Conciliazione nazionale: una speranza lontana

Conciliazione nazionale: una speranza lontana

Il caso del Cap. Paride Mori ucciso quattro volte

Sono trascorsi 70 anni dalla fine della seconda guerra mondiale, ma in Italia i tempi di una conclamata riconciliazione sono stati ulteriormente rinviati alle calende greche, sull’altare di un’intolleranza anacronistica e talvolta faziosa. Viene da chiedersi quali siano le motivazioni di questo  triste primato che appartiene al bel Paese, mentre in altri casi l’eclisse della ragione è stata superata da tempo.

L’ultimo esempio della pervicace volontà di perseverare nelle divisioni, in primo luogo etico – politiche, proviene dall’applicazione della Legge 30 marzo 2004 n. 92, che era stata approvata con voto quasi unanime, in un commendevole spirito conciliativo, per istituire il “Giorno del Ricordo” del grande Esodo giuliano, istriano e dalmata, e dei Martiri delle Foibe od altrimenti massacrati dai partigiani comunisti di Tito: secondo le stime più autorevoli, tra cui quella di Luigi Papo, almeno 16 mila Vittime, la cui esatta quantificazione è peraltro impossibile, anche per la permanente carenza collaborativa, dapprima jugoslava, e poi slovena e croata.

A dieci anni dall’entrata in vigore di quella Legge, che prevede, fra l’altro, il riconoscimento di una Medaglia in onore dei Caduti, si dà il caso che, dopo oltre mille conferimenti, qualcuno abbia sollevato dubbi sulla concessione della Medaglia stessa in memoria del Cap. Paride Mori, un  Bersagliere Volontario dell’Ottavo Reggimento “Manara”: quel che è peggio, chiedendo  la revoca del provvedimento, con un atto in cui non sarebbe difficile ravvisare gli estremi dell’eccesso di potere e della violazione di legge.

Giova precisare che le condizioni richieste dal legislatore per concedere la Medaglia ed il relativo Attestato stabiliscono che i fatti si debbano essere verificati nelle zone del confine orientale tra l’otto settembre 1943 e il dieci febbraio 1947 (con qualche eccezione); e che il Caduto non sia morto nel corso di un combattimento, ma a seguito di violenze imputabili all’invasore ed occupatore slavo (infoibamenti, fucilazioni, annegamenti, lapidazioni, torture). La Legge n. 92, più specificamente, non ha fatto discriminazioni fra civili e militari, né tanto meno fra le appartenenze alle varie Armi (Esercito, Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia di Stato, e via dicendo).Mori a Tolmino225

Eppure, si è dato il caso che la Medaglia in “metallo vile” (ma importante simbolo della Repubblica Italiana che ricorda) conferita a Paride Mori, massacrato dai partigiani nell’Alta Valle dell’Isonzo (18 febbraio 1944) mentre si recava a rapporto nel “sidecar” condotto dal suo motociclista, anch’egli Caduto nell’imboscata e Vittima di analoghe sevizie persino sui cadaveri, sia stata posta in discussione, con relativa richiesta di revoca.  

Paride Mori aveva espresso, assieme a tanti suoi Bersaglieri dell’Ottavo Reggimento, l’impegno di un nobile Volontariato accorrendo, in condizioni a dir poco impari, all’ultima difesa della Venezia Giulia, mentre altri gettavano le armi e si davano alla macchia; originario della provincia di Parma, dove certi nervi sono ancora scoperti, senza dire che la città emiliana, unica in Italia, conserva tuttora due luoghi pubblici intitolati al Maresciallo Tito, pur considerato “infoibatore ed assassino” anche in una vecchia sentenza della Giustizia italiana che assolse con formula piena il giornalista Silvano Drago, Direttore di “Difesa Adriatica”, dall’accusa di vilipendio.

A sostegno della richiesta di revoca non si è guardato per il sottile, affermando il falso: non è vero che Mori fosse alle dipendenze della Wehrmacht, e non è vero che la Medaglia non fosse dovuta perché le spoglie mortali del Caduto non furono infoibate (caso mai, tale informazione dimostra l’ignoranza forse voluta della Legge n. 92, estesa – come detto – a tutte le Vittime dei partigiani di Tito, a prescindere dal tipo di supplizio).

Ed allora, è mai possibile che a Paride Mori si voglia revocare una semplice concessione “senza assegno” voluta dal legislatore italiano con  encomiabile voto plebiscitario davvero “bipartisan”? Non sarebbe, a ben vedere, una sorta di surreale perversione ideologica?

 La verità è che il potere esecutivo della nuova Italia, sempre più decisa a “fare” ma evidentemente anche a “disfare”, sta perdendo una buona occasione per non cedere alle suggestioni di una piazza, come quella emiliana, dove taluni paralogismi sono duri a morire, anche a  70 anni dai fatti. La revoca di un conferimento secondo legge potrebbe essere statuita per decreto soltanto se ricorressero esigenze di necessità ed urgenza, nella fattispecie inesistenti; quindi, l’atto sarebbe pesantemente viziato sul piano della legittimità, tanto più che la decisione di concedere la Medaglia a Paride Mori era stata assunta, previa istruttoria, a cura dell’apposita attenta Commissione istituita proprio alla Presidenza del Consiglio, nell’ambito dei poteri decisionali regolarmente esercitati per dieci anni (la sola eccezione mai formulata è stata quella relativa allo stesso Mori).

