Roma, il Mediterraneo e la spiritualità indoeuropea – recensione a cura di Giovanni Sessa

Roma, il Mediterraneo e la spiritualità indoeuropea – recensione a cura di Giovanni Sessa

                          L’ultimo libro di Giandomenico Casalino

Giandomenico Casalino da anni persegue un suo ben identificato progetto spirituale ed intellettuale. Agire, per quanto possibile nelle attuali contingenze, al fine di risvegliare il ricordo assopito di un mondo altro. Non è particolarmente gravoso constatare oggi il livello di generale insoddisfazione, di insicurezza esistenziale oltre che pratica, nel quale vivono la maggior parte dei nostri simili. Nessuno può negare che subiamo, ogni giorno di più, l’accelerarsi e l’aggravarsi della crisi. Di ciò il nostro autore è convinto più di altri. Nell’ultima sua fatica, ma più in generale in tutta la sua produzione saggistica precedente, non si limita a sviluppare la deprecatio temporis che ha riempito troppe pagine, ma propone una via di uscita dallo stato presente delle cose: abbandonare l’oblio che tutto pervade e tornare alle radici profonde della civiltà europea, quelle greco-romane. Presenta tale soluzione nel volume La spiritualità Indoeuropea di Roma e il Mediterraneo, da poco nelle librerie per la libreria Editrice Aseq (per ordini: info@aseq.it).

    Il volume raccoglie la conferenza che Casalino, su invito del presidente del Rotaract Club “Roma Mediterraneo”, tenne nella Capitale il 14/03/2015. Il testo della conferenza è accompagnato da una Appendice che racchiude altri tre scritti complementari ai contenuti espressi in essa, tutti mirati ad approfondire e a chiarire il concetto di Tradizione. La loro lettura consente di entrare in modo compiuto nelle argomentazioni dell’autore. Quella di Casalino è una “invocazione dell’Idea vivente della Romanità” (p. 1). Il suo progetto è davvero ambizioso, fondato com’è sul tentativo di agire sulla dimensione interiore, profonda degli uomini del nostro tempo, che hanno avuto la ventura di ascoltarlo o che incontreranno ora le sue pagine, al fine di determinare in loro un Ca 2cambiamento profondo, nientemeno che una periagoghé platonica. I lettori giudicheranno se l’obiettivo è stato conseguito. L’incipit del libro va rintracciato nella constatazione della perdita di memoria storico-esistenziale della nostra epoca. Essa è paragonata alla situazione che si determina all’interno della cellula neoplastica, la quale si riproduce in modo anomalo, poiché dimentica dei ritmi produttivi atavici che la dovrebbero connaturare “la cellulla perde, dimentica il progetto genetico di quell’individuo…e sviluppa un suo, diverso, progetto genetico alternativo”(p. 26). Tale situazione produce disordine organico e, alla lunga, la morte del paziente. In tale situazione, sotto il profilo spirituale, vive l’uomo europeo.

  A questi Casalino rammenta che l’Europa produsse un modello d’Ordine, spirituale e politico,  subito diffusosi in tutto l’ecumene mediterraneo, imperniato sulla visione del mondo indoeuropea. I Greci per primi si fecero teorici di una possibile vita felice, mentre i romani si posero il problema di realizzare in termini politici tale modello di felicità. Gli Elleni, creatori della Filosofia, accettarono il dato, il Cosmo, riconoscendolo quale Ordine divino, i Romani, latori di una ascesi dell’Azione, individuarono nella Legge la “natura ordinata in Cosmo” (p. 33). Il cosmo romano è Res Publica, lo Stato non è un apriori ma “proprio in forza della sua natura attivo-intensiva è creato dal Romano, mediante il rito giuridico religioso” (p. 31), attraverso due momenti il Bellum Iustum e l’ordine magico-giuridico. Per comprendere realmente tale posizione tipicamente romana è necessario procedere all’esegesi della Triade arcaica divina: Juppiter, Mars, Quirinus. Juppiter è la Mente, il Cielo luminoso degli Indoeuropei, il Dio dei Patti, lo Stato romano come Idea. Mars è l’atmosfera intermedia, inspirazione ed espirazione del Guerriero in marcia, ricorda l’autore. Pertanto, a livello di riferimenti microcosmici, se a Giove corrisponde il Capo, a Marte, farà riferimento il Petto impetuoso, ma “ancor più giù del Petto…c’è il ventre Quirino: esso è il regno, la dimensione della Donna” (p. 19). A Tale divinità pertiene la tutela dei Beni, del Sesso, della Vita. La donna domina, a Roma, è custode della sobrietà dei costumi, difende dall’eccesso e dal lusso la vita pratica degli appartenenti al nucleo familiare, cellula dello Stato.

