Etnonazionalismo 4 Commenti

Prima dello stato viene il destino dei popoli

Prima dello stato viene il destino dei popoli

La questione catalana, come quella scozzese, e il referendum per le autonomie voluto dai leghisti di Veneto e Lombardia, portano alla ribalta il tema dell’indipendentismo e dell’autonomismo, calandolo nella realtà dell’Europa occidentale dove, e per fortuna, queste problematiche non vengono vissute col coltello tra i denti come nella controparte orientale del continente: la sanguinosissima guerra […]

Pubblicato da Paolo Sizzi il 15 ottobre 2017

Etnonazionalismo 4 Commenti

50 validi motivi per difendere l’Italia e la sua identità – Parte V

50 validi motivi per difendere l’Italia e la sua identità – Parte V

Eccoci all’ultimo appuntamento della rassegna sulle 50 buone ragioni che, a mio avviso, rappresentano altrettanti validi motivi per difendere e preservare la natura etnonazionale dell’Italia, in quanto patria storica plurimillenaria e non vuoto contenitore ottocentesco di popoli disparati, come vanno affermando i suoi detrattori stranieri e, cosa peggiore, interni, quasi sempre utili idioti al servizio della […]

Pubblicato da Paolo Sizzi il 24 settembre 2017

Etnonazionalismo 1 Commento

Non gettiamo l’Italia con l’acqua sporca del mondialismo

Non gettiamo l’Italia con l’acqua sporca del mondialismo

Come è risaputo, un tempo professavo un lombardismo radicale (a tratti, diciamocelo, parecchio esasperato e grottesco) che teneva in completa non cale l’Italia e l’italianità e per quanto non spudoratamente indipendentista (essendovi ben altre priorità) decisamente orientato ad una separazione dal resto del Paese, a partire dalle basi etno-culturali. Tre anni fa il cambio d’indirizzo, […]

Pubblicato da Paolo Sizzi il 13 agosto 2017

Etnonazionalismo 2 Commenti

Il mito di Roma e la rivoluzione nazional-federale

Il mito di Roma e la rivoluzione nazional-federale

L’attuale quadro politico italiano è piuttosto desolante poiché la scena è fondamentalmente occupata da due soggetti, con i restanti nel ruolo di comprimari. Questi due soggetti sono il Partito Democratico e il Movimento 5 Stelle, e tra i comprimari possiamo trovare ciò che resta della destra italiana: Lega Nord, berlusconiani, ex aennini, altri minori (e […]

Pubblicato da Paolo Sizzi il 11 giugno 2017

Etnonazionalismo 0 Commenti

Il mondialismo alle radici dell’europeismo di cartapesta

Il mondialismo alle radici dell’europeismo di cartapesta

L’Unione Europea rappresenta, fondamentalmente, solo due realtà: Francia e soprattutto Germania. Tutto il resto conta zero o poco più, compresa l’italietta di Gentiloni, un uomo il cui volto è il ritratto della depressione. In Gran Bretagna lo hanno capito per tempo, tagliando, giustamente, la corda e mantenendo sempre intatta la propria sovranità monetaria. L’idea d’Europa […]

Pubblicato da Paolo Sizzi il 28 maggio 2017

Etnonazionalismo 13 Commenti

L’Italia nazionale contro l’italietta statale

L’Italia nazionale contro l’italietta statale

La sfida, anche politica, che si pone in atto in Italia consiste nel riuscire, finalmente, a ridare vita a quello che è il nerbo nazionale del Paese e che non coincide minimamente con l’attuale repubblica italiana o con il suo antecedente monarchico. Anzi, il problema sta proprio nell’abisso che separa lo stato italiano dalla nazione […]

Pubblicato da Paolo Sizzi il 29 gennaio 2017

Etnonazionalismo 2 Commenti

Lo stato, la nazione, l’etnia

Lo stato, la nazione, l’etnia

Ogni volta che si viene a parlare di Italia ecco sollevarsi un nugolo di polemiche, all’interno degli ambienti identitari, dovuto alla cronica confusione tra i concetti di stato e di nazione talché se uno difende il buon nome del Paese, della Patria, di quello che è genuinamente Italia da millenni viene spesso preso a pernacchie […]

Pubblicato da Paolo Sizzi il 7 agosto 2016

Etnonazionalismo 0 Commenti

La sacralità dello ius sanguinis e il destino delle nazioni

La sacralità dello ius sanguinis e il destino delle nazioni

La nazionalità è una cosa, la cittadinanza un’altra; la prima riguarda l’etnia e l’appartenenza nazionale dell’individuo e della sua comunità, la seconda l’appartenenza ad uno stato. Stiamo parlando di concetti distinti è chiaro, ma in ottica etnonazionalista le due cose devono coincidere, altrimenti si ha lo ius soli e la svendita della Nazione assecondata dall’individualismo […]

Pubblicato da Paolo Sizzi il 29 maggio 2016

Etnonazionalismo 7 Commenti

L’Italia etnonazionale contro l’italietta caricaturale

L’Italia etnonazionale contro l’italietta caricaturale

L’attuale Repubblica Italiana partorita dal secondo dopoguerra, e dunque modellata dalle grinfie di democristiani, partigiani, liberali, sinistrati e altri servitori dei “vincitori” alleati, non è altro che una colonia svuotata da ogni rimando genuinamente nazionale (ed etno-culturale). Lo stato italiano che ci ritroviamo sul groppone da una settantina di anni non serve l’Italia e il […]

Pubblicato da Paolo Sizzi il 1 novembre 2015

Etnoregionalismo 0 Commenti

Areali etnici italiani: la Sardegna

Areali etnici italiani: la Sardegna

Chiudiamo la rassegna sugli areali etnici italiani con la Sardegna, quest’isola dalla antichissima storia, a metà strada tra il mondo romanzo occidentale e quello orientale. Una regione che è anche areale a sé stante, in quanto luogo in cui le diverse stratificazioni storiche si fondono in una maniera del tutto originale e distinta sia dalla […]

