Il viso verde, 1916-2016. Gustav Meyrink tra visione e verità.

Il viso verde, 1916-2016. Gustav Meyrink tra visione e verità.

In occasione del centenario di ‘Das gruene Gesicht’, cinque citazioni dal romanzo iniziatico di Gustav Meyrink.

1.
“Non deve temere che questo fenomeno segnali una condizione morbosa o anormale”, proseguì il dottor Sephardi, notando che Pfeill agitava le mani in segno di rifiuto. “Cose del genere capitano con maggior frequenza di quanto non si creda, e se potessimo scoprirne la vera causa… sono certo che allora le bende ci cadrebbero dagli occhi, mentre parteciperemmo di colpo al fluire di una seconda vita – quella che nella nostra attuale condizione viviamo senza saperlo durante il sonno. Essa infatti si situa al di là della nostra esistenza corporea, e durante il nostro tornar indietro per il ponte del sogno, che ricongiunge il giorno alla notte, viene dimenticata…”

2.
“Mi creda, Mejufrouw – è un fardello pesante, la povertà! Come farebbe un cuore così giovane ad avere sempre tutta la fede in Dio necessaria a sopportarlo?”
Per la prima volta in vita sua Eva van Druysen poteva gettare uno sguardo negli abissi dell’esistenza: davanti a lei stava ora, in tutta la sua terribile realtà, quello che prima aveva letto soltanto sui libri.
Si trattava però solo di un lampo, di una visione fulminea, appena sufficiente a squarciare le tenebre di qualche baratro.
“Quanto più orribile”, si disse, “dovrà essere la realtà che sta sopita nel profondo, là dove di rado può penetrare l’occhio di un individuo favorito dalla sorte”.

3.
Cavalcò così giorno e notte, ed ecco apparire alto nel cielo un miraggio, e una terra – ricca e meravigliosa, quale non aveva mai visto – abbassarsi sino a lui. L’uomo gli disse di chiamarsi Morija.
E Klinkherbogk si arrampicò su di un monte, alzò una catasta di legna e vi adagiò sopra Katje.
Poi allungò la mano e afferrò il coltello per sgozzare la bambina. Il suo cuore era freddo e privo di compassione, giacché sapeva che secondo la Scrittura avrebbe sacrificato un montone al posto di Katje. E dopo che il nonno ebbe immolato la bambina, l’uomo si scoprì il volto, mentre il segno fiammeggiante gli scompariva dalla fronte ed egli diceva:
“Ti mostro il mio sembiante, Abraham, affinché tu abbia d’ora in poi la vita eterna. Ma tolgo dalla mia fronte il segno della vita, affinché la sua visione non bruci mai più il tuo povero cervello. Giacché la mia fronte è la tua fronte, e il mio volto è il tuo volto. Questo, sappilo, è in verità la ‘seconda nascita’: che tu sei uno con me, e in me, tua guida all’albero della vita, riconosci te stesso…

4.
Assoggettarsi a lui in tutto, risparmiargli ogni preoccupazione, cogliere nei suoi occhi qualsiasi desiderio – doveva essere facile!… Ma con tutto questo sarebbe riuscita anche a renderlo felice? Tutto ciò non andava di là dall’umano, mentre quanto desiderava offrirgli doveva essere di là dall’immaginabile.

5.
Sentendo battere le tre dalle torri campanarie respirò come liberato… “Grazie a Dio, la notte sta per finire!”
Andò alla finestra, si sporse fuori e fissò a lungo il buio nebbioso per spiarvi – così credeva – il primo segno dell’alba… Poi, di colpo, si accorse della ragione vera di quanto stava facendo: si era sorpreso ad ascoltare con l’orecchio teso se Eva non venisse ancora!
“Il desiderio di rivederla è divenuto tanto intenso e acuto che, nonostante sia desto, la fantasia mi fa scorgere visioni d’incubo” si disse tentando di acquietarsi, mentre ripercorreva nervosamente la stanza e il tormento tornava a uncinarlo… Ed ecco il suo sguardo fissarsi su una macchia scura sul pavimento, che non rammentava di aver mai visto prima.

Gustav Meyrinkimg_9283
Il viso verde
Edizioni di Ar, Il Cavallo alato
pp.352
21,00€

www.edizionidiar.it

Per informazioni e ordini: info@libreriaar.com 0825.32239

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Edizioni di AR, Libreria

Pubblicato da Ereticamente il 10 dicembre 2016

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Lascia un commento

    sosteneteci&cresciamo


  • 90° di ur - simposio

  • spazio ritter

  • Walt Disney

  • fondazione evola

  • concorso letterario

    Pensieri per Giulio – Stelle, Soli e Lune – Prima Edizione

    di Luca Valentini

    “Pensieri per Giulio – Stelle, Soli e Lune” Edit@ Casa Editrice & Libraria in Taranto indice la Prima Edizione del Cimento Poetico & Nar[...]

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
  • post Popolari

    archivio ereticamente

    Statistiche

    Tag

    Newsletter

  • a. dugin

    Uscire dal XX secolo. Un’idea nuova per il Terzo Millennio.  Per una Quarta teoria politica. – Roberto Pecchioli (5^ ed ultima parte)

    di Il Picchio

    “Chi ha rinunciato alla sua terra, ha rinunciato anche al suo Dio” (Fedor Dostoevskij- L’idiota) Capitolo IX Andare oltre Centro e periferia Il [...]

  • populismo

    Elogio ragionato del populismo, 2^ parte – Roberto Pecchioli

    di Ereticamente

    Il rasoio di Occam populista Quello che sembra sfuggire alle analisi di sociologi e politologi, e che è a monte dell’insorgenza populista c’è il[...]

  • il soledì

    50 validi motivi per difendere l’Italia e la sua identità – Parte IV

    di Paolo Sizzi

    Continua la rassegna sulle 50 buone ragioni che, a mio avviso, rappresentano altrettanti validi motivi per difendere e preservare la natura etnonazion[...]

  • storia

    1918: Il tradimento degli alleati contro l’Italia – Michele Rallo

    di Michele Rallo

    Avevamo vinto la guerra, ma era come se l’avessimo persa   Non si erano ancora fermati gli ultimi combattimenti della Grande Guerra, che già gli [...]

  • eretico

    Minniti: il ruggito del coniglio – Michele Rallo

    di Ereticamente

    Dove eravamo rimasti? Ah, si… Ai migranti che erano una risorsa e che stavano lavorando per noi: per fare i lavori che gli italiani non vogliono[...]