   La Mente guida e governa, Il Guerriero difende, la Donna conserva. Qui emerge la tripartizione tipicamente indoeuropea già esemplarmente presente nella Città platonica. In sua forza, il Romano sentì il dovere di agire sull’animo degli altri popoli, rispettando le loro tradizioni e costumi, ma integrandoli nella Res Publica. Tanto che questi si sentirono prima Romani e poi appartenenti alle loro etnie d’origine e, negli ultimi giorni dell’Impero, eroicamente difesero il limes, a differenza di molti “cittadini” dell’Urbe dimentichi del Mos majorum. L’ideale che li muoveva era quello di sempre: nei limiti dell’uomo tentare di essere, per quanto possibile, simili agli dei. Casalino suggerisce che, in termini di organizzazione politica, tutto ciò si tradusse in una sorta di Rivoluzione Conservatrice, centrata sulla Costituzione mista. In essa, la sovranità delle istituzioni intermedie quali i Magistrati, il Senato ed i Comizi, in cui si mostra la Sovranità del Popolo, è per così dire, garantita dal Sacro. Si formò così una circolarità aperta e dinamica in cui il Sacro, identificato con il Pubblico, permetteva l’accesso a pieno titolo nella Comunità della figura del fante-legionario-cittadino, sempre in sintonia con le deliberazioni senatoriali mirate alla custodia della Tradizione. La Sovranità popolare a Roma era sacra, un dato di fatto irrinunciabile, a differenza di ciò che sta accadendo oggi alle democrazie moderne, le quali vanno mostrando senza infingimento il loro tratto epidemico, in senso greco, ed antipopolare. Per questo la serenità si mostrava sul volto dell’autentico Romano. Come rilevarono, con sorpresa, gli ambasciatori del Sinedrio ebraico ricevuti dal Senato, i Senatori romani mostravano serenità, austerità e da essi promanava, per questo, la forza autentica dell’autorità.

   Per dirla con Kerenyi, come fa Casalino, l’uomo greco-romano è uomo festivo perché capace di sospendere la “linearità profana della vita”. Solo tornando a guardare tale modello sarà possibile lasciarci alle spalle la mesta e grigia ferialità dei giorni in cui ci è toccato in sorte di vivere.

 

Print Friendly
Categorie: Tradizione Romana

Pubblicato da Giovanni Sessa il 19 agosto 2016

Giovanni Sessa

Giovanni Sessa è nato a Milano nel 1957. Vive ad Alatri (Fr) ed è docente di filosofia e storia nei licei, già assistente presso la cattedra di Filosofia politica della facoltà di Sc. Politiche dell’Università “Sapienza” di Roma e già docente a contratto di Storia delle idee presso l’Università di Cassino. Suoi scritti sono comparsi su riviste, quotidiani e periodici. Suoi saggi sono apparsi in diversi volumi collettanei e Atti di Convegni di studio, nazionali e internazionali. Ha pubblicato le monografie Oltre la persuasione. Saggio su Carlo Michelstaedter, Settimo Sigillo, Roma 2008 e La meraviglia del nulla. Vita e filosofia di Andrea Emo, Bietti, Milano 2014, prefazione di R. Gasparotti, in Appendice il Quaderno 122, inedito del filosofo veneto. Ha, inoltre, dato alle stampe una raccolta di saggi Itinerari nel pensiero di Tradizione. L’Origine o il sempre possibile, Solfanelli, Chieti 2015. E’ Segretario della Scuola Romana di Filosofia politica, collaboratore della Fondazione Evola e portavoce del Movimento di pensiero “Per una nuova oggettività”.