Pubblicato da Paolo Sizzi il 24 agosto 2015

Etnoregionalismo 0 Commenti

Areali etnici italiani: l’Ausonia

Areali etnici italiani: l’Ausonia

Veniamo al Meridione d’Italia, al Sud continentale con l’esclusione della sua parte estrema “siciliana”, a quello che potrei definire come Ausonia (usando un termine storico). Per via del dominio del Regno di Napoli e dell’egemonia politica e culturale esercitata dalla città di Napoli, qualche bello spirito soprattutto neoborbonico ha estratto dal cilindro il termine “Neapolitania”, […]

Pubblicato da Paolo Sizzi il 9 agosto 2015

Etnoregionalismo 0 Commenti

Areali etnici italiani: la Tirrenia

Areali etnici italiani: la Tirrenia

Eccoci all’area mediana del Paese, il Centro Italia, a quello che è il fulcro spirituale e culturale del Paese. Lo indico come Tirrenia (non tanto per il mare omonimo ma per l’accezione etnica del termine), che in altre parole allude all’Etruria. I Tirreni o Tirseni, gli Etruschi, da cui poi è derivato l’etnico toscano, erano […]

Pubblicato da Paolo Sizzi il 2 agosto 2015

Etnoregionalismo 1 Commento

Areali etnici italiani: la Venethia

Areali etnici italiani: la Venethia

Eccoci all’area nordorientale del Paese, quella che etnicamente e storicamente rientra nell’ambito reto-venetico, ossia il Triveneto, o Venethia. Il Nord-Est potrebbe essere considerabile come Lombardia orientale, in quanto prima area occupata dai Longobardi che irruppero in Italia (l’Austria longobarda), e anche perché nel Medioevo città come Verona, Trento e Padova erano considerate lombarde alla stregua […]

Pubblicato da Paolo Sizzi il 26 luglio 2015

Etnoregionalismo 0 Commenti

Areali etnici italiani: la Lombardia

Areali etnici italiani: la Lombardia

Cominciamo la rassegna dei sei areali etnici italiani, individuati soledì scorso, prendendo in esame l’area nordoccidentale del Paese, ossia quella che etnicamente e storicamente rientra nell’ambito celto-ligure. Io la chiamo Lombardia. Come sapete oggi l’accezione di “Lombardia” riguarda esclusivamente l’attuale regione amministrativa della Repubblica Italiana, che è una Lombardia alquanto mutilata e ridimensionata rispetto alla […]

Pubblicato da Paolo Sizzi il 19 luglio 2015

Etnonazionalismo 0 Commenti

Sociali, nazionali, federali: l’Italia che vince e convince

Sociali, nazionali, federali: l’Italia che vince e convince

L’Italia andrebbe riorganizzata, su base etno-federale, in poche regioni con un ridotto numero di province. Attualmente abbiamo per le mani 20 regioni (alcune inutili e altre con altrettanto inutili statuti speciali) e un imbarazzante numero di province, 110. Moltissime di queste sono moderne creazioni che non hanno né capo né coda, create solo per soddisfare […]

Pubblicato da Paolo Sizzi il 12 luglio 2015

    sosteneteci&cresciamo


  • concorso letterario

    Pensieri per Giulio – Stelle, Soli e Lune – Prima Edizione

    di Luca Valentini

    “Pensieri per Giulio – Stelle, Soli e Lune” Edit@ Casa Editrice & Libraria in Taranto indice la Prima Edizione del Cimento Poetico & Nar[...]

  • tradizione

    Che cos’è la Tradizione

    di Giandomenico Casalino

      Vico insegna che “natura delle cose è loro nascimento”, per cui l’essenza di una realtà è la sua origine; in ciò risiede la ragione che i[...]

  • novità in libreria

  • julius evola

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
  • post Popolari

    archivio ereticamente

    Statistiche

    Tag

    Newsletter

  • a. dugin

    Uscire dal XX secolo. Un’idea nuova per il Terzo Millennio.  Per una Quarta teoria politica. – Roberto Pecchioli (5^ ed ultima parte)

    di Il Picchio

    “Chi ha rinunciato alla sua terra, ha rinunciato anche al suo Dio” (Fedor Dostoevskij- L’idiota) Capitolo IX Andare oltre Centro e periferia Il [...]

  • populismo

    Elogio ragionato del populismo, 2^ parte – Roberto Pecchioli

    di Ereticamente

    Il rasoio di Occam populista Quello che sembra sfuggire alle analisi di sociologi e politologi, e che è a monte dell’insorgenza populista c’è il[...]

  • il soledì

    Guerra dei sessi, sconfitta di tutti

    di Paolo Sizzi

    Una comunità sana è una comunità coesa in tutte le sue parti, dove il rapporto tra le varie categorie umane che la compongono è incentrato sulla s[...]

  • eretico

    Minniti: il ruggito del coniglio – Michele Rallo

    di Ereticamente

    Dove eravamo rimasti? Ah, si… Ai migranti che erano una risorsa e che stavano lavorando per noi: per fare i lavori che gli italiani non vogliono[...]

  • controstoria

    Il 18 Settembre 1943 nasceva la Repubblica Sociale Italiana. Le Brigate Nere di Alessandro Pavolini ne saranno l’anima popolare, idealistica e rivoluzionaria – Maurizio Rossi

    di Ereticamente

    La rilettura storica dell’esperienza della Repubblica Sociale Italiana – la cui nascita venne annunciata da Benito Mussolini il 18 Settembre 1943 [...]