fbpx
,

Suri: l’Apollo nero degli Etruschi

Suri: l’Apollo nero degli Etruschi

di Paola Di Silvio

Tra le divinità senza dubbio più sfuggenti e, in quanto tali, più suggestive del pantheon etrusco, figura Suri, numen dai molteplici aspetti, la cui complessità è comprovata dalle diverse identificazioni con divinitàpiù note del mondo greco e romano. Il suo carattere ctonio, sotterraneo, è denunciato già dal nome. Come ha ampiamente dimostrato Giovanni Colonna, in uno dei suoi studi, la forma base, Sur, è traducibile come “il Nero”, mentre la forma derivata, Suri, sta a significare “quello del Nero” o “quello che è nel Nero”, dove “Nero” va interpretato in senso spaziale, in riferimento ad un luogo, che è ovviamente da identificare con l’Ade, l’Orcus dei Latini. Il fatto che il dio fosse indicato in modo indiretto, con un giro di parole, stava ad indicare la sua innominabilità.

Anche in Grecia gli dei degli inferi, funesti e vendicatori, non venivano quasi mai chiamati con il loro nome, ma solo con epiteti, per non attirare troppo la loro attenzione con un’evocazione diretta. Quindi un dio terribilis, dell’oscurità, a cui venivano spesso offerti lingotti di piombo fuso, un metallo che, nonostante si presentasse di colore chiaro, era chiamato dai Latini plumbum nigrum. In onore di Suri, venivano eretti cippi in basalto o pietra vulcanica, di color nero, bluastro o verde cupo, recanti il segno di un fulmine, simbolo del potere del dio sugli elementi della natura. Allo stesso tipo di potere facevano riferimento le offerte di frecce e giavellotti, ritrovati nei santuari a lui dedicati. L’interpretatio graeca come Apollo, attestata per Pyrgi da Eliano e ripetuta per l’omologo falisco del Pater Soranus del Monte Soratte da Virgilio e da iscrizioni votive latine, si fonda anche su questo tipo di offerte, evocanti ad occhi greci il dio arciere e punitore per eccellenza.

L’assimilazione di Suri, nero e funereo, ad Apollo, divinità solare e luminosa, deve essere stata determinata anche dalla tutela di entrambe le divinità sull’arte della divinazione, la cui massima espressione si era avuta in tutto il Mediterraneo attraverso l’oracolo di Delfi.Le capacità oracolari di Suri, sono compravate dal ritrovamento, in connessione con il suo culto, di astragali e sortes, utilizzati per predire il futuro. E’ stata sottolineata anche l’assonanza con l’epiteto Sourios dell’Apollo di un oracolo licio, quello di Sura, celebre per l’ittiomanzia, che vie era praticata. Il culto di Suri ha numerose attestazioni in Etruria. La più importante riguarda un sacello della cosiddetta Area sud del complesso sacrale di Pyrgi, porto di Caere, dove era venerato insieme a Cavtha, con cui formava una coppia infernale, corrispondente a quella classica di Ade e Persefone.DSC_0109

La stessa coppia la ritroviamo nel santuario della Cannicella di Orvieto, sul sarcofago di Torre San Severo e in alcune tombe dipinte orvietane, tarquiniesi e vulcenti (Golini I, Orco II e Campanari), dove talvolta è accompagnata dai nomi di Aita e Phersipnai, invece assenti nelle iscrizioni votive. Un culto a Suri è attestato anche a Tarquinia, in questo caso in coppia con Selvans, ad Orvieto, nel santuario del Belvedere e ad Arezzo, dove il suo nome compare su un gettone oracolare. Da Suri derivava anche il nome dell’Apollo dei Falisci, il Pater Soranus, al quale era consacrato il Monte Soratte e che era venerato dagli Hirpi Sorani, i famosi sacerdoti vestiti di pelli di lupo. La natura ctonia, sotterranea, del dio, indusse il popolo etrusco a collegarlo anche alla presenza di acque calde, vapori ed esalazioni sulfuree, dagli antichi interpretati come manifestazioni magiche e divine. Nell’area viterbese e dei Monti Cimini tali manifestazioni erano assai presenti e pertanto alcuni toponimi di questo comprensorio, come Soriano e Musarna, contengono inequivocabilmente il nome di Suri e fanno a buon diritto ipotizzare che tutta l’area fosse consacrata a questa divinità, che in zona ebbe poi una identificazione più tarda con Eracle-Ercole, eroe greco da sempre collegato a contesti cultuali caratterizzati dalla presenza di acque sorgive. Anche il centro più importante di tutta l’area cimina, quello che nel Medioevo diventerà Viterbo (Vetus urbs), lega le sue origini in maniera indissolubile al culto di Suri. In una serie di epigrafi latine, datate tra l’età augustea e il II sec. d.C., rinvenute nel territorio viterbese, vengono citati gli etnici Sorrinenses e Sorrinenses Novenses, che consentono di ipotizzare l’esistenza di una città etrusca, Surina, che la tradizione storico-erudita vorrebbe ubicata a Viterbo, sul colle del Duomo, rifondata in età romana con il come di Sorrina Nova. Si tratterebbe di un nome teoforico, ossia derivato da una divinità, Suri, a cui è stato aggiunto il suffisso aggettivale “-na”, e quindi traducibile come “la città di Suri”. Evidentemente le numerose manifestazioni termali della zona, risorsa che determinerà in epoca romana la costruzione di sontuosi impianti per lo sfruttamento dei benefici della acque sulfuree, avevano convinto gli Etruschi che il dio avesse quasi scelto quel territorio come sua principale dimora. Anche in questo contesto a Suri era dedicato un culto di tipo oracolare, comprovato dal ritrovamento nel territorio viterbese (loc. Cipollara) di una sors cleromantica, una lastrina rettangolare di bronzo (10x 1 cm), con incisa una breve iscrizione in cui compare il nome del dio e un aggettivo che ne qualifica i poteri. La lastrina attribuibile al IV-III sec. a.C., oggi conservata nel Museo di Villa Giulia a Roma, era usata per conoscere il futuro e la volontà divina.

