Lo Zen e i Samurai a cura di Giovanni Sessa

Lo Zen e i Samurai a cura di Giovanni Sessa

In traduzione italiana uno dei testi classici in argomento

 

I primi studi che introdussero in Occidente la filosofia del Buddhismo Zen, rendendola intellegibile anche a lettori dalla mentalità e dalla visione del mondo assai diversa da quella di un bushi, un guerriero in senso tradizionale, sono senza dubbio le opere di Daisetsu Teitaro Suzuki, da tempo disponibili nel catalogo delle Edizioni Mediterranee, nonché il fondamentale libro di Kaiten Nukariya, La religione del samurai. Filosofia e disciplina Zen in Cina e Giappone, nelle librerie in prima edizione italiana per i tipi della stessa casa editrice (per ordini: ordinipv@edizionimediterranee.net, euro 22,50).  Curatore del volume è Riccardo Rosati, yamatologo e museologo de “il Borghese”.  La sua presentazione arricchisce il testo e contribuisce a contestualizzare gli aspetti fondamentali delle analisi di Nukariya, come del resto l’Appendice del libro che propone un ulteriore scritto dello studioso giapponese, L’origine dell’uomo(Gen-Nin-Ron).la-via-dei-samurai

Il libro fu scritto dall’autore, docente presso l’Università Keio Gijuku ed il Collegio buddhista So-to-Shu di Tokyo, nel 1913. Nonostante sia trascorso ormai più di un secolo, nei suoi aspetti essenziali mantiene ancora oggi una straordinaria giovinezza spirituale. Del resto l’eminente studioso nipponico, fin dall’introduzione, chiarisce a beneficio del lettore le sue reali intenzioni “L’obiettivo di questo libro consiste nell’illustrare le differenze che segretamente distinguono la concezione Mahayana della vita e del mondo da quella Hinayana” (p. 26). Si tratta delle due principali scuole buddhiste, alle quali va aggiunto il “veicolo” Vajrayana, che divenne religione consolidata in Tibet verso il X secolo. I primi capitoli presentano, pertanto, una ricostruzione storica della diffusione del “Grande Veicolo” in Cina e Giappone e si soffermano, in particolare, sull’origine indiana dello Zen, sulla sua introduzione in Cina (Chan) e sul successivo diffondersi nel paese del Sol Levante. In tale trattazione spesso emerge la vicinanza di Nukariya al Confucianesimo, la filosofia morale cinese che, rielaborata originalmente in Giappone, produsse la cultura samuraica. Altra aspetto significativo che, ne siamo certi, il lettore accorto rileverà da sé, è  l’ulteriore intenzione esplicita dell’autore: presentare lo Zen, non solo come “religione dei samurai”, ma quale Via universale che avrebbero, quindi, potuto seguire anche gli occidentali moderni, al fine di lasciarsi alle spalle il disastro del tempo presente.

Il libro non poteva non colpire uno spirito inquieto come Julius Evola che, mostrando anche in questa circostanza una non comune vocazione a sprovincializzare la cultura italiana, ne parlò in termini elogiativi sulla rivista Augustea il 1 marzo del 1942. A suo dire il volume chiariva come la religione del samurai  non si limitasse a dissertare “… su verità trascendenti, ma indicasse le vie per sperimentarle direttamente” (p. 11). Infatti, i valori etici dello Zen si sposavano perfettamente con quelli della tradizione samuraica per la presenza, in entrambi preponderante, dei momenti dell’azione e della vitalità. Nakariya, in molti luoghi del testo, suggerisce il curatore, “propone… una interpretazione della religione in perfetta sintonia con alcune qualità evoliane dell’ uomo differenziato” (p. 13).  La disciplina del monaco Zen poco differisce, in quanto centrata sulla “povertà onesta”, sul sacrificio incondizionato di sé, sul perseguimento e la realizzazione nella dimensione interiore dell’egemonikon, dalla Via del guerriero. In forza di ciò, lo Zen permeò di sé la cultura e il quotidiano in Giappone, dalle belle arti alla cerimonia del tè, dall’architettura alla pratica del giardinaggio. Tiene molto l’autore, e in ciò ebbe la condivisione di Evola, a sottolineare che se gli occidentali, attraverso versioni edulcorate del buddhismo, se ne erano fatti l’idea di una filosofia della passività e della rinuncia, al contrario lo Zen li avrebbe liberati da tale errore esegetico, radicatosi in Europa con l’opera di Schopenhauer.

Lo Zen non si fossilizza sulla dogmatizzazione dei testi, giungendo addirittura al rifiuto della scrittura considerata mezzo e non fine “Nel momento in cui riconosciamo la luna e godiamo della sua benevola bellezza, il dito non ha più alcuna utilità” (p. 17).La filosofia del Novecento ha fatto propria, negli esponenti di maggior rilievo, tale posizione. Si pensi al testo “non scritto” di Blanchot ed Emo. Il testo sacro, nella prospettiva Zen, è scritto nel “cuore e nella mente”. Lo scrive nel proprio percorso realizzativo chi si ponga sulla Via. Lungo tale iter, si comprende prima di ogni altra cosa che l’illusione consiste nel distinguere la realtà dalle apparenze. Infatti, la realtà esiste esattamente come apparenza, il cosmo è un grande sutraPer vent’anni ho cercato la Luce:/Primavere ed autunni si sono susseguiti;/Da quando ho visto i fiori di pesco, /non ho più alcun dubbio su nulla” (p. 89). Anche Evola, nelle opere del periodo filosofico, sostenne in modo altrettanto esemplare che la verità in fondo non è che errore potenziato e che l’errore non è che una verità depotenziata, invitando alla diffidenza nei confronti del principium firmissimum, d’identità, che “paralizza” gli opposti.

