Il ricordo e la memoria

Il ricordo e la memoria

Il 10 febbraio scorso si sono ricordate le foibe e l’esodo giuliano-dalmata dei nostri connazionali orientali. La ricorrenza cade nell’infausto giorno che riporta alla memoria la firma al trattato di pace parigino del 1947, con cui vennero assegnate agli Iugoslavi l’Istria e buona parte della Venezia Giulia storica, oltre alla Dalmazia. I massacri durarono dal 1943 al 1945 e oltre, considerando che la pulizia etno-culturale durò sino agli anni ’50, con tanto di liquidazione radicale dell’identità italiana in Dalmazia.

Mi sembra abbastanza palese che questo sia solo un contentino concesso agli Italiani dal proprio stato-colonia atlantista, principalmente preso dalle ricorrenze del più noto 27 gennaio e dall’ormai quasi centenaria sudditanza prestata con zelo ai padroni d’Oltreoceano, tesa a soddisfare ogni loro desiderio e capriccio.

La giornata della memoria del 27 gennaio, dedicata alle vittime ebraiche della cosiddetta Shoah, sembra assorbire tutte le forze della RI, tanto che i suoi media nazionali (si fa per dire) gareggiano nel proporre film, documentari, speciali e quant’altro in concomitanza con quella data, e oltre. Ormai, più che i giorni della merla, l’ultima settimana di gennaio richiama i giorni dell’Olocausto, come sogliono chiamarlo tutti quanti.

Il giorno del ricordo stabilito pel 10 di questo mese invece, non ha la stessa forza e la stessa suggestione: le vittime italiane ed europee sono di serie B al cospetto di quelle ebraiche, e non mi si venga a dire che sto facendo demagogia. Medesimo discorso vale invero per le vittime arabe: conosciamo a menadito i lager tedeschi ma quanti conoscono lugubri nomi come Deir Yassin, Sabra e Chatila, Qana? Giusto per citarne qualcuno, la lista delle porcherie israeliane è lunga.

Anche ricordo rispetto a memoria appare semanticamente più debole ed effimero, una scelta linguistica sicuramente voluta per sottolineare la preminenza del 27 gennaio. E non solo per questioni di calendario.

Ma si sa. La Shoah può contare sull’industria di Hollywood che, a ben vedere, ha creato un genere cinematografico ad hoc per soddisfare le esigenze degli Ebrei. Ogni anno vengono sfornate pellicole rigorosamente incentrate su nazionalsocialismo e Olocausto, per mantenere viva la memoria su quello che, a detta di molti nostrani servi, è il “male assoluto”. Vorrei però ricordare che un conto sono i nazionalsocialisti storici, un altro i nazzzisti romanzati degli Americani. Americani notoriamente ammalati di protagonismo e di messianismo, che li vedrebbe al centro di mille avventure intenti a combattere i nemici della pace, della libertà e dell’umanità, di cui loro sono strenui paladini (?).

Ma certo: Hiroshima, Nagasaki, Gorla, Dresda, i massacri del Vietnam, dell’Afganistan e dell’Iraq attestano questa innata filantropia statunitense.

Proprio vero che chi vince le guerre si inventa le balle che vuole, signori miei.

Come se non bastasse la smodata quantità di pellicola e carta dedicata alle vicende storiche (a volte torbide) intercorse tra il ’33 e il ’45 del secolo scorso (periodo storico che sembra essere l’unico mai avvenuto in tutta la storia del globo, visto che pare che certa gente abbia in testa solo quello), in soccorso degli Ebrei arrivano anche le liberticide leggine anti-revisioniste, che impediscono un sereno dibattito su quanto accaduto in quel periodo. La vulgata vuole, esige e pretende che si creda a quegli accadimenti manco fosse il Vangelo, senza il minimo dubbio e la minima esitazione, e chi si oppone proponendo uno studio senza paraocchi e pastoie viene bollato come criminale. Se questo non è dogmatismo!

In Germania chi “nega”, o meglio revisiona, finisce in galera, e la memoria va ai vari Stolz, Mahler, Fröhlich, Honsik, Zündel, Irving, ma anche a Faurisson e al nostrano Moffa.

