Strade d’Europa – Il comprensorio archeologico del Monsorino – Gruppo Escursionistico A.T.P.

Strade d’Europa – Il comprensorio archeologico del Monsorino – Gruppo Escursionistico A.T.P.

Sabato 15 ottobre il Gruppo Escursionistico dell’Associazione Tradizionale Pietas – Nord Italia si è recato presso il comprensorio archeologico del Monsorino, sito all’interno del comune di Golasecca.

L’escursione ha preso le mosse dal confine con Somma Lombardo, a pochi chilometri di distanza dalle necropoli golasecchiane, all’imbocco del Sentiero E1, che si inoltra immediatamente nel bosco fino a raggiungere la maestosa Pineta del Vigano di Vergiate, all’interno della quale, dopo aver percorso un piacevole sentiero sterrato in discesa, è possibile scorgere il caratteristico e arcano Sass di Biss (“Pietra della Serpe” nel locale dialetto). Questo enorme masso erratico, di origine glaciale e dal colore verdastro, eletto monumento naturale nell’ambito del Parco del Ticino, appare quasi magicamente sotto la volta arborea. A uno sguardo più attento è possibile riscontrare la presenza di numerosissime coppelle di epoca preistorica-protostorica, incise sulla superficie e raggruppate secondo possibili criteri di disposizione meritevoli di approfondimento. La pioggia leggera che ci accompagna sino a questo masso, i segni incisi sullo stesso e la potente naturalità della zona circostante evocano un senso di profonda sacralità e non risulta difficile immaginare, anche solo per un attimo, la frequentazione a scopo sacrale tanto in epoca preistorica quanto in età celtica,.

Ma le necropoli celtiche di Golasecca sono ancora lontane e bisogna mettersi in cammino! Dopo aver attraversato la parte restante di bosco, raggiungiamo il piccolo abitato di Coarezza. Al termine di una ripida discesa, ecco comparire in tutta la sua bellezza il fiume Ticino, immerso nella bruma mattutina e completamente bordeggiato dalla vegetazione circostante. La strada che conduce verso la Diga della Miorina si snoda placida verso nord, in direzione del Lago Maggiore e, proprio nei pressi dell’imponente sbarramento, avvistiamo numerosissimi esemplari di folaghe e cormorani, appostati su piccoli isolotti rocciosi emergenti dalle acque, intenti a distenderele ali ad oriente nel tentativo di asciugarle, nonché un isolato ed elegante airone, con lo sguardo volto a meridione.

Dopo aver oltrepassato il pianoro erboso della Spiaggia della Melissa ci inoltriamo nel folto castagneto del Monte Gagliasco, sulle cui alture sorgono le necropoli di origine celtica. La Cultura di Golasecca deve il suo nome al luogo dei primi ritrovamenti, avvenuti ad opera dell’abate G. B. Giani (1788-1857) proprio sulle colline del Monsorino. Il sentiero si inerpica per alcune centinaia di metri, fino ai primi cromlech, indagati più a fondo dall’archeologo Pompeo Castelfranco nella seconda metà dell’Ottocento. La parola “cromlech” deriva dalla lingua gallese (significa letteralmente “pietra curva”) e indica un recinto circolare di pietre non lavorate che racchiude una o più sepolture. Queste “tombe a circolo”, di dimensioni variabili (dai 3 ai 10 metri di diametro) sono caratteristiche del comprensorio del Ticino e sono riscontrabili anche nella Svizzera Italiana. In un paio di cromlech riconosciamo facilmente una sorta di corridoio di accesso rettangolare, la cosiddetta allea, probabilmente deputata alla deposizione delle offerte o allo svolgimento dei riti in onore del defunto. I cromlech tuttora visibili al Monsorino sono attribuiti al cosiddetto Periodo Golasecca I, databili tra la seconda metà dell’VIII e tutto il VII secolo a.e.v..