Nella lettura dello Zen di Nukariya emerge un altro aspetto particolarmente apprezzato da Evola. La concezione polemologica e attiva dell’esistenza, in  Grecia  testimoniata da Eraclito. Lo sforzo mirato a superare le avversità, il contrasto sia interiore che esteriore, preserva e potenzia l’energia vitale. Al contrario “la cosiddetta società civilizzata ha totalmente dimenticato il senso stesso della lotta” (p. 19). 

   Quando l’autore discute dei rapporti di apparenza e di realtà, si serve positivamente di ampia strumentazione speculativa, sia orientale che occidentale. E’ rispetto ad altre tematiche che forse nei suoi confronti, è opportuno utilizzare l’ espressione di cui Evola si servì per descrivere D. T. Suzuki  “un Orientale che sa troppo di cultura occidentale” (p. 21). Ci riferiamo al tentativo che spesso si evince dal testo: voler accondiscendere ad ogni costo a tesi e posizioni tipicamente occidentali. In particolare, l’autore è sempre attento a voler “dimostrare” in senso scientista le argomentazioni presentate, e ciò lo induce a difendere addirittura l’evoluzionismo. La cosa ha certamente poco a che fare con la filosofia dell’azione, cui si richiamerà lo stesso Mishima, e con il pensiero Zen. Abbia inoltre contezza il lettore che, oltre ad essere un’ottima summa della filosofia Zen, il libro è un utilissimo strumento storico. In esso, infatti, Nukariya presentò come assolutamente valido il modello politico sociale e religioso del Giappone del periodo Taisho (1912-1926), nel quale egli visse. Momento storico nel quale il paese del Sol Levante era sospeso tra Tradizione e avvento della modernità.

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Buddismo, Libreria, Recensione

Pubblicato da Giovanni Sessa il 1 dicembre 2016

Giovanni Sessa

Giovanni Sessa è nato a Milano nel 1957. Vive ad Alatri (Fr) ed è docente di filosofia e storia nei licei, già assistente presso la cattedra di Filosofia politica della facoltà di Sc. Politiche dell’Università “Sapienza” di Roma e già docente a contratto di Storia delle idee presso l’Università di Cassino. Suoi scritti sono comparsi su riviste, quotidiani e periodici. Suoi saggi sono apparsi in diversi volumi collettanei e Atti di Convegni di studio, nazionali e internazionali. Ha pubblicato le monografie Oltre la persuasione. Saggio su Carlo Michelstaedter, Settimo Sigillo, Roma 2008 e La meraviglia del nulla. Vita e filosofia di Andrea Emo, Bietti, Milano 2014, prefazione di R. Gasparotti, in Appendice il Quaderno 122, inedito del filosofo veneto. Ha, inoltre, dato alle stampe una raccolta di saggi Itinerari nel pensiero di Tradizione. L’Origine o il sempre possibile, Solfanelli, Chieti 2015. E’ Segretario della Scuola Romana di Filosofia politica, collaboratore della Fondazione Evola e portavoce del Movimento di pensiero “Per una nuova oggettività”.

Lascia un commento

    sosteneteci&cresciamo


  • evola a milano

  • associazione radici

  • evola

  • libreria ibis bologna

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • dna in Elogio ragionato del populismo, 2^ parte – Roberto Pecchioli

      Questa è una riflessione molto sensata sul signif... Leggi commento »

    • IL POLISCRIBA in Esoterismo ed Exoterismo in Meccanica Quantistica – Il Poliscriba

      Segnalo ai gentili lettori di Ereticamente, come m... Leggi commento »

    • Antonio in Il futuro modifica il passato: per una nuova visione del tempo - Emanuele Franz

      L'ipotesi di questo autore, che sembra così sugge... Leggi commento »

    • DAmod1 in Una Ahnenerbe casalinga, prima parte

      Credo che la Cultura cominci da qui ma un pò meno... Leggi commento »

    • mario michele merlino in Il coraggio di raccontarsi - Mario Michele Merlino

      grazie. testimone di luoghi e stagioni che ci rima... Leggi commento »

  • post Popolari

    archivio ereticamente

    Statistiche

    Tag

    Newsletter

  • a. dugin

    Uscire dal XX secolo. Un’idea nuova per il Terzo Millennio.  Per una Quarta teoria politica. – Roberto Pecchioli (5^ ed ultima parte)

    di Il Picchio

    “Chi ha rinunciato alla sua terra, ha rinunciato anche al suo Dio” (Fedor Dostoevskij- L’idiota) Capitolo IX Andare oltre Centro e periferia Il [...]

  • populismo

    Osservazioni sul populismo – Fabio Calabrese

    di Fabio Calabrese

    NOTA: L’articolo che segue l’avevo redatto diverso tempo fa, subito dopo “Loro avevano le idee chiare”, del quale è in un cer[...]

  • il soledì

    Dalla parte della Luce. Sempre

    di Paolo Sizzi

    Non c’è modo migliore di salutare la definitiva dipartita di un disumano subumano come Riina con il ricordo di coloro che, per anni, si battero[...]

  • eretico

    Minniti: il ruggito del coniglio – Michele Rallo

    di Ereticamente

    Dove eravamo rimasti? Ah, si… Ai migranti che erano una risorsa e che stavano lavorando per noi: per fare i lavori che gli italiani non vogliono[...]

  • controstoria

    Il 18 Settembre 1943 nasceva la Repubblica Sociale Italiana. Le Brigate Nere di Alessandro Pavolini ne saranno l’anima popolare, idealistica e rivoluzionaria – Maurizio Rossi

    di Ereticamente

    La rilettura storica dell’esperienza della Repubblica Sociale Italiana – la cui nascita venne annunciata da Benito Mussolini il 18 Settembre 1943 [...]