Lo stupro democratico – Enrico Marino

Lo stupro democratico – Enrico Marino

Impadronirsi delle donne del nemico è stato sempre, in tutta la storia della specie umana, il segno e il simbolo della vittoria finale.

Al di là di qualsiasi differenza di epoca, di religione, di cultura, la donna è un “valore” percepito da tutti i maschi come tale, il primo segno, la prima ricchezza e al tempo stesso la prima “proprietà” su cui i maschi stabiliscono i confini della loro identità, riconoscono le discendenze biologiche, razziali, tribali, familiari. Sono le leggi della natura che guidano la specie umana, come ogni altra specie, verso il mantenimento e la prosecuzione della specie stessa e, perciò, la tutela dell’elemento femminile nei differenti gruppi tribali. Nell’uomo civilizzato, poi, questo compito di protezione passa attraverso gli istituti sociali dettati di volta in volta dalle diverse creazioni legislative dovute all’istinto, alla razionalità, alla capacità logica, alla memoria, agli affetti, alle esigenze sociali.

Oggi, però, in Europa, questo impianto fondamentale di identità e stabilità sociale rischia di essere negato e stravolto dall’azione di quelle fortissime élite detentrici del potere che, alla fine della seconda guerra mondiale, hanno progettato la distruzione degli Stati nazionali e il mescolamento delle etnie, avendo come meta l’assimilazione e l’uguaglianza di tutti i popoli, di tutte le strutture sociali, di tutte le religioni e compiere, così, il passo fondamentale per giungere a un governo mondiale.

Con perfido cinismo è stato dato il via al programma di distruzione della civiltà europea per mezzo dell’invasione di popoli totalmente diversi, africani e mediorientali. In Italia abbiamo assistito all’arrivo di migliaia di clandestini in cerca di fortuna, che sono immediatamente divenuti elemento di disgregazione sociale e che la sinistra ha arruolato nelle proprie file, riconoscendo loro vantaggi e agevolazioni in danno dei cittadini, scardinando ulteriormente lo stato del welfare italiano, avvalendosi della concorrenza al ribasso sulle condizioni di lavoro, assecondando la promiscuità e l’illegalità nelle collocazioni, assicurando tutele e accordando riconoscimenti non dovuti a usi e costumi anche se contrastanti con le nostre regole.

Era prevedibile che culture tribali ritenessero certe conquiste un loro diritto, certe concessioni una manifestazione di debolezza, certe libertà un invito all’abuso e, sentendosi al riparo da conseguenze, abbiano messo in atto una progressiva espugnazione del territorio e, infine, siano ricorse all’arma primordiale, quella che tutti i maschi hanno sempre adoperato sul nemico vinto: il possesso delle donne.

Le reazioni delle nostre istituzioni sono state quasi inesistenti. Non si è sentita la voce del Papa, sempre troppo loquace in altre occasioni, né dei rappresentanti istituzionali, tutti sempre schierati dalla parte degli immigrati, soprattutto se questi sono dei musulmani. Anche le donne hanno parlato poco, le organizzazioni femministe, sempre aggressive in tema di istanze femminili, hanno reagito poco e senza la determinazione che un simile argomento avrebbe dovuto suscitare. Una malintesa accoglienza e un nefasto ideologismo hanno prevalso sulla tutela delle donne e sulla condanna di spregevoli episodi di violenza. Un’Italia refugees friendly, tutta buonismo politicamente corretto e mielosa accoglienza, difronte a episodi come quello di Rimini – in cui un branco di immigrati ha violentato una giovane turista polacca, causandole lesioni che le hanno reso necessaria esami più approfonditi – ha reagito con uno spregevole distacco, adducendo improponibili scusanti, invocando paragoni con le presunte violenze, peraltro inesistenti, commesse dagli italiani nelle colonie durante il Fascismo ovvero con gli stupri attualmente attribuibili ai nostri connazionali.

Ebbene, anche abbassandosi alla ripugnante logica di certi raffronti, si può facilmente osservare che la percentuale di stupri degli allogeni è di 4 su 10, quando gli stranieri sono solo 8% della popolazione, ovvero 0.8 su 10 il che, come statistica composta e come tasso criminogeno, rileva che l’8% della popolazione compie il 39% dei reati. Il 92% della popolazione il restante 61%. Dai dati ufficiali del Viminale riferiti agli anni 2010-2014, quindi, statistiche alla mano, si ricava che gli immigrati commettono stupri 12 volte in più degli italiani!

E se questo non bastasse, va considerato il maggior impatto emotivo, il senso di insicurezza e la riprovazione che una violenza commessa da uno straniero suscita, giustamente, nella comunità che lo accoglie e gli offre protezione.

Invece, la bomba demografica, lasciata affluire, anzi incoraggiata, dagli esponenti scellerati di quella subcultura cristiano-marxista che si nutre coi concetti di pace, non-violenza, rinuncia a una politica di potenza, fine di tutte le gerarchie in politica, omosessualità, accoglienza, contaminazione multietnica e jus soli, sta producendo l’arrivo di centinaia di migliaia di giovani maschi di tipo arabo e africano in calore e determina, nei fatti, una vera e propria alterazione negli equilibri con la popolazione italiana, inquina il rapporto tra i sessi e costituisce la premessa per la progressiva sostituzione etnica nel Paese.

