Camerata RINALDO MASSI…. PRESENTE
E’mancato a Triste il camerata Rinaldo Massi valoroso combattente della RSI, yamatologo e impeccabile gentiluomo. Ricordiamo l’edizione da lui curata (Sanno Kai, 1976)del “Bushido”di Inazo Nitobe, e il libro in collaborazione con Dario Zanchi “Ten Chu”(Sanno Kai 1995)
Rammaricandoci di averlo incontrato solo poche volte e che non abbia mai voluto mettere per iscritto le sue memorie belliche come chi scrive ebbe a suggerirli, lo ricordiamo riproducendo l’articolo che gli ha dedicato un foglio della sua città.
trovato senza vita in casa a 88 anni

Morto Rinaldo Massi “anima” del paracadutismo per oltre sessant’anni
Anima” del paracadutismo giuliano e non solo per più di 60 anni ma anche riconosciuto yamatologo, esperto di tradizioni giapponesi, di ikebana e poeta di haiku, le composizioni di tre strofe tipiche…
“Anima” del paracadutismo giuliano e non solo per più di 60 anni ma anche riconosciuto yamatologo, esperto di tradizioni giapponesi, di ikebana e poeta di haiku, le composizioni di tre strofe tipiche del Sol Levante, veterano di guerra e mutilato: Rinaldo Massi, classe 1924, è morto ieri per cause naturali nella sua abitazione.
I “suoi” paracadutisti la mattina lo attendevano nella sede sociale per importanti lavori di riadattamento e non vedendolo arrivare si sono recati nell’appartamento di via Giulia, del quale lui stesso aveva loro procurato copia delle chiavi, trovandolo senza vita. Di vitalità eccezionale e spirito sempre pronto, solo negli ultimi mesi pareva provato, anche per alcuni problemi cardiaci. Nato nel dicembre del ’24, Massi l’8 settembre 1943 si ritrova alla Casa del fascio di Venezia e sceglie di arruolarsi nel Battaglione bersaglieri Mussolini, con il quale presta mesi di durissimo servizio a Tolmino, nel Goriziano. Durante una licenza, attratto dalla specialità, riesce a farsi aggregare al Battaglione paracadutisti Nembo. Partecipa così a numerosi rastrellamenti. Nel marzo ’45 durante un’esercitazione con un Panzerfaust perde il braccio sinistro. Sopravvive e, fedele ai suoi principi, la costante di tutta una vita, e con l’incoscienza della gioventù, a fine conflitto si reca in uniforme della Repubblica sociale fino a Milano per altre cure. È poi tra i soci fondatori dell’Associazione nazionale paracadutisti d’Italia di Trieste, di cui sarà presidente dal ’72 a ieri. Si era brevettato in Svizzera nel ’48 nonostante la mutilazione. Che non gli impedì altri exploit: per scommessa nuotò, sacca dei vestiti tra i denti, da Muggia a piazza Unità.
26 aprile 2012

Se hai letto fino in fondo hai dimostrato interesse per questo contenuto.
Per piacere esprimi una tua reazione cliccando su una delle emoticon
Grazie!

Loading spinner
Print Friendly, PDF & Email
Categorie: in memoriam

Pubblicato da admin il 26 Aprile 2012

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • NAPOLI 22 OTTOBRE 2022

  • le nostre origini

  • a dominique venner

  • post Popolari

  • Ultimi commenti
    • Roberto in L' eredità degli antenati, ottantanovesima parte – Fabio Calabrese

      Grazie dunque a Lei, che scrive... ed al Nume Tute... Leggi commento »

    • Roberto in La scelta antropologica – Roberto Pecchioli

      Meglio antichi che pansessuali!... Leggi commento »

    • Tem in Morte di una ideologia – Fabio Calabrese

      Putin e'ebreo pure lui altrimenti non avrebbe perm... Leggi commento »

    • Tem in Morte di una ideologia – Fabio Calabrese

      Io lo so che lei da buon italiano vuole aver ragio... Leggi commento »

    • Fenrir in Morte di una ideologia – Fabio Calabrese

      Tem, che una grande parte dei dirigenti e funziona... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Tag

    Newsletter

    navigando