Quando il politicamente corretto sconfina nel grottesco – Pietro Ferrari

Quando il politicamente corretto sconfina nel grottesco – Pietro Ferrari

 

Il Fatto Quotidiano di ieri, 21 dicembre, rivolge la propria attenzione al modo in cui il mondo dell’informazione tedesco ha dato conto della strage di Berlino, in un articolo così intitolato:

Attentato Berlino, né aggettivi né titoli urlati: sui siti tedeschi solo fatti

Eccone un estratto:

Notizie. Senza troppi aggettivi. Le home page dei maggiori organi di informazione tedeschi seguono l’attacco al mercatino di Natale a Berlino con aggiornamenti costanti. Ma senza titoli urlati. Quasi solo e semplicemente fatti, almeno quelli che si sanno, con pochi punti esclamativi e, piuttosto, di domanda.

La redazione del Fatto si compiace dei toni misurati, sommessi, utilizzati dai colleghi tedeschi. Sottolinea l’assenza di punti esclamativi. Si rallegra dell’aggettivazione scarna, dello stile privo di slancio e passione, indicando come modalità esemplare d’approccio quella adottata da Der Spiegel:

Roland Nelles, a capo della redazione online della capitale, firma l’editoriale “Quello che ci rende forti”, in cui spiega come mai come in questo momento sia importante mantenere la “mente fredda”.

Così dev’essere, fra persone evolute: si subiscono feroci attentati che fanno stragi di inermi, ma non va persa, mai, la compostezza. Mente fredda, aggettivi e titoli rigorosamente sussurrati, per non correre il rischio di alimentare la xenofobia, l’islamofobia e in generale l’ostilità nei confronti del diverso.

Questo trattamento, invece, può e deve essere riservato ai brutti e cattivi di Alternative für Deutschland. Scrive Der Spiegel:

Coloro che vogliono trarre vantaggio dalla situazione, come i cinici di Alternative für Deutschland, per istigare uomini contro altri uomini, stanno facendo il gioco dei terroristi. Vogliono dividerci, renderci insicuri e condurci a uno scontro fra culture. Il loro odio genera sempre nuovo odio. Questo è un sentiero che ci conduce dritti al disastro. Non dobbiamo seguirlo.

Il Fatto Quotidiano registra con soddisfazione le prese di posizione fortemente critiche seguite al pronunciamento di un esponente di AfD, Markus Pretzell, il quale, in un “tweet” aveva affermato quanto segue:

Quand’è che lo Stato tedesco controbatterà? Quando avrà fine questa maledetta ipocrisia? Questi sono i morti della Merkel!

Leggiamo su Stern:

Ralf Stegner, vicepresidente del Partito Socialdemocratico, è rimasto scioccato dal tweet del politico AfD, definendolo “Incredibile e disgustoso”.

“Stanno strumentalizzando le vittime di Berlino per il loro odio ripugnante. Inumano e di pessimo gusto”, scrive il deputato della Sinistra tedesca Niema Movassat.

Il mondo politico e la stampa tedeschi trovano del tutto naturale esprimere sdegno, in termini molto accesi, non nei confronti degli autori della strage di Berlino, ma di Alternative für Deutschland.

Circostanza, questa, che dice molto dell’ideologia che ispira l’élite culturale. Vi è di che riflettere, non soltanto in Germania.

Pietro Ferrari

(Fonte foto Corriere.it)

 

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Esteri

Pubblicato da Ereticamente il 22 dicembre 2016

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Commenti

  1. Cupo

    In realta’ I lettori che postano commenti sul fq non sono per niente politicamente corretti. Diciamo che il consenso verso le politiche migrazioniste non si legge proprio.

  2. Giacomo

    I vincitori della seconda guerra mondiale hanno trasformato i popoli sconfitti in una massa di imbelli.
    I giornalisti tedeschi ed italiani servi del potere apolide adunco continuano a volerci rieducare .

Lascia un commento

    sosteneteci&cresciamo


  • 90° di ur - simposio

  • Walt Disney

  • fondazione evola

  • concorso letterario

    Pensieri per Giulio – Stelle, Soli e Lune – Prima Edizione

    di Luca Valentini

    “Pensieri per Giulio – Stelle, Soli e Lune” Edit@ Casa Editrice & Libraria in Taranto indice la Prima Edizione del Cimento Poetico & Nar[...]

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
  • post Popolari

    archivio ereticamente

    Statistiche

    Tag

    Newsletter

  • a. dugin

    Uscire dal XX secolo. Un’idea nuova per il Terzo Millennio.  Per una Quarta teoria politica. – Roberto Pecchioli (5^ ed ultima parte)

    di Il Picchio

    “Chi ha rinunciato alla sua terra, ha rinunciato anche al suo Dio” (Fedor Dostoevskij- L’idiota) Capitolo IX Andare oltre Centro e periferia Il [...]

  • populismo

    Elogio ragionato del populismo, 2^ parte – Roberto Pecchioli

    di Ereticamente

    Il rasoio di Occam populista Quello che sembra sfuggire alle analisi di sociologi e politologi, e che è a monte dell’insorgenza populista c’è il[...]

  • il soledì

    50 validi motivi per difendere l’Italia e la sua identità – Parte IV

    di Paolo Sizzi

    Continua la rassegna sulle 50 buone ragioni che, a mio avviso, rappresentano altrettanti validi motivi per difendere e preservare la natura etnonazion[...]

  • eretico

    Minniti: il ruggito del coniglio – Michele Rallo

    di Ereticamente

    Dove eravamo rimasti? Ah, si… Ai migranti che erano una risorsa e che stavano lavorando per noi: per fare i lavori che gli italiani non vogliono[...]

  • controstoria

    Il 18 Settembre 1943 nasceva la Repubblica Sociale Italiana. Le Brigate Nere di Alessandro Pavolini ne saranno l’anima popolare, idealistica e rivoluzionaria – Maurizio Rossi

    di Ereticamente

    La rilettura storica dell’esperienza della Repubblica Sociale Italiana – la cui nascita venne annunciata da Benito Mussolini il 18 Settembre 1943 [...]