Un Paese anestetizzato da una propaganda asfissiante e ipocrita, che si indigna per la riproduzione di un manifesto di Boccasile che lanciava l’allarme per i crimini dei “liberatori”, ma finge di ignorare che le violenze da loro commesse, iniziate in Sicilia e terminate alle porte di Firenze, possono essere quantificate con certezza con un minimo di 60.000 donne stuprate, ognuna, quasi sempre da più uomini.

Rifiutando di controllare il flusso di migranti, la élite mondialista che ci governa sta uccidendo l’Italia. Vengono impedite le manifestazioni contrarie di chi resiste all’invasione e ne denuncia le disastrose conseguenze, per dare spazio al multiculturalismo auspicato da intellettuali da vip-lounge aeroportuale, una casta fuori dal mondo che vive di cieca autoreferenzialità, ma che pretende di imporre attraverso i media la visione stucchevole e falsa di un idillio buonista e cosmopolita

Disoccupazione diffusa, specie tra i giovani, povertà infantile, povertà senile, un tasso di natalità a livelli irrisori; ma come si può in questo stato mettere al mondo un figlio? Corriamo verso l’abisso, ma non ci è dato avvedercene perché in televisione non ci fanno vedere questo abisso. No, affatto, loro cucinano.

Enrico Marino

Fonte foto: Corsera

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Emergenza invasione, Immigrazione

Pubblicato da Ereticamente il 9 settembre 2017

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Commenti

  1. Giancarlo

    Quanto detto nell’articolo riguardo alle associazioni femministe e ai sinistroidi è vero, ma secondo me non si mette efficacemente in luce un altro fatto e cioè l’assoluto silenzio anche delle stesse vittime, anzi direi la rassegnazione, se infatti lo stupro è etnico le vittime non parlano quasi mai in questi termini, non solo, ma il lavaggio del cervello attuato da decenni nelle nostre scuole, per prima cosa, ma anche dai media di regime, per seconda cosa, ha portato la stragrande maggioranza delle gente a subire passivamente l’invasione, e le relative delizie, non solo, ma ha portato e porta le stesse vittime a solidarizzare coi loro carnefici e a criticare chi, come gli identitari (pochi in realtà), continuano ad ammonire sulle conseguenze nefaste dell’invasione. La Svezia è una caso paradigmatico di questo, le svedesi una volta sessualmente libere adesso sono vittime continue di stupri etnici ma imperterrite le svedesi continuano a votare per i partiti che l’invasione l’hanno e continuano a favorirla. E’ un blocco psicologico non sufficientemente studiato e che ogni buon movimento identitario dovrebbe studiare. Leggersi al proposito il libro di Houellebeq, Sottomissione, o quello di Respail, Il Campo dei Santi sarebbe utile.

  2. Maria Elena Cataluccio

    Come le tragiche “crisi etniche” del IV secolo sotto Teodosio imperatore cristiano & “credente” ma dissoluto (secondo lo storico Zosimo)…

Lascia un commento

    sosteneteci&cresciamo


  • julius evola

  • 90° di ur - simposio

  • Walt Disney

  • fondazione evola

  • concorso letterario

    Pensieri per Giulio – Stelle, Soli e Lune – Prima Edizione

    di Luca Valentini

    “Pensieri per Giulio – Stelle, Soli e Lune” Edit@ Casa Editrice & Libraria in Taranto indice la Prima Edizione del Cimento Poetico & Nar[...]

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
  • post Popolari

    archivio ereticamente

    Statistiche

    Tag

    Newsletter

  • a. dugin

    Uscire dal XX secolo. Un’idea nuova per il Terzo Millennio.  Per una Quarta teoria politica. – Roberto Pecchioli (5^ ed ultima parte)

    di Il Picchio

    “Chi ha rinunciato alla sua terra, ha rinunciato anche al suo Dio” (Fedor Dostoevskij- L’idiota) Capitolo IX Andare oltre Centro e periferia Il [...]

  • populismo

    Elogio ragionato del populismo, 2^ parte – Roberto Pecchioli

    di Ereticamente

    Il rasoio di Occam populista Quello che sembra sfuggire alle analisi di sociologi e politologi, e che è a monte dell’insorgenza populista c’è il[...]

  • il soledì

    50 validi motivi per difendere l’Italia e la sua identità – Parte IV

    di Paolo Sizzi

    Continua la rassegna sulle 50 buone ragioni che, a mio avviso, rappresentano altrettanti validi motivi per difendere e preservare la natura etnonazion[...]

  • eretico

    Minniti: il ruggito del coniglio – Michele Rallo

    di Ereticamente

    Dove eravamo rimasti? Ah, si… Ai migranti che erano una risorsa e che stavano lavorando per noi: per fare i lavori che gli italiani non vogliono[...]

  • controstoria

    Il 18 Settembre 1943 nasceva la Repubblica Sociale Italiana. Le Brigate Nere di Alessandro Pavolini ne saranno l’anima popolare, idealistica e rivoluzionaria – Maurizio Rossi

    di Ereticamente

    La rilettura storica dell’esperienza della Repubblica Sociale Italiana – la cui nascita venne annunciata da Benito Mussolini il 18 Settembre 1943 [...]