Quando non capisco divento nervoso

Quando non capisco divento nervoso

Il barbuto vestito di nero (nome impronunciabile e ancor meno ricordabile), che ha proclamato il “califfato” in medio oriente, è un personaggio curioso. E’ saltato fuori che era prigioniero a Guantanamo, con la tuta arancione. Prigioniero per quattro anni.

Poi è stato “rilasciato” dagli americani. E comincio a non capire. Soprattutto quando riappare in Siria e comincia a mettere insieme i vari pezzi del cosiddetto “estremismo islamico”. In Siria i cosiddetti ribelli al regime di Assad figlio comprendono almeno esponenti di venti etnie diverse del Medio Oriente. E sono armati, chissà per quali vie, di armi sofisticate, per lo più di fabbricazione americana. E continuo a non capire.

Poi salta fuori, quasi di straforo, una notizia che stupisce. Israele ha commissionato a due ditte americane delle prospezioni idrogeologiche nel Mediterraneo. Ed è risultato che dalle foci del Nilo fino alla Grecia vi siano due importantissimi giacimenti di gas e un altrettanto importante giacimento di petrolio. 9.5 miliardi di metri cubi di gas e circa 8 miliardi di barili di greggio, si stima. Almeno come primo acchito. Anche l’Italia ne ha una piccola percentuale.

Improvvisamente, nello spazio di 45/50 giorni scoppia la “primavera araba”, dall’Iran (subito fermata) alla Turchia (ferma reazione), all’Egitto (colpo di stato dei Militari), alla Siria (guerra civile in atto), alla Libia (caos tribale, per eufemismo), alla Tunisia (tranquillizzato, per ora). Ci hanno provato anche in Mali, ma la presenza di 3000 parà della legione Straniera Francese ha dissuaso le teste calde estremiste, non prima però che riuscissero a distruggere una enorme quantità di reperti archeologici a Timbuctù. Come sempre.

Ora stiamo assistendo all’allargarsi dell’occupazione dei miliziani dell’ISIS di frazioni di territorio a cavallo di Siria ed Iraq. Sono pesantemente armati, e con mezzi sofisticati. Da dove arrivano tali armi? Continuo a non capire.

Ora vediamo un po’: prima per gli yankee  il siriano Assad era il nemico giurato, probabilmente il prossimo ad essere fatto fuori, come Saddam Hussein, come Gheddafi, come Mubarak. Però in Siria c’è una basa navale della Marina da Guerra Russa. Obama ha dovuto rinunciare: Putin ha tolto la ruggine dai missili ed ha dimostrato di non tollerare ingerenze altrui (quando la Georgia, sobillata da agenti della stella a sei punte, ha cominciato a starnazzare, dopo un paio di avvertimenti, il Cremlino ha mandato le divisioni corazzate ed in tre giorni ha ristabilito la situazione. Che, in soldoni, vuol dire: “il petrolio ed il gas di Baku, del Caspio e del Caucaso è roba nostra. Giù le mani”).

In Siria i servizi americani ed israeliani hanno allora armato una miscellanea di teste calde ed è cominciato il macello: oltre duecento mila morti.

Ora è la volta dell’ISIS, il califfato da crearsi. Sarebbe interessante sapere da dove arrivano le armi che i tagliagole posseggono, e chi dà loro i fondi. I Paesi del Golfo, per tenere i pasticci lontano da casa propria? Può essere, ma è una risposta parziale e non esaustiva. Di più i tagliagole hanno dimostrato la vera faccia dell’islam quando ha un minimo di forza. La mattanza per loro è un piacere, in cui cercano di sfogare secolari frustrazioni.

Alle teste di birillo americane il giochetto è sfuggito di mano, ed ora, sotto la spinta della pubblica opinione, Obama deve bombardare un po’ quelli che credeva di poter usare. Schizofrenia politica yankee.

E continuo a non capire.

Prima il regime siriano era il cattivo. Oggi si deve bombardare i suoi ribelli. Prima dei Curdi non fregava nulla a nessuno, oggi si mandano loro armi in funzione anti ISIS.

Ovunque mettano mano gli americani fanno pasticci epocali. Afghanistan, Iraq, Siria, Libia, per citare gli ultimi esempi. Con alcuni servitori sciocchi Europei che li seguono a ruota: Inghilterra e Francia, ad esempio.

Converrete con me che il quadro ha una lettura difficile, quasi incomprensibile. Di qui i nervi che facilmente si ribellano.

Poi la chiave di lettura si illumina: basta fare un passo indietro e considerare tutta la faccenda come in un unico quadro strategico.

Gli yankee sanno che il loro impero sta per finire. Vogliono prolungarlo. Solo con guerre possibilmente delocalizzate e lontane da casa possono provarci. Cosa c’è di meglio che scatenare le popolazioni islamiche contro l’odiata Europa? Lucrare sul petrolio, fungere da gendarme mondiale, mettere in crisi prima il Mediterraneo, poi il Vecchio Continente (non a caso bombardarono la Serbia!), impedire che le “province” del loro impero (i Paesi Europei) si affranchino e si rendano indipendenti, in tutti i sensi: questa è la strategia degli SUA, col loro servo-padrone Israele al fianco.

