Il mistero della macchina di Antikythera – Stefano Mayorca

Il mistero della macchina di Antikythera – Stefano Mayorca

Non meno straordinaria la scoperta di un oggetto metallico rinvenuto in una nave risalente a duemila anni fa. Tale reperto, enigmatico e affascinante, cela il frutto di un’antica sapienza legata a lontanissime e misteriose civiltà. Questo strumento notevolmente sofisticato e composto da diversi ingranaggi, fu riportato alla luce nel 1900-1901 da alcuni pescatori di spugne greci che si erano imbattuti in un relitto al largo della piccola isola di Anticitera (Andikithira o, in base alla grafia inglese, Antikythera), situata tra la Grecia e Creta, e più precisamente nel tratto del Mar Egeo che comprende il Peloponneso e Creta.

Successivamente, il manufatto venne affidato all’archeologo del Museo Nazionale di Atene Valerio Stais, affinché lo studiasse e ne analizzasse i vari componenti. Attraverso tale analisi Stais si accorse che l’oggetto era simile a una scatola costituita all’esterno da alcuni misuratori, e all’interno, da una massa di ingranaggi notevolmente complessi; tra questi, venti ruote dentate. Inoltre, l’insieme delle superfici del congegno risultavano ricoperte da iscrizioni in greco antico. Dopo un accurato esame, emerse che si trattava di un simulatore per gli astri. A partire dagli anni Cinquanta, Derek J. De Solla Price, ricercatore dell’Università di Yale, iniziò il restauro del meccanismo le cui parti risultavano gravemente corrose e incrostate. Una volta terminata la prima fase, Price passò alla traduzione delle iscrizioni, alcune delle quali ancora oggi sono illeggibili. Il testo comunque riguardava nozioni astronomiche nelle quali venivano citati diverse volte il Sole, Venere, nonché l’eclittica (orbita annua apparente del Sole intorno alla Terra). E ancora, vi erano menzionati sia il cosiddetto “ciclo calippico di settantasei anni”, sia il “ciclo metonico di diciannove anni” (235 mesi lunari). In tale contesto, rinveniamo persino il ciclo delle eclissi, costituito da 223 mesi lunari. Nel 1959, lo Scientific American rende note le ricerche di Price durate diversi anni. Da queste informazioni si evince che l’oggetto era stato costruito intorno all’87 a.C. e veniva utilizzato allo scopo di calcolare i movimenti del Sole, della Luna e degli altri corpi celesti. Attraverso i raggi X e i raggi gamma, lo studioso apprese alcune importanti cognizioni che gli permisero di stabilire  come appariva originariamente il calcolatore di Antikythera. Questo presentava un’asse centrale che ruotando, metteva in funzione un sistema di alberi e ingranaggi che a loro volta consentivano di muovere alcune lancette a differenti velocità attorno a dei quadranti. Se avessimo la possibilità di osservare il quadrante anteriore, noteremmo che mostra tuttora il moto delle stelle nello Zodiaco, e il sorgere e il tramontare di stelle e costellazioni importanti. Al suo interno erano collegati almeno trenta ingranaggi di bronzo e uno, più grande, composto da quattro raggi uniti a mortasa (incavo generalmente di forma rettangolare) nel bordo, dove erano saldati e fissati  dei ribattini (organo di collegamento meccanico con una grossa testa piana o semisferica). La caratteristica più significativa di tale strumento, secondo il parere di Price, è rappresentata da una piattaforma girevole differenziale. E’ interessante notare in proposito che questa sarà inventata in Europa soltanto nel 1500. Prima del ritrovamento del calcolatore di Antikythera non era mai stato rinvenuto o descritto nessun oggetto meccanico del genere. Quanto si conosceva della tecnologia ellenica non lasciava supporre che si potesse costruire a quell’epoca un tale manufatto. Tutti questi oggetti, che potremmo definire “fuori tempo”, sono la prova tangibile di una tecnologia sconosciuta e di una conoscenza tecnica straordinaria per quei tempi.

I manufatti finora menzionati non sono gli unici esistenti, pensiamo per esempio ai giocattoli Aztechi muniti di ruote (gli Aztechi non conoscevano l’uso della ruota), rinvenuti da alcuni archeologi, oppure alle sfere granitiche ritrovate in Costa Rica, pesanti decine di tonnellate, la cui perfezione è stupefacente e pone degli interrogativi circa la loro lavorazione. E ancora, le celebri pietre di Ica, vecchie di migliaia di anni, sulle quali sono rappresentate delle divinità che compiono un’operazione chirurgica a cuore aperto su un essere umano. Tracce di tale conoscenza sono visibili, anche se in modo frammentario, in alcuni siti e costruzioni antichissime che ne conservano il segreto attraverso particolari disposizioni, allineamenti e rituali giunti fino a noi praticamente intatti.

(Tratto da giulianokremmerz.com che ringraziamo per la collaborazione)

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Archeologia

Pubblicato da Ereticamente il 1 marzo 2017

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Lascia un commento

    sosteneteci&cresciamo


  • solstizio pietas

  • libreria ibis bologna

  • evola

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • DAmod1 in L'eterna polveriera mediorientale e il ruolo dell'Europa

      ... dietro l’occupazione militare sionista della... Leggi commento »

    • Daniele Bettini in Etica, politica, religione – Fabio Calabrese

      C'è ancora molto da svelare sul vero significato ... Leggi commento »

    • GiulioF in Aveva ragione Marx, dopotutto... - Roberto Pecchioli

      https://youtu.be/N7Lt-kHqVIw Lo dice con franch... Leggi commento »

    • DAmod1 in Minniti: il ruggito del coniglio – Michele Rallo

      ... quanta ipocrisia c'è dietro il diritto umanit... Leggi commento »

    • DAmod1 in Aveva ragione Marx, dopotutto... - Roberto Pecchioli

      Se sapessi scrivere quello che penso, scriverei es... Leggi commento »

  • post Popolari

    archivio ereticamente

    Statistiche

    Tag

    Newsletter

  • a. dugin

    Uscire dal XX secolo. Un’idea nuova per il Terzo Millennio.  Per una Quarta teoria politica. – Roberto Pecchioli (5^ ed ultima parte)

    di Il Picchio

    “Chi ha rinunciato alla sua terra, ha rinunciato anche al suo Dio” (Fedor Dostoevskij- L’idiota) Capitolo IX Andare oltre Centro e periferia Il [...]

  • populismo

    Osservazioni sul populismo – Fabio Calabrese

    di Fabio Calabrese

    NOTA: L’articolo che segue l’avevo redatto diverso tempo fa, subito dopo “Loro avevano le idee chiare”, del quale è in un cer[...]

  • il soledì

    L’eterna polveriera mediorientale e il ruolo dell’Europa

    di Paolo Sizzi

    Se non fosse che dietro l’occupazione militare sionista della Palestina ci sono tutti gli sporchi interessi turbo-capitalistici dell’imper[...]

  • eretico

    Minniti: il ruggito del coniglio – Michele Rallo

    di Ereticamente

    Dove eravamo rimasti? Ah, si… Ai migranti che erano una risorsa e che stavano lavorando per noi: per fare i lavori che gli italiani non vogliono[...]

  • controstoria

    Il 18 Settembre 1943 nasceva la Repubblica Sociale Italiana. Le Brigate Nere di Alessandro Pavolini ne saranno l’anima popolare, idealistica e rivoluzionaria – Maurizio Rossi

    di Ereticamente

    La rilettura storica dell’esperienza della Repubblica Sociale Italiana – la cui nascita venne annunciata da Benito Mussolini il 18 Settembre 1943 [...]