Paganesimo in lutto

Paganesimo in lutto

Il 26 giugno del 363 a Maranga in Mesopotamia moriva l’Imperatore Romano FLAVIO CLAUDIO GIULIANO, passato alla storia, per rozza imposizione cristiana, come l’Apostata, per aver ripudiato il cristianesimo impostoGli con la violenza sin da piccolo ed essersi dichiarato Pagano nella maturità.

Egli fu il più grande Restauratore del Paganesimo della Storia, in un periodo in cui rifiutare deità del Sinai, Yhavèh e Gesù e rimanere fedeli agli Dei Indoeuropei significava la morte, spesso tra torture stomachevoli. Il ridicolo termine “apostata” dedicatogli dai cristiani non fu applicato all’assassino Costantino, che da Pagano divenne cristiano in punto di morte. Assassino perché trucidò la propria moglie (incinta!…) ed il proprio figlio Crispo .

I cristiani lo trasformarono in “santo”.


Disperata fu l’azione politica e religiosa di Flavio Claudio Giuliano, poiché il comunismo delle anime evanglico ed il democraticismo cripto bolscevico del cristianesimo avevano inesorabilmente minato lo Stato Pagano Romano e distolto il suo Popolo dagli Dei Protettori della Romanità.

L’impressionante odio che il cristianesimo dell’epoca nutriva contro ROMA IMPERIALE -il disprezzo per ROMA ora è tipico dei cristiani leghisti – serpeggiava ovunque, ed il paragone con Roma come Prostituta era tra i più educati per gli scrittori fedeli al difensore della TORA’, Cristo.

L’Imperatore cercò nel suo brevissimo tempo di governo, di ripristinare e difendere il Culto degli Dei, poiché l’aristocrazia Romana, quasi totalmente ancora Pagana, vedeva il democraticismo e cosmopolitismo cristiano il seme distruttore dell’Impero. I cristiani –quelli si coerenti- si rifiutavano di prendere le armi per la difesa dell’Impero perché “il loro regno non è di questo mondo” e “porgevano l’altra guancia”.

Poi, sappiamo di cosa furono capaci nella Storia di compiere sulle carni innocenti dei Popoli. Basti pensare che il primo campo di concentramento della Storia, sorse a Skytopolis in Siria nel 359 d.C. ad opera dei cristiani: qui venivano concentrati i Pagani per la tortura e l’esecuzione.

UNA VERGOGNA NON RICORDARLO.

Giuliano ripropose nelle scuole dell’Impero lo studio della Filosofia con riferimento alla Spiritualità Pagana, il ripristino dei Culti Pagani ed il ritorno delle Statue degli Dei nei Templi sembravano il presupposto al rinsaldamento dell’Eternità di Roma.

Coraggiosissimo in guerra, egli morì il 26 giugno del 363 contro i Persiani.

Circolò da subito il sospetto che ad ucciderlo fosse un cristiano Romano, in odio verso Colui che non voleva consegnare l’Impero Romano ed i suoi Popoli al Rabbi Gesù, Bibbia ,Vangelo.

Lasciò alcuni Suoi scritti, tra cui lo splendido “DISCORSI CONTRO I GALILEI” (Egli definiva i cristiani “galilei” perché sorsero in Galilea), devastante atto d’accusa contro il cristianesimo –religione rivelatasi atto preparatorio del Marxismo- e lucidissimo Manifesto del Paganesimo Indoeuropeo, oggi pubblicato dalle Edizioni di AR (www.edizionidiar.com) che ci sentiamo in dovere di ringraziare.

I Suoi scritti, dopo la morte, subirono il rogo – edificante abitudine cristiana – ed il disprezzo dell’apologetica della cristianità. Fu paragonato a Satana in un delirio di oltraggi alla Sua Memoria.

Che questo libro non manchi nella biblioteca di ogni Indoeuropeo.