A ben vedere, l’etichetta “negazionismo” è impropria, e coniata dai detrattori di questi studiosi, ed è meglio parlare di “revisionismo”, che poi riguarda anche le vicende belliche e resistenziali, visto che questa repubblica reputa intoccabili quegli avvenimenti, e guai a pensar male di badogliani, partigiani e Alleati.

Proprio la scorsa settimana, nonostante il 10 febbraio, si è fatto il primo decisivo passo in direzione anti-revisionista, stabilendo che chi non si piega supinamente alla vulgata può incorrere in un’aggravante della già esistente, e vergognosa, Mancino. Passo successivo sarà il reato vero e proprio.

Questa concomitanza mica deve stupire: agli Italiani il contentino del 10 febbraio, agli Ebrei la facoltà di denunciare e condannare tutti coloro che metteranno in dubbio la loro Shoah. Per chi non l’avesse ancora capito, i morti non sono tutti uguali, perché alcuni saranno sempre più uguali degli altri.

Ve lo immaginate il negazionismo delle foibe, o del genocidio armeno e greco ad opera dei Turchi, o quello arabo-palestinese a opera degli stessi Ebrei israeliani? Fantascienza. Nessuno si sognerebbe di sanzionare chi mette in dubbio il genocidio di popoli europei e indoeuropei, proprio perché rispetto a Ebrei o Americani valgono ben poco.

Altrimenti perché queste diversità di trattamento? Non venitemi a dire che è questione di numeri, perché i morti non dovrebbero essere discriminati in base al numero. Cosa inoltre falsa, perché ogni 11 settembre quelle 3 migliaia di vittime americane degli attentati del 2001 vengono ampiamente strumentalizzate per nuove crociate atlantiste contro il Medioriente islamico e il pericolo “nazifascista” di ritorno.

Chi vede NS e fascisti ovunque dovrebbe prima imparare a guardare il marcio che dilaga in casa sua; troppo comoda rievocare, a senso unico, vicende di settant’anni fa dimentichi dei crimini dell’altra parte. Ve le ricordate le marocchinate dei Francesi? E la Brigata Ebraica?

Voglio esprimere il mio più sincero ricordo nei confronti di chi venne trucidato dai partigiani comunisti di Tito, in combutta pure con quelli nostrani, perché fascista o più semplicemente, e frequentemente, perché italiano: distinguo regionali risuonano stucchevoli, ogni italofono avrebbe fatto una brutta fine trovandosi nel raggio d’azione dei criminali titini con la stella rossa.

Parimenti, esprimo vicinanza a chi è dovuto andarsene da casa sua, perché cacciato non solo dai rossi, ma pure dagli iniqui trattati di “pace” dei vincitori. Goriziano, Carso, Istria, Quarnaro sono terre assolutamente italiane, e anche l’illirica e veneta Dalmazia genuina è più vicina agli Italiani che ai Croati o agli Sloveni. Come gli stessi Albanesi.

Non dimentichiamoci mai di quei morti, di quegli sfollati, di quelle vittime dell’odio partigiano e della pulizia etnica iugoslava, perché il loro ricordo riposa in noi e solo in noi Italiani, assieme alla memoria da tramandare negli anni. Tutto quanto è attorno a noi, a partire dal nostro stato, che di italiano ha sempre meno, sarà sempre troppo preso da Hollywood, dal 27 gennaio, dalla propaganda israelo-americana.

E non dimentichiamoci mai che tutta la Venezia Giulia storica è italiana, bisognosa di irredentismo. Lo dobbiamo anche e soprattutto a quei morti, mai abbastanza ricordati e onorati, perché “solo” italiani.

Ave Italia!

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Etnonazionalismo

Pubblicato da Paolo Sizzi il 15 febbraio 2015

Paolo Sizzi

Lombardo orobico, Italiano, Europeo, classe 1984. Letterato, sulla Rete dal 2006, da sempre cultore di valori identitari e tradizionali. Senza rinnegare la formazione völkisch evolve il pensiero nell’Italianesimo Sangue e Suolo, coerente con un disegno etnonazionale federalista. Appassionato di antro-genetica, si definisce Nordomediterranide, fusione di elementi ario-italici/celtici con il sostrato ligure. E la Lombardia è proprio questo: una terra ligure e alpina arianizzata da Celti e Italico-Romani, e con un benefico tocco germanico.

