L’identità etnica e nazionale come sangue e suolo comandano

L’identità etnica e nazionale come sangue e suolo comandano

Quando sento parlare di ius soli, la mia mente, in realtà, non corre immediatamente alla recente gazzarra del centro-sinistra italiano, tesa a regalare la cittadinanza italiana a tutti coloro che nascono sul territorio nazionale. Il diritto incentrato sul suolo, sulle prime, mi fa pensare proprio al suolo, senza inflazioni politiche e ideologiche, alla sacralità della terra natia, della patria, che da millenni si chiama Italia, ma anche Lombardia, Veneto, Toscana, Umbria, Roma, Napoli e Sicilie, Sardegna e Corsica. E infatti, lo sappiamo bene, l’irrinunciabile e sacrale legame coerentemente identitario si basa sul binomio di sangue e suolo, da cui, del resto, nasce lo spirito, la cultura (con tutto ciò che questo termine comporta) di un popolo ben preciso.

Sappiamo però anche, purtroppo, che ius soli indica il diritto ad acquisire la cittadinanza di uno stato (e in effetti sarebbe sempre meglio evitare di confondere il concetto antifascista di cittadinanza con quello di nazionalità) semplicemente perché un individuo qualsiasi viene al mondo in un determinato Paese, e poco importa se con quel Paese costui non ha alcun legame: basta nascerci. Cosicché uno può essere nordafricano, mediorientale, asiatico, oceaniano, sudamericano, negroide, rettiliano, marziano ma se esce dai visceri di sua madre (un’immigrata fresca fresca e davvero allogena fecondata da un altro allogeno fresco fresco) su suolo italiano, secondo lo ius soli ha tutto il diritto di diventare italiano, come se essere italiano potesse limitarsi alla struttura ospedaliera italiana dove costui nasce.

Credo che proprio alla luce di quell’inscindibile legame identitario che intercorre tra sangue e suolo, un concetto sano di ius soli dovrebbe prevedere una completa integrazione nello ius sanguinis, dove uno appartiene ad una nazione per sangue ma anche per diritto di suolo, poiché un conto è un individuo biologicamente ed etnicamente europeo che nasce in Europa da genitori a tutti gli effetti europei (anche culturalmente, dunque) e un altro è il soggetto, europeo per sangue, che però nasce altrove da genitori parimenti europei ma ormai legati da tempo ad altre terre, come potrebbe essere per gli abitanti bianchi delle Americhe.

Un’integrazione tra ius sanguinis e ius soli sarebbe davvero ideale laddove sottenda un’identità genuinamente etnica e nazionale di un soggetto, in quanto figlio di genitori del luogo (in tutti i sensi) e nativo di tale territorio. Io sono dell’idea che l’asettico concetto di cittadinanza tanto asettico (e sterilmente burocratico), in realtà, non dovrebbe affatto essere perché pur distinguendolo concettualmente dalla nazionalità rimane qualcosa di fondamentale per l’accesso ai diritti e ai doveri del singolo, che mai dovrebbe essere inteso come scheggia impazzita conficcata in un ambito che non gli appartiene, ma come parte di una comunità etnica e nazionale che non ceda in alcun modo ai ricatti dell’antifascismo, dell’antirazzismo e di tutto il resto del ciarpame ideologico liberale o progressista, che ha rottamato nazione e nazionalità ormai da decenni.

Lo ius soli, comunemente inteso, trionfa in “nazioni” degenerate come gli Usa, il Canada, gli stati dell’America centrale e meridionale (ossia in realtà che di nazionale non hanno proprio alcunché essendo banalissime entità amministrative nate assai recentemente) e, in Europa, in quelle realtà pseudo-nazionali come Francia, Germania e Regno Unito che, non sorprendentemente, sono ostaggio di tutte le minacce della società multirazziale: criminalità, terrorismo, genocidio etno-culturale. E questo alla faccia dei soloni democratici che vorrebbero darci a bere che stia proprio nell’integrazione a tutti i costi il miglior antidoto al terrorismo e dintorni! Ma certo, notoriamente il principale Paese europeo nel mirino degli estremisti islamici, ossia la Francia, è un campione di razzismo e intolleranza, e di accesso severissimo all’acquisizione della cittadinanza!

Se la cittadinanza, comunque sia, copre un significato per lo più burocratico, non così la nazionalità che è qualcosa di profondamente intriso di sangue e radicato nel suolo patrio e che è dunque bene distinguere anche dall’accezione di stato. Ecco, potremmo dire che la cittadinanza sta alla nazionalità come lo stato sta alla nazione, da una parte la dimensione politica, amministrativa, burocratica dall’altra quella fondamentale del sangue, del suolo, dello spirito, che sono ciò che legittimano la prima dimensione, e non viceversa. Se uno stato opprime una nazione questa ha tutto il diritto di insorgere e autodeterminarsi, e ciò dovrebbe valere anche laddove lo stato si svegli un bel mattino e decida di cassare il concetto di nazionalità per snaturarlo con lo ius soli.

