Le primarie come miss Italia: aspettando le telefonate da casa

Le primarie come miss Italia: aspettando le telefonate da casa
di Michele Rallo

Io non amo le primarie. Le considero un penoso scimmiottamento delle abitudini elettorali americane, che in Italia servono soltanto a ricoprire con un pietoso velo lo spaventoso vuoto d’idee dei partiti di casa nostra. In un partito che si rispetti — ricordava Nino Marino qualche settimana fa — il candidato alla guida del Governo viene scelto dagli iscritti, dalle sezioni, dai quadri dirigenti, non certo da chiunque si trovi a passare davanti a un banchetto da fiera: un “chiunque” spesso del tutto estraneo alla vita del partito e talora, addirittura, elettore di un partito rivale. E passi per la scelta del candidato premier… Ma al PD sono arrivati al punto di scegliere con le primarie addirittura il loro Segretario Nazionale. Ci rendiamo conto di quale vetta di ridicolo sia stata raggiunta? Far eleggere il capo di un partito politico dall’uomo della strada, se non addirittura — come forse sta avvenendo in questi giorni — dagli avversari.

In realtà, le primarie sono una specie di concorso di Miss Italia della politica: servono a scegliere — come con le telefonate del pubblico — il più grazioso, il più accattivante, il più bamboleggiante dei candidati. E se questo candidato avesse soltanto una parlantina convincente e nessuna proposta di peso, poi, la cosa non avrebbe soverchia importanza.

Prendete Renzi, per esempio. Non c’è dubbio che riesca simpatico, che quando appare in tv “buchi il video”; come, a suo tempo, Gianfranco Fini. Rispetto a Fini, però, il Sindaco di Firenze ha una marcia in più: la promessa di un cambiamento radicale, di una “rottamazione” della vecchia politica. E alla gente piace l’idea di poter voltare pagina, di mettere punto e andare a capo. Nessuno, tuttavia, sembra essersi posto il problema di comprendere in che modo il buon Matteo pensi di sfasciare tutto e, soprattutto, di costruire poi qualcosa di meglio rispetto al passato.

Io so cosa vuol fare Renzi: ha un piano di privatizzazioni e dismissioni che farebbe invidia a Mario Monti (vedi articolo su “Panorama” di questa settimana: «Quanto ci costerebbe Matteo»). Ma non voglio farmi condizionare dalle mie idee (sono un inguaribile statalista), ed ho perciò ripiegato sulle dichiarazioni “elettorali” del rottamatore fiorentino che campeggiano sui quotidiani di oggi (domenica 1° dicembre). Sulla prima pagina di “Repubblica”, per esempio, fa bella mostra di sè un titolone su 5 colonne: «Renzi, ultimatum a Letta». C’è di che far tremare le vene ai polsi, mi son detto, e sono andato a leggere il sommarietto: «Un patto con Letta per arrivare al 2015. Con tre punti qualificanti: riforme, lavoro ed Europa.» Avete capito il grande innovatore? Ha un programma perfettamente sovrapponibile a quello di Enrico Letta: riforme, lavoro ed Europa. A questo punto, ci spieghi perché sta facendo tutto questo casino: per prendere il posto di Epifani (che vuole riforme, lavoro ed Europa) come trampolino di lancio per soffiare la sedia a Letta (che vuole riforme, lavoro ed Europa).


Il mio personale parere? Riforme: non ne frega niente a nessuno, almeno in questo momento. Lavoro ed Europa: sono una contraddizione in termini; perché, fino a quando resteremo in Europa, non potrà esserci aumento dei posti di lavoro. L’Unione Europea vuole che licenziamo pure le scope. Ma Renzi non l’ha capito. Esattamente come Epifani, esattamente come Letta. E allora, a che serve cambiare cavallo, se la carrozza rimane sempre la stessa?
Print Friendly
Categorie: Attualità, Interni, PD, Politica, Primarie, Rallo

Pubblicato da admin il 6 dicembre 2013

Lascia un commento

    alza la barricata


  • palermo 13 maggio 2017

  • le interviste

    EreticaMente intervista Vittorio Sgarbi

    di Ereticamente

    Sabato 15 aprile, Vittorio Sgarbi, ospite di CasaPound Parma per la presentazione del suo libro “Dall’ombra alla luce”, è stato in[...]

  • il soledì

    I fondamentali pilastri del culto nazionale della Patria italo-romana

    di Paolo Sizzi

    L’antropologo friulano Carlo Tullio-Altan, sulla scorta della lezione mazziniana, studiò a fondo la questione della religione civile che gli I[...]

  • polemos vol. 3

  • poesia iniziatica

    Cantiche alla Musa – recensione a cura di Stefano Mayorca

    di Ereticamente

    La Déa, il contatto con l’isiaca matrice femminea, frutto di ancestrali memorie, sopita nelle profondità dell’Essere, mai estinta  ma viva nell[...]

  • civiltà romana

    EreticaMente intervista il prof. Maurizio Bettini – a cura di Luca Valentini

    di Luca Valentini

    Maurizio Bettini, classicista e scrittore, insegna Filologia Classica nella Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Siena, dove ha f[...]

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • Fabio Calabrese in Silvano Lorenzoni: Itinerari d'oltretomba e altri cinque saggi sciolti

      Caro Antonio: in senso lato, lei ha ragione, ma bi... Leggi commento »

    • Antonio in Silvano Lorenzoni: Itinerari d'oltretomba e altri cinque saggi sciolti

      La formula einsteiniana è certamente pressapochis... Leggi commento »

    • Fabio Calabrese in Il trionfo della stupidità – Fabio Calabrese

      MAry, lì con un Q. I. medio di 70, di poveri di s... Leggi commento »

    • Fabio Calabrese in Il trionfo della stupidità – Fabio Calabrese

      MAry, lì con un Q. I. medio di 70, di poveri di s... Leggi commento »

    • Etica in Scoprire il Risorgimento ∼ 1a parte

      Maria Cipriano, cercare di dimostrare che il Risor... Leggi commento »

  • post Popolari

    archivio ereticamente

    Statistiche

    Tag

    Newsletter

  • a. dugin

    Uscire dal XX secolo. Un’idea nuova per il Terzo Millennio.  Per una Quarta teoria politica. – Roberto Pecchioli (5^ ed ultima parte)

    di Il Picchio

    “Chi ha rinunciato alla sua terra, ha rinunciato anche al suo Dio” (Fedor Dostoevskij- L’idiota) Capitolo IX Andare oltre Centro e periferia Il [...]

  • populismo

    Elogio ragionato del populismo, 2^ parte – Roberto Pecchioli

    di Ereticamente

    Il rasoio di Occam populista Quello che sembra sfuggire alle analisi di sociologi e politologi, e che è a monte dell’insorgenza populista c’è il[...]

  • storia

    1918: Il tradimento degli alleati contro l’Italia – Michele Rallo

    di Michele Rallo

    Avevamo vinto la guerra, ma era come se l’avessimo persa   Non si erano ancora fermati gli ultimi combattimenti della Grande Guerra, che già gli [...]

  • eretico

    2016: un anno che ha cambiato la storia del mondo – Michele Rallo

    di Ereticamente

    E così è finito anche questo particolarissimo 2016. Quando sarà studiato sui libri di storia, probabilmente sarà indicato come l’anno che ha seg[...]

  • poesia

    Poesia operativa, strumento di trasmutazione – Vittorio Varano

    di EreticaMente

    Nell’affrontare il problema di dover fornire una rappresentazione figurativa del tempo, i pensatori si dispongono in due grossi schieramenti con[...]