I Vibelunghi – Enrico Scotton

I Vibelunghi – Enrico Scotton

“L’idea del dominatore era concepita qui nella sua più ampia e potente significazione” – sono parole di Richard Wagner a proposito del suo progettato dramma sull’imperatore Federico Barbarossa, e citate da Ettore Lo Gatto al termine dell’introduzione al saggio wagneriano “I Vibelunghi”, pubblicato in Italia nel 1919 per i tipi de “L’Editrice Italiana”, e opportunamente riedito dalle preveggenti Edizioni di Ar in una collana dal nome quanto mai evocativo: “La Genealogia”.

Dunque, l’idea del dominatore; ed il dominio è la vena aurea che percorre il denso e affascinante scritto del Maestro di Bayreuth, dominio della storia, della carne e delle sue passioni, dominio spirituale oltre la storia, dominio del destino poiché suprema accettazione della voce che chiama, impone, il suo compimento, dominio infine in quanto “imperium” a-umano lungo le tracce che da Troia conducono al Kyffhauser attraversando lo snodo vitale della dinastia carolingia.

Il capitolo “Contenuto reale ed ideale del tesoro dei Nibelunghi” contiene un’affermazione decisiva, e l’esplicita al principio: “l’antichissimo mito tante volte citato raggiunge la sua affermazione più reale in una relazione di storia universale grandiosa e armonicamente unificantesi” (p. 63).

Mito, affermazione, storia universale, armonia: i temi evocano una crescita che è sprofondamento abissale e rinascenza, quasi attraverso lavacri di fuoco e bagni nel sangue tellurico del drago Fafnir. Siegfried è già qui, e già è Wotan nella consumazione del tempo e dello spazio per amore, per la Minne gloriosa.

Purificazione del tesoro, decantazione del residuo storico attraverso le redini della storia universale. La sicurezza del negare non garantisce ancora la forza della configurazione precorritrice che afferma e dà forma. E questa, a sua volta, non va valutata in base alle proporzioni di quella, bensì trova la sua grande legge nella storia – non semplicemente in ciò che è odierno.

L’inarrestabile presenza della stirpe regale è in marcia, e quale il nocciolo di tale carisma? Porre tutta la forza nel silenzio e nella contegnosa purezza, custodire la più intima quiete della risolutezza per far valere le più elevate necessarietà del mito in base alla più intima necessità e all’estrema pressione. Perseveranza del semplice sguardo per l’essenziale unico – il crescente potersi liberare da tutto, per rivestire ciò che la volontà fondamentale del mito segretamente ricerca; “e soprattutto quel dio proprio della stirpe, dal quale le singole schiatte derivavano direttamente la loro esistenza terrena, non è stato certamente abbandonato; giacché egli aveva con Cristo, figlio di Dio, la decisiva somiglianza di essere anch’egli morto e di essere stato compianto e vendicato; a quel modo che noi oggi vendichiamo Cristo sugli ebrei” (p. 67).

Dunque, Erlosung der Erloser, redenzione del redentore, rinascita del mito, il ricercare insieme alla risvegliantesi, eppure ancora disturbata, essenza super-umana e a-umana degli uomini discendenti dalla stirpe dei Vibelunghi.

La conclusione dello scritto wagneriano è monito e speranza dell’autentico tesoro – “nel monte lo aveva riportato il grande imperatore stesso, per custodirlo per tempi migliori” (p. 86).

L’opportunità, il kairòs che segna potentemente l’apparizione di questo scritto nei nostri tempi, è insieme sigillo e apertura del mito mai morto.

L’amico e discepolo del Maestro di Bayreuth, Friedrich Nietzsche, questo vide meglio di chiunque altro, e scrisse nell’opera che al Maestro dedicò: “il mito protegge dalla musica, e d’altra parte soltanto esso può darle la libertà suprema. In compenso la musica conferisce al mito, come dono reciproco, un così penetrante e convincente significato metafisico, quale parole e immagini, senza quell’unico ausilio, non potrebbero mai raggiungere; e particolarmente grazie a essa lo spettatore tragico è preso proprio da quel sicuro presentimento di una gioia suprema, a cui conduce il cammino attraverso la rovina e la negazione, sicché egli crede di sentire l’intimo abisso delle cose parlargli distintamente” (La nascita della tragedia, par. 21).

Enrico Scotton

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Mitologia, Musica

Pubblicato da Ereticamente il 14 febbraio 2017

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Lascia un commento

    sosteneteci&cresciamo


  • 90° di ur - simposio

  • Walt Disney

  • fondazione evola

  • concorso letterario

    Pensieri per Giulio – Stelle, Soli e Lune – Prima Edizione

    di Luca Valentini

    “Pensieri per Giulio – Stelle, Soli e Lune” Edit@ Casa Editrice & Libraria in Taranto indice la Prima Edizione del Cimento Poetico & Nar[...]

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
  • post Popolari

    archivio ereticamente

    Statistiche

    Tag

    Newsletter

  • a. dugin

    Uscire dal XX secolo. Un’idea nuova per il Terzo Millennio.  Per una Quarta teoria politica. – Roberto Pecchioli (5^ ed ultima parte)

    di Il Picchio

    “Chi ha rinunciato alla sua terra, ha rinunciato anche al suo Dio” (Fedor Dostoevskij- L’idiota) Capitolo IX Andare oltre Centro e periferia Il [...]

  • populismo

    Elogio ragionato del populismo, 2^ parte – Roberto Pecchioli

    di Ereticamente

    Il rasoio di Occam populista Quello che sembra sfuggire alle analisi di sociologi e politologi, e che è a monte dell’insorgenza populista c’è il[...]

  • il soledì

    50 validi motivi per difendere l’Italia e la sua identità – Parte IV

    di Paolo Sizzi

    Continua la rassegna sulle 50 buone ragioni che, a mio avviso, rappresentano altrettanti validi motivi per difendere e preservare la natura etnonazion[...]

  • eretico

    Minniti: il ruggito del coniglio – Michele Rallo

    di Ereticamente

    Dove eravamo rimasti? Ah, si… Ai migranti che erano una risorsa e che stavano lavorando per noi: per fare i lavori che gli italiani non vogliono[...]

  • controstoria

    Il 18 Settembre 1943 nasceva la Repubblica Sociale Italiana. Le Brigate Nere di Alessandro Pavolini ne saranno l’anima popolare, idealistica e rivoluzionaria – Maurizio Rossi

    di Ereticamente

    La rilettura storica dell’esperienza della Repubblica Sociale Italiana – la cui nascita venne annunciata da Benito Mussolini il 18 Settembre 1943 [...]