Commenti

  1. lucio tassi

    Vede “l’Olocausto” e tutta la sua industria (termine coniato dall’ebreo Finklestein!), serve a colpevolizzare noi Europei, uomini bianchi e eterossesuali a farci vedere quanto siamo “bestie”, ad angelizzare il “diverso” (naturalmente in primis gli ebrei, poi i migranti, i gay, ecc..), quelli sì “Il Bene Assoluto”.
    Un’arma dei potentati economici, quella di far vedere a iosa i cadaveri dei lager nazisti, per rendere psicologicamente fragili le società europee, far accettare supinamente le migrazioni di massa, il meticciato, le “rivendicazioni” di pseudo-categorie, i gay, le femministe e altri personaggi da psichiatria, in quale grazie alla retorica su Auschwitz, si sentono vittime perenni, e quindi autorizzati a lanciare il loro odio abissale, verso tutti i valori della societa europea.
    Tutto questo,si intende, come forma di “espiazione”, il cui obiettivo finale è la società sradicata, liquida, decebrata,bisex, dove la cultura sta solo nell’angelizzazione del diverso e nel grande supermarket globale.
    Tra questi potentati economici ci sono molte lobby sioniste, e nulla mi toglie dalla testa, che la crisi economica scatenata, oltre all’assalto delle richezze nazionali, ci sia alla base anche uno spirito vendicativo da parte di queste lobby contro l’Europa.

Lascia un commento

    sosteneteci&cresciamo


  • evola a milano

  • associazione radici

  • evola

  • libreria ibis bologna

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • Adriano Dragotta in La dimensione dell’assurdo, il tempo del Rinoceronte – Roberto Pecchioli

      Scritto magnifico!... Leggi commento »

    • Elena in Il futuro modifica il passato: per una nuova visione del tempo - Emanuele Franz

      Ho letto tutti i libri del Franz. Ne cito solo... Leggi commento »

    • Lorenzo Peyrani in Il futuro modifica il passato: per una nuova visione del tempo - Emanuele Franz

      "What happens when a new work of art is created is... Leggi commento »

    • Lorenzo Peyrani in Il futuro modifica il passato: per una nuova visione del tempo - Emanuele Franz

      Bello, un libro in controcorrente pieno di stimoli... Leggi commento »

    • scienzanofantasciensapls! in La storia dei Siculi fin dalle loro origini - Recensione di Fabio Calabrese

      muhà....chissà perchè Claudio d'Angelo mi ricor... Leggi commento »

  • post Popolari

    archivio ereticamente

    Statistiche

    Tag

    Newsletter

  • a. dugin

    Uscire dal XX secolo. Un’idea nuova per il Terzo Millennio.  Per una Quarta teoria politica. – Roberto Pecchioli (5^ ed ultima parte)

    di Il Picchio

    “Chi ha rinunciato alla sua terra, ha rinunciato anche al suo Dio” (Fedor Dostoevskij- L’idiota) Capitolo IX Andare oltre Centro e periferia Il [...]

  • populismo

    Osservazioni sul populismo – Fabio Calabrese

    di Fabio Calabrese

    NOTA: L’articolo che segue l’avevo redatto diverso tempo fa, subito dopo “Loro avevano le idee chiare”, del quale è in un cer[...]

  • il soledì

    Dalla parte della Luce. Sempre

    di Paolo Sizzi

    Non c’è modo migliore di salutare la definitiva dipartita di un disumano subumano come Riina con il ricordo di coloro che, per anni, si battero[...]

  • eretico

    Minniti: il ruggito del coniglio – Michele Rallo

    di Ereticamente

    Dove eravamo rimasti? Ah, si… Ai migranti che erano una risorsa e che stavano lavorando per noi: per fare i lavori che gli italiani non vogliono[...]

  • controstoria

    Il 18 Settembre 1943 nasceva la Repubblica Sociale Italiana. Le Brigate Nere di Alessandro Pavolini ne saranno l’anima popolare, idealistica e rivoluzionaria – Maurizio Rossi

    di Ereticamente

    La rilettura storica dell’esperienza della Repubblica Sociale Italiana – la cui nascita venne annunciata da Benito Mussolini il 18 Settembre 1943 [...]