Rarissime sono infine le immagini note del dio. Di fatto l’unica a lui ascrivibile è quella che presentano due antefisse sporadiche di Vulci (IV-III sec. a.C), che ne raffigurano la testa con un fulmine tra di denti. Dobbiamo immaginare, come nel caso del nome, che la sua natura rendesse deprecabile qualsiasi tipo di evocazione, sonora o iconografica.

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Etruschi

Pubblicato da Ereticamente il 18 novembre 2014

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Commenti

  1. filippo

    L’affermazione che in questi ultimi decenni sta consacrando una tradizione un po’ azzardata , che afferma che sul colle del duomo di Viterbo , l’attuale cattedrale sia sorta su un precedente tempio , detto di Ercole , attualmente si basa soltanto su uno storico viterbese che riporta di aver letto uno scritto di un monaco medievale il quale a sua volta dichiara di aver letto su una pietra di fondazione del tempio stesso la dedica al tempio ( con una epigrafe , ovviamente in latino , del tipo : ” questo è il tempio dedicato ad Ercole ” ) . La tesi sa tanto di leggenda e in questi ultimi anni la notizia si sta diffondendo un po’ troppo rapidamente senza una logica precisa se non quella di dare valenza ad una città . Per questo motivo sarebbero tanto attesi i rilievi topografici delle fondamenta della cattedrale del duomo e le conseguenti risorse da stanziare per le sonde ultrasuoniche a scansione per sondare il terreno della piazza .

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • Bologna 9 febbraio

  • napoli 16 marzo 2019

  • siamo su telegram

  • speciale evola

  • iniziazione e tradizione

  • tradizione classica

  • tradizione

  • emergenza vaccini

    Ereticamente intervista il dott. Stefano Montanari, a cura di Roberta Doricchi

    di Ereticamente

    – Possiamo cominciare con l’intervista rilasciata dalla nostra ministra della salute alla rivista Vanity Fair [https://www.vanityfair.it/news/poli[...]

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • Catone in Davvero vogliamo favorire chi ci vuole annientare? – Francesco Lamendola

      Veramente un ottima analisi, non inficiata da sche... Leggi commento »

    • Loris in Rinascenza classica: sorge un nuovo Tempio dedicato ad Apollo

      Ottima notizia... Leggi commento »

    • Daniele Bettini in Una Ahnenerbe casalinga, ottantaseiesima parte – Fabio Calabrese

      Gli scienziati confermano: trovate le tracce di At... Leggi commento »

    • Anton in Pavolini dopo l’8 settembre: è davvero un enigma? – Francesco Lamendola

      Un punto, secondo me, importante: Non sono d'ac... Leggi commento »

    • Palingenius in La messa “in sonno” del Tradizionalismo e la Nuova Destra 2.0 - Massimo Salvatori

      Anche se non condivido al 100% l'impostazione dell... Leggi commento »

  • post Popolari

    archivio ereticamente

    Statistiche

    Tag

    Newsletter

g. casalino

c. bene

J. Thiriart

m.houellbecq

a. dugin