Nell’area del Ticino il solo rito funebre impiegato era la cremazione, in genere nella forma indiretta. Il defunto era bruciato su un rogo preparato a parte, anche adiacente alla tomba, e le sue ceneri, raccolte dentro un’urna coperta da una ciotola o da pezzi di legno o cuoio, erano poi deposte nella tomba, scavata nella terra. I corredi (oggi conservati all’interno della sezione archeologica del Castello Sforzesco di Milano) ci consentono di comprendere la struttura gerarchizzata della società golasecchiana, con a capo un guerriero o capo-tribù la cui importanza si esprimeva anche con la deposizione nella tomba delle armi e degli oggetti che ne avevano manifestato il prestigio in vita (morsi equini, vasellame in bronzo, carri). Non dobbiamo poi dimenticare che i Golasecchiani rivestivano il ruolo di intermediari tra gli Etruschi e i Celti Transalpini, grazie al collegamento tramite il fiume Ticno con il Novarese e il Canton Ticino, e con le zone al di là delle Alpi tramite i passi alpini del San Bernardo, Sempione e San Gottardo. Numerosi oggetti etruschi e greci ritrovati nelle tombe golasecchiane sono la riprova di questo ruolo e sono leggibili, oltre che come acquisti veri e propri, come dazi o doni fatti ai capi locali dai commercianti stranieri.

L’escursione a Golasecca non poteva, infine, che concludersi con un lauto banchetto a base di tipicità locali presso la Locanda del Buon Cammino del vicino borgo agricolo di Cuirone, immerso nel verde e nella pace, ai piedi dei dolci pendii del Monte San Giacomo.

Gruppo Escursionistico A.T.P. – Nord Italia

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Strade d'Europa

Pubblicato da Ereticamente il 4 novembre 2016

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Lascia un commento

    sosteneteci&cresciamo


  • evola a milano

  • associazione radici

  • evola

  • libreria ibis bologna

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • scienzanofantasciensapls! in La storia dei Siculi fin dalle loro origini - Recensione di Fabio Calabrese

      muhà....chissà perchè Claudio d'Angelo mi ricor... Leggi commento »

    • Evaristo in Il futuro modifica il passato: per una nuova visione del tempo - Emanuele Franz

      Quindi Antonio, lei ha letto fino in fondo il libr... Leggi commento »

    • dna in Elogio ragionato del populismo, 2^ parte – Roberto Pecchioli

      Questa è una riflessione molto sensata sul signif... Leggi commento »

    • IL POLISCRIBA in Esoterismo ed Exoterismo in Meccanica Quantistica – Il Poliscriba

      Segnalo ai gentili lettori di Ereticamente, come m... Leggi commento »

    • Antonio in Il futuro modifica il passato: per una nuova visione del tempo - Emanuele Franz

      L'ipotesi di questo autore, che sembra così sugge... Leggi commento »

  • post Popolari

    archivio ereticamente

    Statistiche

    Tag

    Newsletter

  • a. dugin

    Uscire dal XX secolo. Un’idea nuova per il Terzo Millennio.  Per una Quarta teoria politica. – Roberto Pecchioli (5^ ed ultima parte)

    di Il Picchio

    “Chi ha rinunciato alla sua terra, ha rinunciato anche al suo Dio” (Fedor Dostoevskij- L’idiota) Capitolo IX Andare oltre Centro e periferia Il [...]

  • populismo

    Osservazioni sul populismo – Fabio Calabrese

    di Fabio Calabrese

    NOTA: L’articolo che segue l’avevo redatto diverso tempo fa, subito dopo “Loro avevano le idee chiare”, del quale è in un cer[...]

  • il soledì

    Dalla parte della Luce. Sempre

    di Paolo Sizzi

    Non c’è modo migliore di salutare la definitiva dipartita di un disumano subumano come Riina con il ricordo di coloro che, per anni, si battero[...]

  • eretico

    Minniti: il ruggito del coniglio – Michele Rallo

    di Ereticamente

    Dove eravamo rimasti? Ah, si… Ai migranti che erano una risorsa e che stavano lavorando per noi: per fare i lavori che gli italiani non vogliono[...]

  • controstoria

    Il 18 Settembre 1943 nasceva la Repubblica Sociale Italiana. Le Brigate Nere di Alessandro Pavolini ne saranno l’anima popolare, idealistica e rivoluzionaria – Maurizio Rossi

    di Ereticamente

    La rilettura storica dell’esperienza della Repubblica Sociale Italiana – la cui nascita venne annunciata da Benito Mussolini il 18 Settembre 1943 [...]