Polemos – Volume 3

Polemos – Volume 3

Un destino che porta ciclicamente dalle origini più remote alle incipienti catastrofi, così sino alla fatale concezione di una nuova aurora che sorge dalle visioni dei senza sonno:

è sotto il segno delle tre Norne del retaggio norreno – che notoriamente sovraintendono al tessuto del fato – che affiora la terza manifestazione di “Polemos”.

Il Grundthema permane ostinatamente invariato lungo l’asse che sorge dalle “genealogie del conflitto” sino alle “radici del terrore sacro” così come avvenuto sin dalla prima formulazione del progetto editoriale, nel 2014.

Tale tema corale è interpretato da una parte con le traduzioni di scritti di D. Venner, G. Faye ed E. Polomé che fissano le origini e i destini di una cultura oggi morente eppure sempre destinata ad essere insorgente e pericolosa.

D’altra parte con le grida estatiche già scatenatesi nei precedenti volumi della rassegna: come quella di A. Venanzoni che con un dirompente saggio sul tema del politicamente corretto porta alle estreme conseguenze le sue corrosive critiche al linguaggio e all’immaginario del cretinismo mediatico-politico oggi imperante; annunciano poi l’epoca del conflitto e della catastrofe le urla di F. Boco e A. Anselmo; rispettivamente con “Il radicalizzarsi del conflitto” e una revisione ampliata del suo studio sull’iniziazione e il nichilismo in “Fight Club”.

A queste voci si aggiungono poi quelle di U. Nisticò – già autore per i tipi di Ar di testi quali “Il ritorno degli Eraclidi e la tradizione dorico-spartana”, “La cultura della memoria” nonché “Prontuario oscurantista” – sul tema degli Achei; così come quella di V. Benedetti, il quale ha recentemente collaborato alla prestigiosa riedizione de “Il senso della Storia” di G. Locchi, sempre per Ar, che ci presenta la riscoperta dell’itinerario filosofico di Reinhart Koselleck. L. Valentini, già relatore e collaboratore del blog Ereticamente ha collaborato con un prezioso saggio dal sapore alchemico e profondamente iniziatico:“Trasmutazione Minervale: oltre la linea dell’Intelletto”.

In sottofondo risuonano due interviste: da una parte quella al ricercatore veneto Silvano Lorenzoni, già autore di testi di prepotente scorrettezza scientifica quali “La deformazione della Natura” (Ar 1997) e “Il selvaggio. Saggio sulla degenerazione umana” (Ghenos 2005); dall’altra al trainer Greg Walsh e al suo progetto WolfBrigade curata da F. Franzin, al fine di approfondire una preparazione che non si limita all’aspetto di sola muscolaritàma che ne varca i limiti divenendo filosofia della preparazione a tutto tondo, nel senso di una visione agonale e spirituale dell’esistenza.

Completano il coro la narrativa iniziatica di L. Ellena e il suo “Una strana storia intorno a un lago” e ancora A. Anselmo che prosegue i suoi studi sugli aspetti terrifici delle divinità arcaiche con “Nerthus e le divinità femminilidell’abbondanza e della Caccia Selvaggia”.

Questi sono solo alcuni dei temi in preparazione e l’uscita è prevista sotto l’auspicio dei Lupercalia 2017.

“La lotta è legge per il vivente; una nuova visione del mondo trasforma anzitutto i fronti su cui combattere”

Ernst Jünger

http://polemos.info/

EDITORIALE p. 7

GENEALOGIE DEL CONFLITTO
Il radicalizzarsi del conflitto (F. Boco) p. 25
Il cadavere di un nemico ha sempre un buon odore (A. Venanzoni) p. 79
Fight Club (nuova ed.) (A. Anselmo) p. 93
La filosofia della storia in Reinhart Koselleck (V. Benedetti) p. 121
La guerra di Troia come mito di fondazione (U. Nisticò) p. 129