Lascia un commento

    alza la barricata


  • natale di roma

  • le interviste

    EreticaMente intervista Vittorio Sgarbi

    di Ereticamente

    Sabato 15 aprile, Vittorio Sgarbi, ospite di CasaPound Parma per la presentazione del suo libro “Dall’ombra alla luce”, è stato in[...]

  • il soledì

    I fondamentali pilastri del culto nazionale della Patria italo-romana

    di Paolo Sizzi

    L’antropologo friulano Carlo Tullio-Altan, sulla scorta della lezione mazziniana, studiò a fondo la questione della religione civile che gli I[...]

  • polemos vol. 3

  • poesia iniziatica

    Cantiche alla Musa – recensione a cura di Stefano Mayorca

    di Ereticamente

    La Déa, il contatto con l’isiaca matrice femminea, frutto di ancestrali memorie, sopita nelle profondità dell’Essere, mai estinta  ma viva nell[...]

  • civiltà romana

    EreticaMente intervista il prof. Maurizio Bettini – a cura di Luca Valentini

    di Luca Valentini

    Maurizio Bettini, classicista e scrittore, insegna Filologia Classica nella Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Siena, dove ha f[...]

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • Fabio Calabrese in Silvano Lorenzoni: Itinerari d'oltretomba e altri cinque saggi sciolti

      Caro Antonio: in senso lato, lei ha ragione, ma bi... Leggi commento »

    • Antonio in Silvano Lorenzoni: Itinerari d'oltretomba e altri cinque saggi sciolti

      La formula einsteiniana è certamente pressapochis... Leggi commento »

    • Fabio Calabrese in Il trionfo della stupidità – Fabio Calabrese

      MAry, lì con un Q. I. medio di 70, di poveri di s... Leggi commento »

    • Fabio Calabrese in Il trionfo della stupidità – Fabio Calabrese

      MAry, lì con un Q. I. medio di 70, di poveri di s... Leggi commento »

    • Etica in Scoprire il Risorgimento ∼ 1a parte

      Maria Cipriano, cercare di dimostrare che il Risor... Leggi commento »

  • post Popolari

    archivio ereticamente

    Statistiche

    Tag

    Newsletter

  • a. dugin

    Uscire dal XX secolo. Un’idea nuova per il Terzo Millennio.  Per una Quarta teoria politica. – Roberto Pecchioli (5^ ed ultima parte)

    di Il Picchio

    “Chi ha rinunciato alla sua terra, ha rinunciato anche al suo Dio” (Fedor Dostoevskij- L’idiota) Capitolo IX Andare oltre Centro e periferia Il [...]

  • populismo

    Elogio ragionato del populismo, 2^ parte – Roberto Pecchioli

    di Ereticamente

    Il rasoio di Occam populista Quello che sembra sfuggire alle analisi di sociologi e politologi, e che è a monte dell’insorgenza populista c’è il[...]

  • storia

    1918: Il tradimento degli alleati contro l’Italia – Michele Rallo

    di Michele Rallo

    Avevamo vinto la guerra, ma era come se l’avessimo persa   Non si erano ancora fermati gli ultimi combattimenti della Grande Guerra, che già gli [...]

  • eretico

    2016: un anno che ha cambiato la storia del mondo – Michele Rallo

    di Ereticamente

    E così è finito anche questo particolarissimo 2016. Quando sarà studiato sui libri di storia, probabilmente sarà indicato come l’anno che ha seg[...]

  • poesia

    Poesia operativa, strumento di trasmutazione – Vittorio Varano

    di EreticaMente

    Nell’affrontare il problema di dover fornire una rappresentazione figurativa del tempo, i pensatori si dispongono in due grossi schieramenti con[...]