L’intera sinistraglia italiana è in fermento per sdoganare anche da noi lo sciagurato provvedimento (che speriamo tanto possa inabissarsi) e, pur essendo finita la legislatura con lo scioglimento delle camere da parte di Mattarella, la minaccia è solo rimandata. Le truppe cammellate di Pd, transfughi del Pd e progressisti assortiti (non senza varie frange della schiuma liberale e post-finiana) stanno da mesi martellando con la propaganda anti-italiana in favore dei figli degli immigrati, il che comporta inevitabilmente la liquidazione da parte loro dell’etnicità italiana, come se essere italiani non significasse appartenere per sangue e suolo, e cultura quindi, da millenni alla terra italica.

Certo, l’italianità è variegata e più che essere un’etnia rappresenta una cornice storica, culturale, geografica soprattutto in accezione italico-romana (ma anche mediterranea, etrusca, longobarda); ma questa cornice racchiude un quadro indigeno costituito da diversi popoli fortemente legati alla propria dimensione cittadina, provinciale ed etno-regionale, gelosi della propria identità e della storia d’Italia e delle sue precipue contrade. Non esiste in nessun modo razionale possibile che si possa far diventare italiani, come per magia, soggetti nati in Italia ma da genitori allogeni, e dunque allogeno a sua volta, e questo non solo per questioni biologiche ma anche culturali, ambientali, territoriali. L’Italia è sovraffollata, soprattutto in zone come la Pianura Padana che oltretutto sono quelle in cui v’è maggior concentrazione di immigrati (Centro-Nord), e alla politica infame nostrana viene in mente di regalare la cittadinanza ad una massa informe di individui che fino a ieri se ne stavano a migliaia e migliaia di chilometri da noi?

Come nessuno di noi pretenderebbe di ottenere cittadinanza diversa da quella dei propri genitori, qualora dovesse, per qualche oscuro motivo, nascere in qualche stato straniero, così nessun allogeno dovrebbe rivendicare alcunché sull’Italia che, contro la propria volontà, si ritrova in casa milioni di alieni approdati in una terra a loro straniera perché indirizzati qui dal mondialismo e dalla globalizzazione (sì, dei problemi delle aree più povere, travagliate e depresse). Con buona pace di individui alla Saviano non solo esistono razze umane ma pure loro sottorazze e ulteriori suddivisioni etniche, poiché per quanto vero che “etnia” è concetto culturale, se di etnia verace si tratta non può essere scissa dal dato biologico, di sangue, e anche di suolo perché è proprio dalla fusione di sangue e di suolo che prende forma una cultura di un popolo (o più popoli), una civiltà.

Queste irriducibili caratteristiche identitarie non possono venire obliate né dall’italianità artificiale della Repubblica Italiana né da quella multirazziale e multiculturale che hanno nel cranio i piddini e i loro emuli, gente che intende copiare pedissequamente il cattivo esempio di Francia, Germania e Regno Unito per sentirsi “al passo coi tempi” e sedersi di diritto al tavolo dei debosciati di stato. Deve essere chiaro che su identità e tradizione non si può sindacare, soprattutto sul valore squisitamente etnico dell’identità nazionale. Io sono profondamente critico verso chi adopera l’Italia come una mazza per annientare le naturali differenze etno-culturali interne; figuriamoci se si viene a parlare di loschi figuri che con la untuosa scusa del terzomondismo bergogliano si sono creati un’idea di Italia ancor più distorta che è quella della mera succursale burocratica dello stato mondiale americano.

Ave Italia!

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Etnonazionalismo

Pubblicato da Paolo Sizzi il 31 dicembre 2017

Paolo Sizzi

Lombardo orobico, Italiano, Europeo, classe 1984. Letterato, sulla Rete dal 2006, da sempre cultore di valori identitari e tradizionali. Senza rinnegare la formazione völkisch evolve il pensiero nell’Italianesimo Sangue e Suolo, coerente con un disegno etnonazionale federalista. Appassionato di antro-genetica, si definisce Nordomediterranide, fusione di elementi ario-italici/celtici con il sostrato ligure. E la Lombardia è proprio questo: una terra ligure e alpina arianizzata da Celti e Italico-Romani, e con un benefico tocco germanico.

Commenti

  1. Daniel

    “non solo esistono razze umane ma pure loro sottorazze e ulteriori suddivisioni etniche, poiché per quanto vero che “etnia” è concetto culturale, se di etnia verace si tratta non può essere scissa dal dato biologico, di sangue, e anche di suolo perché è proprio dalla fusione di sangue e di suolo che prende forma una cultura di un popolo (o più popoli), una civiltà.”
    Complimenti per questa perfetta definizione, da scolpire nel marmo!

