Polemos Volume II – recensione a cura di Luca Valentini

Polemos Volume II – recensione a cura di Luca Valentini

Siamo lieti in questa occasione di presentare, per i lettori di EreticaMente, il secondo volume del progetto Polemos, che non snatura fortunatamente i propri intendimenti iniziali, ma ne segue fedelmente la linea ideale, già tracciata nel primo volume, anch’esso da noi recensito. Combinando felicemente alcuni studi inediti con articoli già pubblicati su alcune note riviste come Occidentale oppure su alcuni quotidiani come Linea o Il Secolo d’Italia, l’espressione di un sacro connubio tra cultura identitaria, ricercata virtù mentale, interiore quanto corporale lascia un segno indelebile di una sfida che gli autori vogliono lanciare alle nuove generazioni, sempre più prede inconsapevoli della decadenza occidentale che ne condiziona inesorabilmente le esistenze.

Il senso del Radicamento che si indica come necessaria salvezza dell’ancestrale Tradizione d’Europa non è intesa in termini vagamente retorici (a volte quasi patetici), di mera e superficiale riferimento naturalistico ed etnico, ma coglie la dimensione altamente spirituale di un’appartenenza che immanentemente collega l’Uomo alla sua Patria manifesta e terrena  e trascendentalmente ricollega lo stesso alla sua vera ed autentica Patria sacrale, quella occultata dentro di sé. In ciò i riferimenti a Spengler, Junger e Giorgio Locchi risultano essere quanto mai illuminanti, in quanto determinano una qualità di consapevolezza, che asciuga le emozionalità di un conflitto non più irrazionale, ma precisamente e coscientemente inteso:

Si può scegliere dunque di accettare il destino d’Europa, cioè il suo tramonto, che coincide però con l’Inizio, cioè col nuovo advenire storico dell’autenticità dell’Essere” (p. 47)

Chiarite le “Radici del Terrore Sacro”, le “Genealogie del conflitto” sono facilmente intuibili e rintracciano nel Cristianesimo, nel razionalismo e negli ideali dell’89 i vettori patogeni di una catabasi che sembra quasi inarrestabili e verso cui gli Autori non propongono alcune fuga fantastica o immaginifica, ma l’assunzione di un modus essendi, che gli stessi ritrovano sapientemente nelle saghe nordiche, nella Tradizione Classica, fino a quel filo di Arianna che riconnette la sapienzialità arcaica occidentale al sapere iniziatico orientale nel Taoismo.Po 2

Il significato profondo di tale radicamento consapevole viene espresso particolarmente in due articoli presenti nel testo, “Gorin No Sho- Lo Stato dell’Arte della Marzialità” di A. Sathsiva (p. 171ss) e “Marte ed Efesto: il ritorno della Storia” di G. Faye (p.211ss). Abbiamo ritrovato in queste due testi la medesima tensione ideale della cosiddetta “Via della Spada”, come nel Bushido, come ne Il Domenicano Bianco di Meyrink, una virtuosa disciplina eroica che rivolge la lama primariamente verso la sponda titanica che alberga nella sfera animica del guerriero, per ridestarne il furor, il ricordo di altezza e di una Sapienza Aurorale ancora possibile, ancora raggiungibile, nella ferra disciplina, nel combattimento, nella pragmatica comprensione del reale:

Quando si difende il proprio popolo, i propri figli, allora si difende l’essenziale. Allora si segue la legge di Agamennone e Leonida, ma anche di Carlo Martello: ciò che prevale è la legge della spada, il cui bronzo o acciaio riflette la luce del sole. L’albero, il razzo, la spada: tre simboli verticali si ergono dal terreno verso la luce, dalla Terra al Sole, animati da linfa, fuoco e sangue” (p. 220)

Tale tensione ideale, tale tensione del sano conflitto sono rintracciabili anche nelle a Davide Morini ed Apolokia, nelle recensioni musicali ed cinematografiche, in una giusta ed organica comprensione artistica dell’appartenenza.

