Autarchia spirituale di Daniele Palmieri – recensione a cura di Eugenio Barraco

Autarchia spirituale di Daniele Palmieri – recensione a cura di Eugenio Barraco

Immaginiamo che si debba risvegliare un nuovo stato di coscienza senza entrare nel merito di una guerra titanica tra enti divini. Ecco, qual è la prospettiva sacra che dobbiamo assumere per questo approccio e soprattutto come si deve eseguirla per risultare più organici e fedeli al ciclo cosmico che domina i nostri istinti e le nostre debolezze? E, soprattutto, l’Uomo contemporaneo, avvolto ed avvilito dalla tecnocrazia, può fare riferimento ad una conoscenza sapienziale per autodeterminare una coscienza pia e incontaminata volta a sostenere una libera volontà di Pensiero e Azione? Questi ed altri quesiti pone il giovane Daniele Palmieri, autore di questo bel testo, “Autarchia spirituale”, edito per Anima Edizioni.

L’Autore affronta questo percorso col metodo stoico, basandosi su un forte orientamento etico e morale, sostenendo le virtù dell’autocontrollo, dell’autarchia e del distacco dalle cose terrene, con l’aspirazione all’Autarchia quale indipendenza animica, come sua autosufficienza. Chiudendo gli occhi e percependo le esperienze dal fatto e dalla memoria, si può attuare un esercizio su di sé che serve a portarsi in un’altra dimensione. L’alternativa è tra la coscienza razionale e la autocoscienza: la prima come stato di coscienza dell’io ma non l’io stesso che non può essere concepito come coscienza vegetativa, sensitiva e razionale. L’io è un punto focale, di convergenza di questo fascio di esperienze distinte.

L’autore accompagna il lettore in un viaggio empirico di esperienze per dimostrare che l’Io è uno stato di coscienza non individuale né egocentrico, ma caratterizzato da personali emozioni, ricordi e comportamenti. E allora la variabile che determina la qualificazione di una esperienza diventa la memoria, elemento imperdibile per il fluire della nostra essenza che è sempre in perpetuo mutamento. Quindi svanisce l’Io e si rileva il Sé, il quale si proietta verso la conoscenza e quindi nella sua sfera più intima della verità, e dunque si realizza guardando il Sé medesimo allo specchio, nelle sue dimensioni manifeste, e vede la sua immagine riflessa, ancora inconsapevole di essere mondo, perché vede nelle pupille la sua piccola immagine. Un problema, questo, di carattere epistemologico, che sancisce l’assioma secondo cui la conoscenza non può che fondarsi sull’interiorità umana. Come ovviamente succede per il concetto o Idea di Dio che non può nascere da una astrazione razionale ma esclusivamente da un sentimento. Una filosofia, dunque, non astratta e fine a se stessa, ma principio per mezzo del quale si decide come vivere la propria esistenza.

Tali sono le risultanti della ricerca filosofica di Daniele Palmieri, le quali, tuttavia – bisogna necessariamente precisarlo – rappresentano delle ottime basi conoscitive della dimensione criptica del sottile e dell’animico. Ciò che si determina come autarchia è propedeuticamente un processo di catarsi del microcosmo dal mondo e dall’interna materialità: si manifesta un processo necessario ma non sufficiente affinché l’Io ritrovi il Sé profondo. In tale ottica va chiarito che la rinascita spirituale non si realizza mai, in nessuna forma tradizionale, per un annientamento egoico, ma tramite una sua rettificazione. Qui è evidente come le norme etiche espresse non debbano essere espresse in un quadro di adesione religiosa ma, al contrario, debba nietzschianamente liberarsi del misticismo, quasi ad assumere valenza di pura tecnica purificatoria.

L’Autarca, come espresso da J. Evola nei suoi testi sull’Idealismo Magico e sull’Individuo Assoluto, deve assumere perciò più le vesti di un Mago, di Presente Volitivo, che quelle di un asceta o di un devoto rinunciatario. Precisate tali dinamiche, la lettura del testo del giovane Daniele Palmieri è assolutamente consigliata nel quadro di una precisa ed inderogabile formazione spirituale, così poco considerata nell’età contemporanea e nell’ambito di un decadente neo-spiritualismo, così appassionato alle cerimonie ma poco accorto a guardarsi dentro ed allo specchio.

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Libreria

Pubblicato da Ereticamente il 1 luglio 2017

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Lascia un commento

    sosteneteci&cresciamo


  • julius evola

  • 90° di ur - simposio

  • Walt Disney

  • fondazione evola

  • concorso letterario

    Pensieri per Giulio – Stelle, Soli e Lune – Prima Edizione

    di Luca Valentini

    “Pensieri per Giulio – Stelle, Soli e Lune” Edit@ Casa Editrice & Libraria in Taranto indice la Prima Edizione del Cimento Poetico & Nar[...]

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
  • post Popolari

    archivio ereticamente

    Statistiche

    Tag

    Newsletter

  • a. dugin

    Uscire dal XX secolo. Un’idea nuova per il Terzo Millennio.  Per una Quarta teoria politica. – Roberto Pecchioli (5^ ed ultima parte)

    di Il Picchio

    “Chi ha rinunciato alla sua terra, ha rinunciato anche al suo Dio” (Fedor Dostoevskij- L’idiota) Capitolo IX Andare oltre Centro e periferia Il [...]

  • populismo

    Elogio ragionato del populismo, 2^ parte – Roberto Pecchioli

    di Ereticamente

    Il rasoio di Occam populista Quello che sembra sfuggire alle analisi di sociologi e politologi, e che è a monte dell’insorgenza populista c’è il[...]

  • il soledì

    50 validi motivi per difendere l’Italia e la sua identità – Parte IV

    di Paolo Sizzi

    Continua la rassegna sulle 50 buone ragioni che, a mio avviso, rappresentano altrettanti validi motivi per difendere e preservare la natura etnonazion[...]

  • eretico

    Minniti: il ruggito del coniglio – Michele Rallo

    di Ereticamente

    Dove eravamo rimasti? Ah, si… Ai migranti che erano una risorsa e che stavano lavorando per noi: per fare i lavori che gli italiani non vogliono[...]

  • controstoria

    Il 18 Settembre 1943 nasceva la Repubblica Sociale Italiana. Le Brigate Nere di Alessandro Pavolini ne saranno l’anima popolare, idealistica e rivoluzionaria – Maurizio Rossi

    di Ereticamente

    La rilettura storica dell’esperienza della Repubblica Sociale Italiana – la cui nascita venne annunciata da Benito Mussolini il 18 Settembre 1943 [...]