Strade d’Europa – Il Castello di Haut – Koenigsbourg

Strade d’Europa –  Il Castello di Haut – Koenigsbourg

Nell’ultima tappa del nostro viaggio europeo, abbiamo voluto visitare una storica dimora imperiale che domina l’altopiano dell’Alsazia, il castello di Haut – Koenigsbourg. Costruito intorno all’anno 1000, il bastione difensivo fu apprezzato, per la sua posizione strategica prima da Federico di Hohenstaufen , detto il “monocolo”, duca di Svevia, e successivamente dagli Asburgo, e poi dall’imperatore tedesco Gugliemo II di Hohenzollern nel 1899. Simbolo della potenza germanica, l’impressione che scaturisce dal castello è data dalla sua ampia superficie di 1,5 ettari e dalla disposizione di un ampia cinta muraria – aggiunta successivamente alla costruzione – per un adeguato supporto all’artiglieria. Alcuni elementi ci hanno colpito particolarmente: la corte interna, il grande bastione ed, al primo piano, la famosa sala d’armi, che racchiude le diverse alabarde, spade, balestre e armature tipiche del Medioevo crociato. La visuale è davvero magica, essendo il colle (755 m d’altezza) immerso in una profonda boscaglia, e dominando la vicina pianura alsaziana.

Anche in questa circostanza, l’Europa ci ha disvelato la sua profonda anima arcaica, le radici di un continente non inquinate dalla demonia della finanzia o dall’incolto consumismo: anche da qui, dal castello di Haut – Koenigsbourg abbiamo compreso come un’altra Europa, la nostra Europa sia ancora vivente, nonostante tutto.

Per EreticaMente, per Strade d’Europa, Luca, Marcella, Giulio e Flavia

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Strade d'Europa

Pubblicato da Luca Valentini il 2 agosto 2016

Luca Valentini

Redazione di EreticaMente.net, cultore di filosofia antica, di dottrina ermetico-alchimica e di misteriosofia arcaica e mediterranea: collaboratore di riviste come Elixir, Vie della Tradizione, Atrium, Fenix Rivista, Il Cervo Bianco, Pietas, Il Primato Nazionale. Dirige le collane Arcana, rarità classiche ed ermetiche, ed Orfeo, narrativa e poetica esoterica, per la Casa Libraria Edit@ di Taranto. Partecipa a seminari di ricerca di livello nazionale ed europeo. Ha pubblicato testi inerenti l'Alchimia, l'Amor Sacro e di poetica ermetica.

Lascia un commento

    sosteneteci&cresciamo


  • evola a milano

  • associazione radici

  • evola

  • libreria ibis bologna

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • dna in Elogio ragionato del populismo, 2^ parte – Roberto Pecchioli

      Questa è una riflessione molto sensata sul signif... Leggi commento »

    • IL POLISCRIBA in Esoterismo ed Exoterismo in Meccanica Quantistica – Il Poliscriba

      Segnalo ai gentili lettori di Ereticamente, come m... Leggi commento »

    • Antonio in Il futuro modifica il passato: per una nuova visione del tempo - Emanuele Franz

      L'ipotesi di questo autore, che sembra così sugge... Leggi commento »

    • DAmod1 in Una Ahnenerbe casalinga, prima parte

      Credo che la Cultura cominci da qui ma un pò meno... Leggi commento »

    • mario michele merlino in Il coraggio di raccontarsi - Mario Michele Merlino

      grazie. testimone di luoghi e stagioni che ci rima... Leggi commento »

  • post Popolari

    archivio ereticamente

    Statistiche

    Tag

    Newsletter

  • a. dugin

    Uscire dal XX secolo. Un’idea nuova per il Terzo Millennio.  Per una Quarta teoria politica. – Roberto Pecchioli (5^ ed ultima parte)

    di Il Picchio

    “Chi ha rinunciato alla sua terra, ha rinunciato anche al suo Dio” (Fedor Dostoevskij- L’idiota) Capitolo IX Andare oltre Centro e periferia Il [...]

  • populismo

    Osservazioni sul populismo – Fabio Calabrese

    di Fabio Calabrese

    NOTA: L’articolo che segue l’avevo redatto diverso tempo fa, subito dopo “Loro avevano le idee chiare”, del quale è in un cer[...]

  • il soledì

    Dalla parte della Luce. Sempre

    di Paolo Sizzi

    Non c’è modo migliore di salutare la definitiva dipartita di un disumano subumano come Riina con il ricordo di coloro che, per anni, si battero[...]

  • eretico

    Minniti: il ruggito del coniglio – Michele Rallo

    di Ereticamente

    Dove eravamo rimasti? Ah, si… Ai migranti che erano una risorsa e che stavano lavorando per noi: per fare i lavori che gli italiani non vogliono[...]

  • controstoria

    Il 18 Settembre 1943 nasceva la Repubblica Sociale Italiana. Le Brigate Nere di Alessandro Pavolini ne saranno l’anima popolare, idealistica e rivoluzionaria – Maurizio Rossi

    di Ereticamente

    La rilettura storica dell’esperienza della Repubblica Sociale Italiana – la cui nascita venne annunciata da Benito Mussolini il 18 Settembre 1943 [...]