fbpx
,

Grillo è contro l’Europa: ecco perché mi piace

Grillo è contro l’Europa: ecco perché mi piace
di Michele Rallo

Non ho votato Grillo alle scorse elezioni, ma solamente per un fatto sentimentale: fino a quando sulla scheda elettorale sarà pre­sente un simbolo che si ricollega al mio mondo (nella fattispecie La Destra di Storace) il mio voto andrà a quel simbolo. Non ho votato Grillo — dicevo — ma lo avrei fatto certamente se, in­vece che al sentimentalismo, avessi obbedito alla mia razionalità. E ancor più lo voterei oggi, quando l’uomo del­lo tsunami viene attaccato a testa bassa dal circo mediatico del miliardario Carlo De Benedetti (tessera n.1 del PD), in sorprendente alleanza con i media vicini al miliardario-rivale Sil­vio Berlusconi (padre-padrone del PDL).
Che cosa si rimprovera a Beppe Grillo?

Ufficialmente, di avere preso tanti voti “di protesta”, ma di non es­sere in grado di trasformare quei voti in una concreta azione di governo. Nella sostanza, invece, quello che i media influenzati dal gruppo De Be­nedetti (e qui Berlusconi non c’entra) imputano all’ex comico, è di non offrire graziosamente i voti che servirebbero a Pierluigi Bersani per coronare il suo sogno proibito: fare il Presidente del Consiglio. Ma per quale caspita di mo­tivo Grillo dovrebbe suicidarsi in que­sto modo? Risposta del gran circo con­formista: perché l’Italia ha bisogno di un governo purchessia, senza il quale l’Unione Europea, il Fondo Monetario Internazionale e i mercati ci amereb­bero di meno o non ci amerebbero af­fatto.
E, a riprova, ecco che lo spread si impenna e che le agenzie di rating ci declassano ulteriormente. Piccolo par­ticolare che sfugge ai padroni dell’in­formazione: Bersani vuol fare un go­verno che “mantenga gli impegni con l’Europa”. Cioè, tradotto dal politichese in italiano corrente: che continui nel solco tracciato da Monti, riducendo di 5 miliardi di euro ogni anno — e per vent’anni — il nostro debito pubblico (Trattato di Stabilità Finanziaria), con­segnando agli organismi europei i 125 miliardi di euro previsti dal Meccani­smo Europeo di Stabilità soltanto per i prossimi cinque anni, e reperendo i sol­di — che non abbiamo — facendoceli prestare dalla speculazione finanziaria e/o aumentando tasse e macelleria so­ciale.
Tutte cose — i fondamentali del Bersani-pensiero — che sono l’esatto opposto del programma dello spari­gliatore ligure: Grillo vuol farci uscire dall’Unione Europea, vuole che l’Italia si riappropri della propria sovranità monetaria, vuole che smettiamo di in­debitarci sempre di più con gli usurai internazionali.
Stando così le cose, per quale arcano motivo dovrebbe dare i suoi voti a chi vuole fare l’esatto opposto? Risposta della sinistra finanziaria: per dare un governo all’Italia e per evitare che si torni alle urne nel giro di sei mesi. Alle urne, forse, si tornerà; ma un governo più o meno provvisorio, più o meno di coalizione — purtroppo — lo faranno co­munque, magari un governo di salute pubblica presieduto da un sinistro illu­minato: chessò… un Prodi, un Amato, un Passera, o un qualsiasi altro tecnico benvoluto dai mercati. Ma, se così non dovesse essere, per l’Italia sarebbe cer­tamente meglio: meglio sei mesi di cri­si che venti anni di progressivo stran­golamento economico e sociale. Me­glio la razionale protesta di Grillo che il tragico europeismo di Monti e dei suoi eredi.

Nota di Ereticamente

Ringraziamo l’Autore e il periodico Social (Settimanale indipendente di Trapani) per la gentile concessione

Print Friendly, PDF & Email
Categorie: Attualità, Economia, Elezioni, Europa, Finanza, Governo, Grillo, Politica, Rallo

Pubblicato da admin il 15 Marzo 2013

Commenti

  1. Anonymous

    Mi scusi ma non ho capito perchè considera il movimento ‘La Destra’ ricollegarsi al suo mondo? Forse perchè Storace è stato per tanti anni autista di quella macchietta di Gramazio? Forse perché è sempre stato un caloroso sostenire della linea sionista di AN? Mi spiega perchè chi si riconosce in una linea politica nazional-popolare dovrebbe poi riconoscersi parte di una divisione interna al sistema borghese ( Destra et Sinistra)i cui organi fanno ancora di tutto per distruggerci e coprirci di menzogne?

  2. http://www.youtube.com/watch?v=ovHGbm5_4Bo

    fino a quando i politici non saranno tutti smascherati.

Lascia un commento

    Fai una donazione


  • Reggio c. 26 gennaio

  • Bologna 9 febbraio

  • napoli 16 marzo 2019

  • Fiume Città Sacra

  • magia

  • siamo su telegram

  • Cartagine vs Europa

    Cartagine contro l’Europa: dibattito storico – filosofico sul destino dell’Europa

    di EreticaMente

    Evento organizzato da Ereticamente, dall’Ass. Nova Romanitas, dalle Edizioni Arktos, dalle Edizioni Edit@, dalle Edizioni Rebis, presso la Libre[...]

  • speciale evola

  • emergenza vaccini

    Ereticamente intervista il dott. Stefano Montanari, a cura di Roberta Doricchi

    di Ereticamente

    – Possiamo cominciare con l’intervista rilasciata dalla nostra ministra della salute alla rivista Vanity Fair [https://www.vanityfair.it/news/poli[...]

  • post Popolari

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • Anton in Fascismo e Massoneria, storia di rapporti complessi - 7^ parte - Luigi Morrone

      Scusate, non ho capito: io ho sempre saputo che Li... Leggi commento »

    • stelvio dal piaz in Fascismo e Massoneria, storia di rapporti complessi - 7^ parte - Luigi Morrone

      voglio precisare che Almirante, nella parte prepar... Leggi commento »

    • enrico.andreoli in Geroglifici ed ermetismo di Sir Thomas Browne: l’ultimo libro di Roberto Calasso - Giovanni Sessa

      Ottima recensione.... Leggi commento »

    • Luigi Morrone in Richard Wagner o della Tradizione Vivente – 1^ parte – Alfonso Piscitelli

      Ottima analisi... Leggi commento »

    • umberto bianchi in Tra Esoterismo e Filosofia: Rudolf Steiner – Umberto Bianchi

      Rispondendo alle note critiche del sigr. Franco. N... Leggi commento »

  • archivio ereticamente

    Statistiche

    Tag

    Newsletter

g. casalino

c. bene

J. Thiriart

m.houellbecq

a. dugin