NO IUS SOLI – Enrico Marino

NO IUS SOLI – Enrico Marino

Dopo il primo via libera della Camera, il 15 giugno al Senato si é discussa la legge sullo Ius Soli.
In base alle nuove norme, si diventerà cittadini italiani solo per il fatto di essere nati sul suolo nazionale, eliminando così l’attuale criterio dello Ius Sanguinis, secondo il quale, invece, si diventa cittadini per discendenza.

La sinistra ha tentato di mascherare questa operazione di destrutturazione della Nazione italiana, per come l’abbiamo conosciuta fino a oggi, parlando di Ius Soli “temperato”, ma il passaggio focale rimane quello che da il “diritto” a diventare cittadini italiani ai figli di coloro che abbiano un genitore residente in Italia da almeno 5 anni.

Attualmente, agli stranieri occorrono 10 anni per acquisire la nostra cittadinanza, a breve avremo migliaia di cosiddetti “nuovi italiani”, nell’arco di qualche decennio il volto stesso dell’Italia cambierà radicalmente e, se non interverranno fattori nuovi, assisteremo alla distruzione della compattezza etnica, storica e culturale del Paese, con un impatto disastroso sui sistemi sociale, sanitario, scolastico, del lavoro e culturale, già oggi pesantemente compromessi dai tagli adottati per pagare il debito pubblico contratto con le banche private straniere e dalle continue riforme liberiste. Gli ultimi arrivati pretenderanno diritti, accamperanno pretese di ogni tipo, economico, sociale e politico, senza avere in nulla contribuito alla realizzazione del nostro sistema di vita, senza avere alcun merito storico, senza aver fatto nulla, ma solo in forza di un pezzo di carta sul quale sarà scritto “cittadino italiano” al pari di chi per generazioni lo è stato veramente ed ha versato anche il proprio sangue per formare la Nazione.

Mancava ancora un tassello per realizzare il piano elaborato nei circoli mondialisti (come il Council for Foreign Relations, la Trilateral Commision, il Bilderberg Group e il FMI) che da anni lavorano incessantemente per distruggere ogni forma di Stato nazionale, di appartenenza a una comunità, di orgoglio etnico e religioso, di rigore dei costumi, d’indifferenza alle seduzioni di un materialismo senza limiti. Il tassello è quello di dare vita al “Melting Pot”, una grossa insalatiera dove amalgamare popoli di razze, culture e religioni diverse, per creare una società distopica, omogenea e indifferenziata, composta d’individui intercambiabili e omologati, ridotti al rango di “homo oeconomicus”, come lo definiva Julius Evola, cioè di un mero consumatore soggetto alle leggi del mercato, alle mode, alle libertà individuali più stravaganti e innaturali, individuo isolato in una massa docile, indifferenziata, facile da governare da chi detiene il potere economico e finanziario, essendo stato spogliato di ogni riferimento etnico, culturale, storico, religioso e delle radici stesse della propria terra.

Per determinare col tempo l’ibridazione dei popoli e delle religioni, allo scopo di realizzare più facilmente e più compiutamente progetti di dominio universale, sono state abolite non solo tutte le forme che potevano anche lontanamente essere considerate analogiche al razzismo, ma tanto più quelle che, essendo giuste e naturali, non avrebbero potuto essere condannate politicamente. Perciò, prima fra tutte, è stata inquinata e contrastata l’idea del possesso del proprio territorio, della propria casa, da parte dei diversi popoli d’Europa, individuando come stranieri gli abitanti di un altro territorio. Il concetto di diversità è stato abolito in quanto, con voluta falsità, è stato ritenuto implicito in quello di razzismo e, dunque, contro qualsiasi evidenza e contro l’uso della ragione e della logica, è stato imposto che nessuno debba vedere delle diversità fra un individuo e l’altro, tanto meno fra un popolo e l’altro. Una delle idiozie più care a questo genere di antirazzismo ipocrita è quella che enuncia: “esiste una sola razza, quella umana”, cioè una stupida generalizzazione ad effetto, che confonde, con consapevole ignoranza, la razza col genere. Le razze, invece, esistono ed è perlomeno stupido, oltre che non scientifico, negarlo. La natura ha provveduto a fornire carnagioni, capelli, struttura e fisico adatti a ciascun territorio, i figli somigliano ai genitori, i parenti si somigliano fra loro e, ugualmente, i membri di un popolo.

Punto e basta. Sono simili, seppure in una immensa varietà, anche le caratteristiche psichiche, intellettuali e il carattere dei membri di un popolo e non sarà sufficiente a impedire tutto questo un qualsiasi pezzo di carta che attesti la semplice cittadinanza e non la nazionalità, la etnia, di un soggetto.

Inoltre, nell’attuale contesto storico caratterizzato da un’emergenza immigratoria e una grave carenza demografica interna, voler cambiare le norme sulla cittadinanza significa solo spalancare le porte alla sostituzione etnica, alla disintegrazione dei legami sociali, alla distruzione della nostra cultura e della nostra identità, all’insorgere di gravi conflitti sociali sul modello francese o americano.

