I luoghi ed i riti della misteriosofia italica tra Roma e Napoli

I luoghi ed i riti della misteriosofia italica tra Roma e Napoli

Giovedì 12 Aprile 2018 presso il Dipartimento di Scienze Storiche della Facoltà di Filosofia e Lettere dell’Università de Cantabria – Santander (Spagna), in occasione del seminario di storia ed archeologia della religione “I luoghi ed i riti della misteriosofia italica tra Roma e Napoli”, Daniele Laganà e Luca Valentini, con il coordinamento della prof.ssa Silvia Acerbi, esporranno due relazioni concernenti la dimensione simbolica e misterica rintracciabili nelle fonti dell’archeologia e nella filosofia del mondo antico, nell’ambito dei riti riservati alle divinità del Mithra romano e del mondo egizio in Italia. Di Laganà e Valentini presentiamo gli abstract delle relazioni.

 

Tracce della sapienza egizia all’ombra del Vesuvio,
tra fonti archeologiche e conoscenza ermetica
a cura di Daniele Laganà

Tempio di Iside a Pompei

Il tempio di Iside a Pompei e le megalografie della cosiddetta “Villa dei Misteri” sono il punto di partenza di un viaggio tra i simboli e l’esperienza dei culti isiaci e osiridei. Le architetture sacre, la statuaria, le pitture parietali, gli oggetti religiosi sono i punti di riferimento di un cammino che si svolge, da un lato, nella dimensione eterna dell’Anima, alle radici del senso del Sacro; dall’altro, nello spazio e nel tempo, sulle tracce dell’antica Sapienza egizia che, come un fiume carsico, è giunta fino a noi influenzando le concezioni spirituali dei più diversi popoli. A Parigi, Aquisgrana, ma soprattutto nella Napoli alessandrina, con i suoi ipogei e il culto dei morti, il mito di Iside e Osiride è stato trasmesso attraverso le opere di Filosofi e “Artisti” quali Giordano Bruno e il principe Raimondo de Sangro. Come ci suggerisce Aristotele, alle cerimonie misteriche non si andava per apprendere una qualche conoscenza, ma piuttosto per trarne una intensa esperienza dell’Anima, a cui faceva seguito un profondo cambiamento interiore. Non è forse questo lo scopo della Ricerca alchimica che ha affascinato tanti uomini illustri e che ancora attrae? Secondo un’antica massima magico – ermetica, per conoscere realmente qualcosa, bisogna divenire quella cosa stessa. L’uomo antico, così come quello di oggi, con l’interesse verso la Sapienza ermetica, si avvicinava alle cerimonie misteriche con l’intento di sollevare il velo che nasconde l’enigma della morte. Tutta l’antica Sapienza egizia, attraverso le sue complesse descrizioni dell’aldilà, era affascinata dall’Idea di fornire all’Uomo uno strumento per risolvere, ancora in vita, l’enigma degli enigmi. Bisogna tenere bene a mente questo anelito interiore quando si scava nel passato dell’umanità: solo in questo modo saremo capaci intendere veramente il linguaggio attraverso cui questo passato ci parla.

 

I luoghi del mitraismo romano e l’escatologia misterica
a cura di Luca Valentini

Mitreo a Santa Maria Capua Vetere

Nel corso della millenaria storia di Roma molte forme misteriche si sono affacciate, relazionate ed anche scontrate con la religiosità autoctona e con la sensibilità sacrale dell’ecumene greco – romano così come concepito da un Adriano o da un Giuliano. Attraverso la descrizione di tre siti archeologici – i mitrei di San Clemente, di Felicissimo di Ostia antica e di S. Maria Capua Vetere – espliciteremo come il nume della Luce, sin dai primordi della cultura vedica ed indoeuropea, sia stato connesso alla più profonda anima spirituale romana. Nell’architettura, nella simbologia astrologica ed ermetica, nella filosofia neoplatonica (in particolare tramite l’insegnamento di Porfirio) che necessariamente ritroveremo nella disamina misterica di Mithra, analizzaremo come errata sia stata la decifrazione di voler accostare il mitraismo romano al cristianesimo, ponendoli a volte in contrasto, a volte in contiguità, avendo tale escatologia una valenza a – religiosa. Gli iniziati al dio che nasceva dalla pietra non praticavano alcun culto devozionale, ma, altresì, perseguivano una palingenesi interiore che aveva il fine di risvegliare il nume solare dentro di sé, identificandosi con esso. Lo iato che naturalmente si presentava tra credente e divinità, nella religiosità cultuale, popolare e pagana quanto nell’emergente cristianesimo, si risolveva con pratiche magico – teurgiche, secondo le quali l’uomo, il mondo e l’ente erano una medesima ed unica realtà, che solo la dimensione fenomenologica rifrangeva differenziandoli. L’ àgnostos theòs, infatti, era il dio indicibile, sconosciuto, occultato, nato dalla stessa pietra filosofale degli alchimisti, come lo pseudo – Democrito, Zosimo e Olimpiodoro, che nella propria ritualità inverava l’acronimo VITRIOL (“Visita Interiora Terrae, Rectificando, Invenies Occultum Lapidem”), quale fondamento di quella sapienza apollinea che in Mithra, in Platone, a Delfi e a Roma ritrovava tracce convergenti. Non casuale, infatti, sarà un ultimo riferimento ad un quarto sito archeologico, la famosa tomba di Virgilio, sita nella zona di Mergellina a Napoli, sotto la quale è stato rinvenuto un mitreo. Gli antri sotterranei, la comprensione filosofale del platonismo, la dimensione esoterica della sacralità romana nelle sue componenti orfico – pitagoriche, così come espressa nel canto VI dell’Eneide di Virgilio, ci permetteranno di comprendere la profondità noetica della misteriosofia italica, che nel Mithra romano, quale novello Marte, riattualizzava l’arcaica (ed arcana) sfera numinosa dell’Urbe.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Storia delle Religioni

Pubblicato da Ereticamente il 27 marzo 2018

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Commenti

  1. Maria Elena Cataluccio

    I miei più grandi auguri per queste due straordinarie “relazioni metafisiche”

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • a reggio calabria

  • julius evola

    Per un eroticamente (s)corretto: 60 anni di “Metafisica del sesso” di Julius Evola

    di Fondazione Evola

                    Due Convegni di Studi Roma e Milano, sabato 24 Novembre 2018     Per un eroticamente (s)corretto: 60 anni di “Met[...]

  • iniziazione e tradizione

  • tradizione classica

  • Gli occhi lucidi

  • tradizione

  • diego fusaro

    Un importante autore della Tradizione Classica: Marziano Capella – Diego Fusaro

    di Ereticamente

    Marziano Minneio Felice Capella (lat. Martianus Mineus Felix Capella) è stato un importante scrittore e avvocato romano del IV-V secolo. Nativo di Ca[...]

  • Omero e gli Dei greci

  • emergenza vaccini

    Ereticamente intervista il dott. Stefano Montanari, a cura di Roberta Doricchi

    di Ereticamente

    – Possiamo cominciare con l’intervista rilasciata dalla nostra ministra della salute alla rivista Vanity Fair [https://www.vanityfair.it/news/poli[...]

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
  • post Popolari

    archivio ereticamente

    Statistiche

    Tag

    Newsletter

g. casalino

c. bene

J. Thiriart

m.houellbecq

a. dugin