Print Friendly
Categorie: arete

Pubblicato da admin il 26 giugno 2012

Commenti

  1. Annalisa

    Ho trovato il libro in pdf. Lo sto leggendo con stupore ed entusiasmo, trovandovi una lucidità e attualità di pensiero inimmaginabili. La ringrazio infinitamente per la segnalazione.

Lascia un commento

    alza la barricata


  • Milano - 1 aprile 2017

  • roma - 9 aprile 2017

  • polemos vol. 3

  • poesia iniziatica

    Cantiche alla Musa – recensione a cura di Stefano Mayorca

    di Ereticamente

    La Déa, il contatto con l’isiaca matrice femminea, frutto di ancestrali memorie, sopita nelle profondità dell’Essere, mai estinta  ma viva nell[...]

  • il soledì

    Il democratico dispotismo dei regimi occidentali

    di Paolo Sizzi

    Ogni volta che in Europa accade un fatto di sangue terroristico, cagionato dalle cosiddette “risorse” bipedi provenienti dalle remote terr[...]

  • civiltà romana

    EreticaMente intervista il prof. Maurizio Bettini – a cura di Luca Valentini

    di Luca Valentini

    Maurizio Bettini, classicista e scrittore, insegna Filologia Classica nella Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Siena, dove ha f[...]

  • donne della tradizione

    Le donne fatali nella Grecia arcaica – Fabrizio Bandini

    di Ereticamente

    La Grecia arcaica ci offre numerosi esempi di donne fatali, di femmine archetipali, potenti ed oscure. D’altronde il Mediterraneo, era antica terr[...]

  • a dominique venner

  • Ultimi commenti
    • MAry in Chi vusa pusé, la vacca l’è sua! Chi grida di più, la vacca è sua – Roberto Pecchioli

      Aspettiamo l'abolizione dell'alternanza scuola-lav... Leggi commento »

    • Giuseppe in Una Ahnenerbe casalinga, prima parte

      "Nel cristianesimo, questa desacralizzazione della... Leggi commento »

    • Daniele Bettini in Etica, politica, religione – Fabio Calabrese

      Per capire cos’è in realtà il Graal dobbiamo c... Leggi commento »

    • Bilancini in Il trionfo della stupidità – Fabio Calabrese

      Analisi e valutazione spietate ma, purtroppo, inat... Leggi commento »

    • Casalino in Evolofobia, o dell’invidia - Luigi Morrone

      Sono totalmente daccordo con quanto scrive l'autor... Leggi commento »

  • post Popolari

    archivio ereticamente

    Statistiche

    Tag

    Newsletter

  • a. dugin

    Uscire dal XX secolo. Un’idea nuova per il Terzo Millennio.  Per una Quarta teoria politica. – Roberto Pecchioli (5^ ed ultima parte)

    di Il Picchio

    “Chi ha rinunciato alla sua terra, ha rinunciato anche al suo Dio” (Fedor Dostoevskij- L’idiota) Capitolo IX Andare oltre Centro e periferia Il [...]

  • populismo

    Elogio ragionato del populismo, 2^ parte – Roberto Pecchioli

    di Ereticamente

    Il rasoio di Occam populista Quello che sembra sfuggire alle analisi di sociologi e politologi, e che è a monte dell’insorgenza populista c’è il[...]

  • storia

    Il balletto dei trattati – Michele Rallo

    di Michele Rallo

    1915-18: il doppio gioco inglese trascina l’Italia nella Prima guerra mondiale Abbiamo già avuto modo di accennare ai motivi che, nel 1915, spins[...]

  • eretico

    2016: un anno che ha cambiato la storia del mondo – Michele Rallo

    di Ereticamente

    E così è finito anche questo particolarissimo 2016. Quando sarà studiato sui libri di storia, probabilmente sarà indicato come l’anno che ha seg[...]

  • poesia

    Poesia operativa, strumento di trasmutazione – Vittorio Varano

    di EreticaMente

    Nell’affrontare il problema di dover fornire una rappresentazione figurativa del tempo, i pensatori si dispongono in due grossi schieramenti con[...]