  2. DAmod1

    Ius soli, l’apoteosi del’ipocrisia borghese sedicente di sinistra a caccia di voti.
    La verità è che agli allogeni non frega niente del latino ma vogliono tutto senza regole e vincoli.
    La libera circolazione, questa assurdità mondialista, è anche il modus vivendi degli Stati senza alcuna sovranità e nazionalità come gli europei di oggi odiati dagli yankee d’oltreoceano dai tempi della Controriforma cattolica (altri tempi anche per i Cattolici!) …. quell’andate a farvi fottere … circolare, via, please …
    Altro che non si può far nulla ….

  3. max tuanton

    L’italia fa paura percio’ vogliono distruggerla ,I politici MASSONI servi delle BANCHE EBREE hanno ricevuto l’ordine e adesso eseguono costi quel che costi ,TANTO a loro interessa LA grande fratellanza universale massonica a guida EBREA non vedete Elkann ,De Benedetti Berlusca Mieli Mentana Saviano ecc ecc ecc

  4. Ombretta

    Tra l’ uomo e la sua terra c’ è una affinità elettiva che fa dell’ uomo un riflesso della terra e della terra una proiezione dell’ uomo. È in questo ” paesaggio” che l’ uomo vive il proprio spazio di vita conforme, radicato nei propri nessi culturali e storici, possedendo le qualità a trasmettere la propria eredità atavica. Ora, l’ immigrazione di massa può solo favorire la deformazione e la disgregazione dei popoli, e concedere lo ius soli farebbe precipitare gli individui in una eguaglianza livellatrice dove tutto finisce col confondersi in un mutuo crollo generale

Lascia un commento

    sosteneteci&cresciamo


  • 4^ teoria politica

  • napoli 17 febbraio 2018

  • natale di roma

  • fondazione evola

  • libreria ibis bologna

  • tradizione platonica

    Sull’invisibile: parlare all’animo, scrivere nell’animo”. Videoconferenza di G. Casalino

    di Giandomenico Casalino

    Presentiamo le quattro parti di una lunga videoconferenza di Giandomenico Casalino sul tema dell’Invisibile quale dimensione autentica dello spi[...]

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • DAmod1 in Italia - Arlecchino: servi di tutti i padroni - Roberto Pecchioli

      Niente di nuovo sotto il sole ... a meno di questo... Leggi commento »

    • Zarini Christine in Carlo Panzarasa, un volontario di Francia

      In ricordo di mio padre...grazie... Leggi commento »

    • MAry in L’Erasmus, “arma” mediatica di persuasione di massa - Piervittorio Formichetti

      Le scuole europee fanno pena, sempre di più rifor... Leggi commento »

    • Ombretta in La più bella del mondo, prima parte – Fabio Calabrese

      Riportando la mia citazione preferita in tema di... Leggi commento »

    • Emanuele Casalena in La più bella del mondo, prima parte – Fabio Calabrese

      L'art. 139 del dettato costituzionale rende irreve... Leggi commento »

  • post Popolari

    archivio ereticamente

    Statistiche

    Tag

    Newsletter

  • a. dugin

    Uscire dal XX secolo. Un’idea nuova per il Terzo Millennio.  Per una Quarta teoria politica. – Roberto Pecchioli (5^ ed ultima parte)

    di Il Picchio

    “Chi ha rinunciato alla sua terra, ha rinunciato anche al suo Dio” (Fedor Dostoevskij- L’idiota) Capitolo IX Andare oltre Centro e periferia Il [...]

  • populismo

    Osservazioni sul populismo – Fabio Calabrese

    di Fabio Calabrese

    NOTA: L’articolo che segue l’avevo redatto diverso tempo fa, subito dopo “Loro avevano le idee chiare”, del quale è in un cer[...]

  • il soledì

    A proposito di religiosità e spiritualità…

    di Paolo Sizzi

    Negli ultimi giorni vi sono state delle accese polemiche in materia spirituale, metafisica e religiosa per via di alcuni scritti di Luca Valentini, au[...]

  • eretico

    Minniti: il ruggito del coniglio – Michele Rallo

    di Ereticamente

    Dove eravamo rimasti? Ah, si… Ai migranti che erano una risorsa e che stavano lavorando per noi: per fare i lavori che gli italiani non vogliono[...]

  • controstoria

    Il 18 Settembre 1943 nasceva la Repubblica Sociale Italiana. Le Brigate Nere di Alessandro Pavolini ne saranno l’anima popolare, idealistica e rivoluzionaria – Maurizio Rossi

    di Ereticamente

    La rilettura storica dell’esperienza della Repubblica Sociale Italiana – la cui nascita venne annunciata da Benito Mussolini il 18 Settembre 1943 [...]