L’Istituto per la Storia della Resistenza, con tutto il rispetto, non può delegittimare il potere conferito alla Commissione, ed annullare i poteri del Governo. Soprattutto, non deve offendere la memoria dei Bersaglieri del “Grande Ottavo” e la nobile purezza di un sacrificio esaltato da una celebre affermazione: “Non vogliamo il cambio” !

Tornando al caso di Paride Mori per quanto concerne il merito, vale la pena di sottolineare che, suo malgrado, è come se fosse stato ucciso una quarta volta: dopo il delitto compiuto dai partigiani, è stato Vittima degli italiani quando la sua Medaglia d’Argento al Valore non venne riconosciuta perché conferita dalle Forze Armate della RSI; quando il Comune nativo di Traversetolo (Parma) gli ha negato una semplice citazione nella toponomastica cittadina, ed ora, addirittura, con la pretesa un atto governativo imposto dall’esterno.

Le conclusioni sono improntate ad una grande amarezza: a parte il caso personale di Mori, la conciliazione nazionale costituisce una meta lontana, alle soglie dell’utopia.

Soli motivi di conforto (assieme alla cittadinanza onoraria di Trieste recentemente conferita al “Grande Ottavo” nel corso di una toccante cerimonia) sono i valori espressi dalla Bandiera tricolore alla cui ombra il Cap. Mori ed i suoi invitti Bersaglieri riposano nel Sacrario Militare di Bari, ricordando a tutti un messaggio di fede e suscita motivi di rinnovate speranze in ogni cuore limpido.

 

Carlo Cesare Montani

Esule da Fiume, storico e pubblicista

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Paride Mori

Pubblicato da Ereticamente il 18 marzo 2015

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Commenti

  1. vincenzo

    Mi spiace deludere le speranze del Sig Montani, ma non credo che quanto lui auspica accadrá mai, e ciò per un semplice motivo: una riconciliazione nazionale comporterebbe necessariamente una revisione storica “vera” che porterebbe inesorabilmente alla luce veritá troppo scomode, anzi direi incoffessabili.
    Se è vero…come è vero che tutta la politica dal 1945 in poi, la quale ha dato vita a questa insignificante, sgangherata e pacchiana repubblichetta resistenziale, si fonda sulla menzogna e sulla mistificazione storica, non credete che una “riconciliazione nazionale” equivalga al suicidio politico di tutta quell’accozzaglia di politicanti che a tutt’oggi infetta la nostra Patria?

Lascia un commento

    sosteneteci&cresciamo


  • evola a milano

  • associazione radici

  • evola

  • libreria ibis bologna

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • Adriano Dragotta in La dimensione dell’assurdo, il tempo del Rinoceronte – Roberto Pecchioli

      Scritto magnifico!... Leggi commento »

    • Elena in Il futuro modifica il passato: per una nuova visione del tempo - Emanuele Franz

      Ho letto tutti i libri del Franz. Ne cito solo... Leggi commento »

    • Lorenzo Peyrani in Il futuro modifica il passato: per una nuova visione del tempo - Emanuele Franz

      "What happens when a new work of art is created is... Leggi commento »

    • Lorenzo Peyrani in Il futuro modifica il passato: per una nuova visione del tempo - Emanuele Franz

      Bello, un libro in controcorrente pieno di stimoli... Leggi commento »

    • scienzanofantasciensapls! in La storia dei Siculi fin dalle loro origini - Recensione di Fabio Calabrese

      muhà....chissà perchè Claudio d'Angelo mi ricor... Leggi commento »

  • post Popolari

    archivio ereticamente

    Statistiche

    Tag

    Newsletter

  • a. dugin

    Uscire dal XX secolo. Un’idea nuova per il Terzo Millennio.  Per una Quarta teoria politica. – Roberto Pecchioli (5^ ed ultima parte)

    di Il Picchio

    “Chi ha rinunciato alla sua terra, ha rinunciato anche al suo Dio” (Fedor Dostoevskij- L’idiota) Capitolo IX Andare oltre Centro e periferia Il [...]

  • populismo

    Osservazioni sul populismo – Fabio Calabrese

    di Fabio Calabrese

    NOTA: L’articolo che segue l’avevo redatto diverso tempo fa, subito dopo “Loro avevano le idee chiare”, del quale è in un cer[...]

  • il soledì

    Dalla parte della Luce. Sempre

    di Paolo Sizzi

    Non c’è modo migliore di salutare la definitiva dipartita di un disumano subumano come Riina con il ricordo di coloro che, per anni, si battero[...]

  • eretico

    Minniti: il ruggito del coniglio – Michele Rallo

    di Ereticamente

    Dove eravamo rimasti? Ah, si… Ai migranti che erano una risorsa e che stavano lavorando per noi: per fare i lavori che gli italiani non vogliono[...]

  • controstoria

    Il 18 Settembre 1943 nasceva la Repubblica Sociale Italiana. Le Brigate Nere di Alessandro Pavolini ne saranno l’anima popolare, idealistica e rivoluzionaria – Maurizio Rossi

    di Ereticamente

    La rilettura storica dell’esperienza della Repubblica Sociale Italiana – la cui nascita venne annunciata da Benito Mussolini il 18 Settembre 1943 [...]