ai lettori di vivere l’emozione di una visita nella “Villa delle meraviglie”, senza dimenticare che a pochi chilometri si trova la ceramica artistica di Caltagirone, l’area archeologica di Morgantina e il prezioso museo di Aidone, dove troneggia, bellissima e maestosa, la Dea di Morgantina.

Salvatore Marotta

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Marotta, Villa del Casale

Pubblicato da admin il 10 Luglio 2012

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • ekatlos

  • afrodite

  • siamo su telegram

  • spazioaref brescia

  • Fascismo e Massoneria

    Fascismo e Massoneria, storia di rapporti complessi – 1^ parte – Luigi Morrone

    di Ereticamente

    1. La massoneria italiana tra ‘800 e ‘900 Le logge massoniche si diffondono nella penisola italiana a macchia di leopardo fin dalla metà del XVII[...]

  • teatro andromeda

    Pio Filippani Ronconi 1

  • emergenza vaccini

    Vaccini: Cosa non conosciamo? Storia,tabelle e grafici mai visionati – Vacciniinforma

    di Ereticamente

    VACCINI: COSA CI È STATO OMESSO? Nella letteratura medica, si esaltano da sempre le virtù della vaccinazione. Dopo aver letto questi libri, si riman[...]

  • post Popolari

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • Federico in Le origini degli indoeuropei, parte seconda: la favola nostratica

      L'articolo è buono dal punto di vista ideologico.... Leggi commento »

    • Nicola Bizzi in Artemide e i segreti della Geografia Sacra del mondo antico – Nicola Bizzi

      No, Antonio, non fraintendermi. Non ho mai sostenu... Leggi commento »

    • Pierluigi Pittoni in Senso dello Stato e sua evanescenza – Enzo Caprioli

      Condivisibile ma disperante ...... Leggi commento »

    • Antonio in Artemide e i segreti della Geografia Sacra del mondo antico – Nicola Bizzi

      Non è questione di astronomia, il rferimento ai p... Leggi commento »

    • Enrico in Lo Squadrismo raccontato dagli squadristi – Giacinto Reale (1^ parte)

      Consiglio la lettura di “essenza dello squadrism... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    Google Analytics

g. casalino

c. bene

J. Thiriart

m.houellbecq

a. dugin