fbpx
,

Guerra su Tolkien – Dalmazio Frau

Guerra su Tolkien – Dalmazio Frau

Quanto è noioso il gruppo Wu Ming, che ancora dopo decenni, tetragono, sta arroccato nella sua guerra privata, ancora ammantata di rosse bandiere della rivoluzione, sugli spalti contro tutto un apparato di letteratura (e più in generale di cultura) di destra, etichettato come “reazionario e fascista”, che spazia da J. R. R. Tolkien a qualsiasi altro soggetto o autore; con l’intento, a volte francamente risibile, dopo averli denigrati, di “recuperarli in area democratica”.

Ancora una volta a farne le spese sono la traduttrice (la prima italiana) de Il Signore degli Anelli, Vittoria Alliata di Villafranca, il “temibile” Gianfranco de Turris (vero e proprio dark lord delle oscure trame reazionarie che stanno dietro al golpistico Tolkien) e l’ancor più insinuante Franco Cardini, che in quanto medievista di chiara e indubbia fama, non può non essere annoverato tra coloro che mirano a una restaurazione imperiale di armate postpreraffaellite, brandenti spadoni ecroci celtiche. A questi punti è impossibile evitare l’ironia, me lo concedano gli amici rivoluzionari di Wu Ming, il cui nome di battaglia collettiva, a me personalmente invece ricorda l’altrettanto dispotico Ming di Mongo, imperatore di quell’altra saga (questa volta a fumetti) “reazionaria” che fu il Flash Gordon di Alex Raymond.

L’assurda situazione dello scontro “sinistra vs destra” relativo alla letteratura fantastica in questo Paese, è ununicumridicolo che riguarda soltanto l’Italia, infatti nei paesi anglosassoni siamo – anche per questo – oggetto di scherno e di incomprensione. Chi scrive tra l’altro, lo dico per i più giovani che magari sono approdati da poco in questo campo, prima di Tolkien (e sinceramente preferendoli a lui come autore, concedetemelo in quanto “de gustibis est sputazzantibus”), è cresciuto formandosi su altri autori dl genere come Lord Dunsany, William Morris, Poul Anderson, Robert E.Howard, C. H. Smith, Fritz Leiber, e persino (forse dovrei dire soprattutto) l’anarcoide MichaelMoorcock; quindi come è facile vedere, ben altre sono le mie preferenz

e. Ma questa “guerra infinita” stanca anche uno di larghe, tollerantie “liberali” vedute come me, perché sa di stantio, ammuffito, malmostoso e soprattutto autoreferenziale. Insomma, dal momento che nessuno ti considera, nulla di meglio di reinventarsi sempre la stessa obsoleta polemica che ammorba l’ambiente da quasi mezzo secolo e ottenere così un po’ di visibilità gratuita sui media.

E come dice l’antico adagio “se non puoi batterli, fatteli amici”, ecco allora che le rosse armate della libertà, dopo aver marciato compatte per decenni contro il pericolo del “fascismo” tolkieniano, adesso riscoprono l’autore di Oxford (lo avevano già fatto gliHippydi Berkley, ma in Italia si arriva sempre dopo) e lo “rieducano” popolarmente, riadattandolo alla visione libertaria di sinistra. Insomma, benvenuto “compagno Tolkien”, hasta la victoria siempre!

E speriamo, mi auguro, non scoprano mai The Worm Ouroborosdi Eric R. Eddison, altrimenti lì sì, sai che “fascista”!

Un servizio del Tg2: https://www.youtube.com/watch?v=HAxIMTXBm9E

Dalmazio Frau

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Tolkien

Pubblicato da Ereticamente il 20 Gennaio 2019

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • napoli 16 marzo 2019

  • torino 1 marzo 2019

  • Vie della Tradizione

  • siamo su telegram

  • le lamine orfiche

    museo reggio calabria

  • Fiume Città Sacra

  • magia

  • speciale evola

  • emergenza vaccini

    Vaccini: Cosa non conosciamo? Storia,tabelle e grafici mai visionati – Vacciniinforma

    di Ereticamente

    VACCINI: COSA CI È STATO OMESSO? Nella letteratura medica, si esaltano da sempre le virtù della vaccinazione. Dopo aver letto questi libri, si riman[...]

  • post Popolari

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • Michele Ruzzai in Una Ahnenerbe casalinga, novantunesima parte – Fabio Calabrese

      Grazie Fabio per la menzione nell'articolo ed anch... Leggi commento »

    • Fabio Calabrese in Una Ahnenerbe casalinga, novantunesima parte – Fabio Calabrese

      Michele Ruzzai mi invia alcune precisazioni che vi... Leggi commento »

    • Rdv in Le armi e gli armamenti italiani dal 1935 al 1945 – speciali e segreti –

      Per fortuna è finita come sappiamo... Leggi commento »

    • Nebel in L'Esodo ignorato – Enrico Marino

      Mio figlio frequenta la quarta elementare da ciò ... Leggi commento »

    • Gianluca Padovan in L'Esodo ignorato – Enrico Marino

      Utile le visione dell'intervista a Marco Pirina: ... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Statistiche

    Tag

    Newsletter

g. casalino

c. bene

J. Thiriart

m.houellbecq

a. dugin