I gas che Saddam usò contro i Curdi era americano; le armi dei “ribelli” siriani sono americano, le armi ed i dollari dell’ISIS sono americani……

L’Ukraina stessa è stata sobillata da un ebreo, Soros, al servizio della potentissima banca ebrea Goldman Sachs: finanziò i manifestanti di Kiev che fecero deporre il legittimo Presidente Ucraino ed insediarono un governo fantoccio, presieduto da un ebreo. Lo scopo non dichiarato era duplice: creare un punto di crisi con la Russia, per aver mano libera con l’islam, e costringere Putin a chiudere i rubinetti del gas, per vendere ad un Europa infreddolita a carissimo prezzo l’energia a stelle e strisce. Un viaggio, due servizi.

Vista così la scena mondiale ha un senso ed una chiave di lettura abbastanza credibile e verosimile.

Solo che dalla crisi di nervi sono passato all’incazzatura più nera.

Fabrizio Belloni

Cell. 348 31 61 598

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Attualità, Cogitamenti, Esteri

Pubblicato da Ereticamente il 8 settembre 2014

Ereticamente

“La visione del mondo non si basa sui libri, ma su di una forma interiore e su una sensibilità, aventi carattere non acquisito, ma innato. Si tratta essenzialmente di una disposizione e di un atteggiamento, non già di teoria o di cultura, disposizioni che non concernono il solo dominio mentale ma investono anche quello del sentire e del volere, informano il carattere, si manifestano in reazioni aventi la stessa sicurezza dell’istinto, danno evidenza ad un lato significato dell’esistenza. (…) Se la nebbia si solleverà apparirà chiaro che è la visione del mondo ciò che, di là da ogni cultura, deve unire o dividere tracciando invalicabili frontiere dell’anima: che anche in un movimento politico essa costituisce l’elemento primario, perché solo una visione del mondo ha il potere di cristallizzare un dato tipo umano e quindi di dare un tono specifico ad una data Comunità.”

Commenti

  1. Più che ottima: eccellente riflessione, che mette in luce tutto quanto i pennivendoli di regime tentano di non far emergere sui tiggì e sulla carta igienica stampata. Solo su un punto sarei critico: Israele “servo-padrone” degli USA. Ora, a meno di non voler fare della metafisica, tirando in ballo Hegel, nei rapporti con uno stesso soggetto non si può essere entrambe le cose.

  2. Servo-padrone è una apparente contarddizione, concordo. Vorrebbe essere una sintesi: servo per armamenti e protezione politica ufficiale, padrone per capacità e possibilità ricattatorie che la lobby giudaica da sempre esercita sui presidenti SUA. Comunque uno schifo

Lascia un commento

    sosteneteci&cresciamo


  • solstizio pietas

  • libreria ibis bologna

  • evola

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • DAmod1 in L'eterna polveriera mediorientale e il ruolo dell'Europa

      ... dietro l’occupazione militare sionista della... Leggi commento »

    • Daniele Bettini in Etica, politica, religione – Fabio Calabrese

      C'è ancora molto da svelare sul vero significato ... Leggi commento »

    • GiulioF in Aveva ragione Marx, dopotutto... - Roberto Pecchioli

      https://youtu.be/N7Lt-kHqVIw Lo dice con franch... Leggi commento »

    • DAmod1 in Minniti: il ruggito del coniglio – Michele Rallo

      ... quanta ipocrisia c'è dietro il diritto umanit... Leggi commento »

    • DAmod1 in Aveva ragione Marx, dopotutto... - Roberto Pecchioli

      Se sapessi scrivere quello che penso, scriverei es... Leggi commento »

  • post Popolari

    archivio ereticamente

    Statistiche

    Tag

    Newsletter

  • a. dugin

    Uscire dal XX secolo. Un’idea nuova per il Terzo Millennio.  Per una Quarta teoria politica. – Roberto Pecchioli (5^ ed ultima parte)

    di Il Picchio

    “Chi ha rinunciato alla sua terra, ha rinunciato anche al suo Dio” (Fedor Dostoevskij- L’idiota) Capitolo IX Andare oltre Centro e periferia Il [...]

  • populismo

    Osservazioni sul populismo – Fabio Calabrese

    di Fabio Calabrese

    NOTA: L’articolo che segue l’avevo redatto diverso tempo fa, subito dopo “Loro avevano le idee chiare”, del quale è in un cer[...]

  • il soledì

    L’eterna polveriera mediorientale e il ruolo dell’Europa

    di Paolo Sizzi

    Se non fosse che dietro l’occupazione militare sionista della Palestina ci sono tutti gli sporchi interessi turbo-capitalistici dell’imper[...]

  • eretico

    Minniti: il ruggito del coniglio – Michele Rallo

    di Ereticamente

    Dove eravamo rimasti? Ah, si… Ai migranti che erano una risorsa e che stavano lavorando per noi: per fare i lavori che gli italiani non vogliono[...]

  • controstoria

    Il 18 Settembre 1943 nasceva la Repubblica Sociale Italiana. Le Brigate Nere di Alessandro Pavolini ne saranno l’anima popolare, idealistica e rivoluzionaria – Maurizio Rossi

    di Ereticamente

    La rilettura storica dell’esperienza della Repubblica Sociale Italiana – la cui nascita venne annunciata da Benito Mussolini il 18 Settembre 1943 [...]