fbpx
,

La perenne lotta antifascista – Claudio Antonelli

La perenne lotta antifascista – Claudio Antonelli

Populismo e sovranismo si espandono a macchia d’olio. Il fenomeno è inquietante. Neppure i popoli nordici, un tempo modello di virtù, ne sono immuni. In Italia, i benpensanti della Sinistra denunciano allarmati il riapparire dell’idra fascista. A molti Matteo Salvini appare come un novello Mussolini. Non ha detto: “Molti nemici, molto onore”? Il suo voler difendere a tutti i costi i confini non è un’inquietante manifestazione di nazionalismo e di razzismo? E questo Trump non è in fondo anche lui fascista?  Fascista americano, beninteso.

Le paure sono tante. Ma c’è chi vigila. E noi gli siamo grati. A vigilare sono i saggi della Sinistra, xenofili e antipopulisti, i quali ravvedutisi dell’abbaglio preso con la loro lunga, lubrica fascinazione per le democrazie “popolari” di ieri, sono partiti in guerra contro le democrazie “populiste” di oggi.

Io non credo che basti un saluto alla romana o una frase mussoliniana o il graffito di un simbolo del ventennio per capovolgere in Italia il nostro mondo di valori, e per farci reintegrare come in un film di fantascienza un’epoca morta e sepolta tre quarti di secolo fa. 

Bisognerà anche ammettere che il quadro antifascista è un po’ confuso, dato che lo stile squadrista di un tempo è presente negli stessi antifascisti: i black bloc, gli attivisti dei centri sociali, la miriade di gruppi anarcoidi che inalberano la bandiera rossa e ogni tanto guerreggiano nei centri urbani contro polizia, governo, capitalismo, e contro il fascismo. Torno  a ripetere: oltre a quelli di Casa Pound anche i buonisti o presunti tali presentano spesso tratti fascisti o presunti tali. 

Prendiamo il caso del filosofo Massimo Cacciari che ha chiamato “pezzi di m…” quelli che non condividono la sua passione per i migranti.  Al dittatoriale “me ne frego” era subentrato, ormai da decenni, il democratico “vaff…”. Che aveva finito però, per il suo enorme successo – era sulla bocca di tutti –  con l’inflazionarsi. Ma grazie a Cacciari, rappresentante della classe dei nostri filosofi, l’Italia ha saputo mostrare al mondo di sapersi linguisticamente rinnovare. Ma le male lingue potrebbero insinuare che i suoi “pezzi di m…” progressisti e antipopulisti hanno fatto scacco, sì, al qualunquista “vaffanc…” ma sembrano un po’ riecheggiare il “me ne frego” e “il boia chi molla” di un tempo. Basta con le nostalgie!

No, quel passato non tornerà. Ma occorrerebbe farlo “passare” ossia smettere di parlarne all’infinito. La “nostalgia” e i suoi veleni devono pur aver un limite. 

La tumulazione del “fascistoide” pater familias, la nostra denatalità da record con i cagnolini al posto dei figli, l’amore celebrato nella sua grande varietà e nei suoi più arditi esperimenti, le gay parade, il matrimonio omosessuale, il culto del Diverso, il “gratta e vinci” al posto delle bocce o della partita a carte negli ambienti del dopolavoro di un tempo… questi ed altri sono i chiari segni della nostra avvenuta liberazione dalle catene di un passato oscurantista.

Che mai più  tornerà, anche se lo volessimo.

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Società

Pubblicato da Ereticamente il 7 ottobre 2018

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • Bologna 9 febbraio

  • napoli 16 marzo 2019

  • siamo su telegram

  • speciale evola

  • iniziazione e tradizione

  • tradizione classica

  • tradizione

  • emergenza vaccini

    Ereticamente intervista il dott. Stefano Montanari, a cura di Roberta Doricchi

    di Ereticamente

    – Possiamo cominciare con l’intervista rilasciata dalla nostra ministra della salute alla rivista Vanity Fair [https://www.vanityfair.it/news/poli[...]

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • Loris in Rinascenza classica: sorge un nuovo Tempio dedicato ad Apollo

      Ottima notizia... Leggi commento »

    • Daniele Bettini in Una Ahnenerbe casalinga, ottantaseiesima parte – Fabio Calabrese

      Gli scienziati confermano: trovate le tracce di At... Leggi commento »

    • Anton in Pavolini dopo l’8 settembre: è davvero un enigma? – Francesco Lamendola

      Un punto, secondo me, importante: Non sono d'ac... Leggi commento »

    • Palingenius in La messa “in sonno” del Tradizionalismo e la Nuova Destra 2.0 - Massimo Salvatori

      Anche se non condivido al 100% l'impostazione dell... Leggi commento »

    • Michele Ruzzai in Il “Manifesto della diversità umana”: una “reductio a Friends”? - Michele Ruzzai

      Grazie, caro Pier!... Leggi commento »

  • post Popolari

    archivio ereticamente

    Statistiche

    Tag

    Newsletter

g. casalino

c. bene

J. Thiriart

m.houellbecq

a. dugin