L’adozione di nuove norme sulla cittadinanza trova la sua unica vera giustificazione solo nei turpi calcoli utilitaristici delle cricche politiche colluse con il business dell’accoglienza e determinate a conservare il potere grazie all’apporto elettorale dei “nuovi italiani”.

Con criminale incoscienza queste forze sono pronte a fornire un ulteriore fattore di attrazione all’invasione africana che, col miraggio di una cittadinanza facile, incrementerebbe sicuramente i suoi arrivi, nella speranza di garantire a se stessa e ai propri figli un futuro da cittadini nella “ricca” Europa. Senza tenere in alcun conto le esperienze altrui, si verrebbero a creare anche da noi le stesse condizioni che hanno condotto in altri paesi europei, dove lo ius soli ha chiaramente fallito, alla nascita di seconde e terze generazioni di stranieri che non si sentono europei, spesso sono anzi animati da un rifiuto e un rancore antieuropeo. Interi quartieri di Parigi o di Bruxelles o Marsiglia sono di fatto già fuori dall’Europa. Non c’è stata alcuna “integrazione” di genti diverse in un orizzonte culturale europeo, c’è stata solo la disintegrazione della società autoctona per lasciar spazio a un mosaico male assortito di enclavi etniche e tribali spesso fuori legge. La cittadinanza sulla carta non ha creato alcuna cittadinanza reale. Anzi, lo ius soli ha portato alla creazione di una serie di avamposti stranieri, potenzialmente nemici, nei paesi europei nonostante i vari soggetti “radicalizzati” fossero apparentemente inseriti nei loro contesti sociali, avessero studiato e avessero lavori, amici, vita in comune.

A dimostrazione della forza dei legami profondi e ancestrali della razza e delle radici culturali rispetto alla pericolosa illusione di un pezzo di carta.

Enrico Marino

Print Friendly
Categorie: Politica

Pubblicato da Ereticamente il 16 giugno 2017

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Commenti

  1. Modestini Fabrizio

    La società ormai vive ingessata nei sacrestismi culturali clero capital comunisti.

  2. Patrizia

    La colpa non é solo dei criminali sopra citati (CFR,Trilateral commission,FMI ecc), ma anche del modo di pensare dei cittadini NAZIONALI italiani con il pensiero non libero ma inquinato da quella melma ideologica chiamata valori dell’antifascismo che viene propinato a piene mani dalla scuola e da tutto ció che ha a che fare con lo stato nazionale. É ora di smetterla con la fratellanza universale, che tutti gli Uomini sono uguali perché non é vero e ce lo dimostrano i fatti tutti i giorni! Si preferisce aiutare i negri che i propri connazionali: giá ,i migranti vengono messi in ” vetrina” , mentre gli Italiani poveri vengono volutamente mantenuti “invisibili”.
    Continuate così, e la nostra Patria verrà distrutta in men che non si dica, peccato per chi si é sacrificato per questo paese ed ha creduto di lasciare qualcosa di buono ai posteri. Ora con l’abominio della ius soli verrá sferrato il colpo micidiale all’italianitá. Continuate a sostenere i valori antifascisti! Io la penso così e mi spiace per gli altri che non amano il proprio Paese.

  3. Alberto

    I cittadini purtroppo si vedono costretti a pensarla in modo mainstream perchè è socialmente dannoso dire ciò che si pensa: si verrebbe subito additati come razzisti, xenofobi e fascisti. La vergogna nel dire le proprie idee a riguardo erano già riscontrabili nelle elezioni vinte da berlusconi dove una campagna mediatica a dir poco vergognosa portò il cavaliere al potere, ma pareva che nessuno l’avrebbe più votato. Qui è la stessa cosa con la sola differenza che, sbattendoti in faccia bambini e altro, molte persone sono disposte a difendere queste idee nonostante vedano le proprie libertà limitarsi (ad esempio i figli che non possono più rientrare a casa da soli in certi quartieri, e i genitori che rimangono col magone ogni volta. Interi quartieri dove essere arrestati – e poi rilasciati subito perchè siamo in Italia- e quasi un vanto e non un problema sociale). Siamo alla frutta e la gente preferisce vivere peggio ma sentirsi dare una pacca sulla spalla accompagnata da “e’ la cosa giusta, noi siamo fortunati e dobbiamo aiutare tutti”. Tanto, faremo la fine della grecia, questo è poco ma sicuro

