Pan è morto e noi l’abbiamo ucciso – Riccardo Tennenini

Pan è morto e noi l’abbiamo ucciso – Riccardo Tennenini

 

Copertina_PAN-page-001

  • Introduzione di Luca Valentini
  • Prefazione dell’autore
  • La morte di Pan
  • L’effetto della morte di Pan
  • Prakṛti e Puruṣa divisi
  • Appendice bibliografica
  • L’iniziazione di Lucio Apuleio dall’undicesimo libro delle Metamorfosi.

per info: eternalwinter89@yahoo.it – www.ritteredizioni.com

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Filosofia, Libreria, Ritter Edizioni

Pubblicato da Ereticamente il 7 luglio 2016

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Commenti

  1. Rosanna Nisticò

    Pan è vivo e vivrà, non si cura della puerile, difettosa, presuntuosa razionalità umana.
    Lui vive nei boschi ed il suo istinto vince su ogni banale speculazione.

  2. Rosanna Nisticò

    Nel suo immenso bosco non lascia entrare Pokemon…

  3. Luca Valentini Staff

    La presunzione è dei paganelli alle fettucine, che si illudono di saperne più di Plutarco o di Nietzsche, non avendo compreso che l’espressione non indica la morte del Divino – impossibile in sé -, ma l’incapacità degli uomini di riconnettersi ad esso. A volte, è necessario studiare un po’, ma comprendiamo che le fettucine domenicali e paganeggianti siano più attraenti…ma qualcuno con Pan ci va a giocare a golf od a raccogliere le patate, cosa possiamo saperne noi…:-)

  4. Rosanna Nisticò

    E’ il dio pastore (termine rubato dai cattolici per indicare Gesù), ha insegnato l’arte divinatoria ad Apollo. Seppur rinnegato ha difeso Zeus da Tifone dimostrando di avere una volontà di ferro e una sua dignità. Il suo urlo… voglia di esprimere i suoi mille sentimenti.

Lascia un commento

    sosteneteci&cresciamo


  • 90° di ur - simposio

  • Walt Disney

  • fondazione evola

  • concorso letterario

    Pensieri per Giulio – Stelle, Soli e Lune – Prima Edizione

    di Luca Valentini

    “Pensieri per Giulio – Stelle, Soli e Lune” Edit@ Casa Editrice & Libraria in Taranto indice la Prima Edizione del Cimento Poetico & Nar[...]

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
  • post Popolari

    archivio ereticamente

    Statistiche

    Tag

    Newsletter

  • a. dugin

    Uscire dal XX secolo. Un’idea nuova per il Terzo Millennio.  Per una Quarta teoria politica. – Roberto Pecchioli (5^ ed ultima parte)

    di Il Picchio

    “Chi ha rinunciato alla sua terra, ha rinunciato anche al suo Dio” (Fedor Dostoevskij- L’idiota) Capitolo IX Andare oltre Centro e periferia Il [...]

  • populismo

    Elogio ragionato del populismo, 2^ parte – Roberto Pecchioli

    di Ereticamente

    Il rasoio di Occam populista Quello che sembra sfuggire alle analisi di sociologi e politologi, e che è a monte dell’insorgenza populista c’è il[...]

  • il soledì

    50 validi motivi per difendere l’Italia e la sua identità – Parte IV

    di Paolo Sizzi

    Continua la rassegna sulle 50 buone ragioni che, a mio avviso, rappresentano altrettanti validi motivi per difendere e preservare la natura etnonazion[...]

  • eretico

    Minniti: il ruggito del coniglio – Michele Rallo

    di Ereticamente

    Dove eravamo rimasti? Ah, si… Ai migranti che erano una risorsa e che stavano lavorando per noi: per fare i lavori che gli italiani non vogliono[...]

  • controstoria

    Il 18 Settembre 1943 nasceva la Repubblica Sociale Italiana. Le Brigate Nere di Alessandro Pavolini ne saranno l’anima popolare, idealistica e rivoluzionaria – Maurizio Rossi

    di Ereticamente

    La rilettura storica dell’esperienza della Repubblica Sociale Italiana – la cui nascita venne annunciata da Benito Mussolini il 18 Settembre 1943 [...]