RADICI DEL TERRORE SACRO
Trasmutazione Minervale: oltre la linea dell’Intelletto (L. Valentini) p. 157
Nerthus e le divinità femminili dell’abbondanza… (A. Anselmo) p. 169
La Dea bianca (F. Franzin) p. 179
La sacralità nel mondo Germanico precristiano (Edgar C. Polomé) p. 191

VOX MAIORUM
Vivere secondo la nostra tradizione (D. Venner) p. 205
Come nascono le rivoluzioni (D. Venner) p. 209
Uno scontro interno di civiltà (D. Venner) p. 213
I principi della “Riconquista” (G. Faye) p. 217
Silvano Lorenzoni (intervista) p. 225

FABULA
Una strana storia intorno a un lago (pt. 1) (L. Ellena) p. 241

VISIONI, SUONI E PAROLE
Interviste
Greg Walsh (WolfBrigade – NYC) p. 263
Gabriele (WolfBrigade – Italia) p. 277
Suoni e visioni
Akira p. 283
Black Shirts Records p. 294
Recensioni p. 297
Bone Tomahawk p. 301

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Libreria

Pubblicato da Ereticamente il 11 marzo 2017

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Lascia un commento

    sosteneteci&cresciamo


  • solstizio pietas

  • libreria ibis bologna

  • evola

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • Maurizio Cossu in Una Ahnenerbe casalinga, sessantaduesima parte - Fabio Calabrese

      Salve Mi chiamo Maurizio ed ho scoperto da pochi ... Leggi commento »

    • Dario in Aveva ragione Marx, dopotutto... - Roberto Pecchioli

      Anche io, pensavo esattamente la stessa cosa...... Leggi commento »

    • Daniele Bettini in Etica, politica, religione – Fabio Calabrese

      C'è ancora molto da svelare sul vero significato ... Leggi commento »

    • GiulioF in Aveva ragione Marx, dopotutto... - Roberto Pecchioli

      https://youtu.be/N7Lt-kHqVIw Lo dice con franch... Leggi commento »

    • DAmod1 in Minniti: il ruggito del coniglio – Michele Rallo

      ... quanta ipocrisia c'è dietro il diritto umanit... Leggi commento »

  • post Popolari

    archivio ereticamente

    Statistiche

    Tag

    Newsletter

  • a. dugin

    Uscire dal XX secolo. Un’idea nuova per il Terzo Millennio.  Per una Quarta teoria politica. – Roberto Pecchioli (5^ ed ultima parte)

    di Il Picchio

    “Chi ha rinunciato alla sua terra, ha rinunciato anche al suo Dio” (Fedor Dostoevskij- L’idiota) Capitolo IX Andare oltre Centro e periferia Il [...]

  • populismo

    Osservazioni sul populismo – Fabio Calabrese

    di Fabio Calabrese

    NOTA: L’articolo che segue l’avevo redatto diverso tempo fa, subito dopo “Loro avevano le idee chiare”, del quale è in un cer[...]

  • il soledì

    L’eterna polveriera mediorientale e il ruolo dell’Europa

    di Paolo Sizzi

    Se non fosse che dietro l’occupazione militare sionista della Palestina ci sono tutti gli sporchi interessi turbo-capitalistici dell’imper[...]

  • eretico

    Minniti: il ruggito del coniglio – Michele Rallo

    di Ereticamente

    Dove eravamo rimasti? Ah, si… Ai migranti che erano una risorsa e che stavano lavorando per noi: per fare i lavori che gli italiani non vogliono[...]

  • controstoria

    Il 18 Settembre 1943 nasceva la Repubblica Sociale Italiana. Le Brigate Nere di Alessandro Pavolini ne saranno l’anima popolare, idealistica e rivoluzionaria – Maurizio Rossi

    di Ereticamente

    La rilettura storica dell’esperienza della Repubblica Sociale Italiana – la cui nascita venne annunciata da Benito Mussolini il 18 Settembre 1943 [...]