I lettori di EreticaMente in questo testo potranno liberamente ritrovare quanto da anni approfondiscono su questo sito, la medesima linea di condotta, la medesima identità culturale, la medesima passione per l’Eresia, la purificazione guerriera che gli autori evocatoriamente riferiscono alla celebrazione romana dei Lupercalia:

…le Eresie virili per così dire, si ritrovano a dover riconquistare la loro specificità, minacciata dall’egualitarismo spinto e dalle logiche di mercato che sulla massificazione fondano il loro dominio” (p. 7)

Luca Valentini

 

Print Friendly
Categorie: Avanguardia

Pubblicato da Luca Valentini il 31 maggio 2016

Luca Valentini

Redazione di EreticaMente.net, cultore di filosofia antica, di dottrina ermetico-alchimica e di misteriosofia arcaica e mediterranea: collaboratore di riviste come Elixir, Vie della Tradizione, Atrium, Fenix Rivista, Il Cervo Bianco, Pietas. Dirige le collane Arcana, rarità classiche ed ermetiche, ed Orfeo, narrativa e poetica esoterica, per la Casa Libraria Edit@ di Taranto. Partecipa a seminari di ricerca di livello nazionale ed europeo.

Lascia un commento

    alza la barricata


  • palermo 13 maggio 2017

  • le interviste

    EreticaMente intervista Vittorio Sgarbi

    di Ereticamente

    Sabato 15 aprile, Vittorio Sgarbi, ospite di CasaPound Parma per la presentazione del suo libro “Dall’ombra alla luce”, è stato in[...]

  • il soledì

    I fondamentali pilastri del culto nazionale della Patria italo-romana

    di Paolo Sizzi

    L’antropologo friulano Carlo Tullio-Altan, sulla scorta della lezione mazziniana, studiò a fondo la questione della religione civile che gli I[...]

  • polemos vol. 3

  • poesia iniziatica

    Cantiche alla Musa – recensione a cura di Stefano Mayorca

    di Ereticamente

    La Déa, il contatto con l’isiaca matrice femminea, frutto di ancestrali memorie, sopita nelle profondità dell’Essere, mai estinta  ma viva nell[...]

  • civiltà romana

    EreticaMente intervista il prof. Maurizio Bettini – a cura di Luca Valentini

    di Luca Valentini

    Maurizio Bettini, classicista e scrittore, insegna Filologia Classica nella Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Siena, dove ha f[...]

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • Fabio Calabrese in Silvano Lorenzoni: Itinerari d'oltretomba e altri cinque saggi sciolti

      Caro Antonio: in senso lato, lei ha ragione, ma bi... Leggi commento »

    • Antonio in Silvano Lorenzoni: Itinerari d'oltretomba e altri cinque saggi sciolti

      La formula einsteiniana è certamente pressapochis... Leggi commento »

    • Fabio Calabrese in Il trionfo della stupidità – Fabio Calabrese

      MAry, lì con un Q. I. medio di 70, di poveri di s... Leggi commento »

    • Fabio Calabrese in Il trionfo della stupidità – Fabio Calabrese

      MAry, lì con un Q. I. medio di 70, di poveri di s... Leggi commento »

    • Etica in Scoprire il Risorgimento ∼ 1a parte

      Maria Cipriano, cercare di dimostrare che il Risor... Leggi commento »

  • post Popolari

    archivio ereticamente

    Statistiche

    Tag

    Newsletter

  • a. dugin

    Uscire dal XX secolo. Un’idea nuova per il Terzo Millennio.  Per una Quarta teoria politica. – Roberto Pecchioli (5^ ed ultima parte)

    di Il Picchio

    “Chi ha rinunciato alla sua terra, ha rinunciato anche al suo Dio” (Fedor Dostoevskij- L’idiota) Capitolo IX Andare oltre Centro e periferia Il [...]

  • populismo

    Elogio ragionato del populismo, 2^ parte – Roberto Pecchioli

    di Ereticamente

    Il rasoio di Occam populista Quello che sembra sfuggire alle analisi di sociologi e politologi, e che è a monte dell’insorgenza populista c’è il[...]

  • storia

    1918: Il tradimento degli alleati contro l’Italia – Michele Rallo

    di Michele Rallo

    Avevamo vinto la guerra, ma era come se l’avessimo persa   Non si erano ancora fermati gli ultimi combattimenti della Grande Guerra, che già gli [...]

  • eretico

    2016: un anno che ha cambiato la storia del mondo – Michele Rallo

    di Ereticamente

    E così è finito anche questo particolarissimo 2016. Quando sarà studiato sui libri di storia, probabilmente sarà indicato come l’anno che ha seg[...]

  • poesia

    Poesia operativa, strumento di trasmutazione – Vittorio Varano

    di EreticaMente

    Nell’affrontare il problema di dover fornire una rappresentazione figurativa del tempo, i pensatori si dispongono in due grossi schieramenti con[...]