  4. CATONE E LO IUS SOLI

    ” Si vuole che Catone dimostrasse fin da piccolo, nell’intonazione della voce, nell’espressione del viso, nei giochi infantili, un carattere rigido, poco emotivo e fermo in qualsiasi circostanza. Aspro e sottile verso gli adulatori, si scagliava ancora più veementemente contro chi cercava di intimorirlo. Era anche difficilissimo farlo ridere, di rado apriva il volto a un aperto sorriso. Quando Catone era ancora un ragazzo, i popoli confederati d’Italia cercavano di ottenere anch’essi la cittadinanza romana (la lotta dei popoli italici per ottenere i diritti politici fu lunga ed aspra, culminò nella cosiddetta guerra sociale, anni 90-88 a.C.). A tale scopo un certo Pompedio Sillone, uomo di guerra che godeva della più alta considerazione, essendo amico di Druso fu alloggiato in casa sua per molti giorni durante i quali entrò in confidenza con i ragazzi e disse loro: – Coraggio, chiedete a vostro zio che ci aiuti nella nostra lotta per ottenere i diritti di cittadinanza! – Cepione assentì un sorriso, Catone non rispose e fissò in volto i forestieri con uno sguardo fiero. – E tu, o giovanotto? – gli chiese Pompedio – non dici nulla? non vuoi intercedere per noi stranieri, tuoi ospiti, presso tuo zio come fa tuo fratello? – Catone non aprì bocca, ma col suo silenzio e l’espressione del volto fece capire che respingeva la domanda. Pompedio lo sollevò allora al di sopra del davanzale e finse di lasciarlo cadere; o prometteva di aiutarli, disse, oppure lo avrebbe gettato giù dalla finestra, e intanto faceva la voce grossa e scuoteva più volte nel vuoto il ragazzino. Ma Catone resistette per molto tempo senza dar segni di spavento e di paura. Alla fine Pompedio lo rimise in terra e disse a bassa voce agli amici: – che fortuna per l’Italia che questo ragazzo sia ancora piccolo. Se fosse un uomo temo che non raccoglieremmo un solo voto tra il popolo -”

    (Vita di Catone l’ uticense, PLUTARCO.)

Lascia un commento

    FAI UNA DONAZIONE


  • concorso letterario

    Pensieri per Giulio – Stelle, Soli e Lune – Prima Edizione

    di Luca Valentini

    “Pensieri per Giulio – Stelle, Soli e Lune” Edit@ Casa Editrice & Libraria in Taranto indice la Prima Edizione del Cimento Poetico & Nar[...]

  • sosteniamo il ciak

    Fratelli Contro – L’estate del ’45

    di Adriano Pinna

    Dopo Il Segreto di Italia nasce un nuovo progetto cinematografico curato dal Regista Antonello Bellucco e la Eriadorfilm,  ovvero il Docufilm: “[...]

  • DAL NOSTRO ARCIPELAGO

    George Sorel e la crescita della mediocrità moderna – Nicolas Bonnal

    di Nicolas Bonnal

    Ecco!  Vi mostro l’ultimo uomo (Zarathustra). Macron-Soros-Hamon, sono un trio vincente? Niente di meglio che un buon classico per consolarci di vi[...]

  • poesia

    La Libertà – Alessandro Caredda ©

    di EreticaMente

    La Libertà, la quale nel suo etimo ritrova Libra, la bilancia che soppesa il cuore, sede animica, è educazione scultorea come nell’arte del le[...]

  • palermo 13 maggio 2017

  • in libreria

    Sigillum Scientiae – Giandomenico Casalino – Arcana – Edit@

    di Giandomenico Casalino

    L’essenza vivente ed ermetica della Romanità e il Platonismo Introduzione di Luca Valentini Edit@ Casa Editrice & Libraria Taranto INDICE pag. [...]

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
  • post Popolari

    archivio ereticamente

    Statistiche

    Tag

    Newsletter

  • a. dugin

    Uscire dal XX secolo. Un’idea nuova per il Terzo Millennio.  Per una Quarta teoria politica. – Roberto Pecchioli (5^ ed ultima parte)

    di Il Picchio

    “Chi ha rinunciato alla sua terra, ha rinunciato anche al suo Dio” (Fedor Dostoevskij- L’idiota) Capitolo IX Andare oltre Centro e periferia Il [...]

  • populismo

    Elogio ragionato del populismo, 2^ parte – Roberto Pecchioli

    di Ereticamente

    Il rasoio di Occam populista Quello che sembra sfuggire alle analisi di sociologi e politologi, e che è a monte dell’insorgenza populista c’è il[...]

  • il soledì

    Il regime mondialista e i suoi tragicomici cagnolini da guardia

    di Paolo Sizzi

    State certi che più uno si dirà aperto, tollerante e democratico più questo sarà fazioso, arrogante e liberticida poiché ricolmo di quella classi[...]

  • storia

    1918: Il tradimento degli alleati contro l’Italia – Michele Rallo

    di Michele Rallo

    Avevamo vinto la guerra, ma era come se l’avessimo persa   Non si erano ancora fermati gli ultimi combattimenti della Grande Guerra, che già gli [...]

  • eretico

    2016: un anno che ha cambiato la storia del mondo – Michele Rallo

    di Ereticamente

    E così è finito anche questo particolarissimo 2016. Quando sarà studiato sui libri di storia, probabilmente sarà indicato come l’anno che ha seg[...]