fbpx

In Memoria dei Martiri della Civiltà Europea

L’Associazione ARETE’ ricorda  l’immensa figura del Filosofo Giordano Bruno, bruciato vivo il 17 Febbraio del 1600 a Roma in Campo dei Fiori dall’intolleranza della Inquisizione, da taluni ancora definita “santa”. Con Lui ricordiamo altri Martiri dell’Antico Culto, colpevoli solo di essere rimasti fedeli alle Divinità della propria Civiltà. Ricordiamo la scienziata  Ipazia , trucidata ad Alessandria di Egitto, il Filosofo Simonide bruciato vivo, il Filosofo Politeista Maximus decapitato, migliaia di Sacerdoti;  inoltre bruciati luoghi di Culto Sacri. poi ridotti a bordelli e stalle per disprezzo! Carbonizzare le Biblioteche come quelle di Antiochia ed Alessandria di Egitto e numerose altre,  ha significato perdere per l’Eternità opere di scienza, fisica, matematica, astronomia, filosofia, storia, geografia, geometria, letteratura, trattati di idraulica ed architettura, tutte opere di immenso valore artistico, scientifico e culturale…Potremmo continuare ma rimandiamo alla lettura dell’imperdibile opera di K.Deschner “STORIA CRIMINALE DEL CRISTIANESIMO”, Edizioni Ariele in cui vengono descritti accadimenti inimmaginabili. Essendo il nostro Sodalizio, continuatore ideale del Culto di quella Civiltà, accettiamo ed ammettiamo qualsiasi  Religione, ed è per questo che oggi, in nome della tolleranza, irrinunciabile nostra Divisa Spirituale, ricordiamo il Martirio di questo Grande Intellettuale, ingiustamente arso vivo da chi doveva, a parole, ”porgere l’altra guancia”. Onore a Voi, Martiri dell’ Antica Civiltà Europea. Arete776@libero.it 
Print Friendly, PDF & Email
Categorie: arete

Pubblicato da admin il 16 Febbraio 2011

Commenti

  1. Sicuramente ho piacere a constatare la riscoperta di un nostro autore così bistrattato e occultato dalla storiografia faziosa di stampo Guelfo. Bruno era un vero Filosofo ed un vero Uomo di Spirito e di Ricerca, prendiamo esempio da lui e dalla sua vita per vivere liberi e non schiavizzati.

Lascia un commento

g. casalino

c. bene

J. Thiriart

m.houellbecq

g. colli